Biblioteche e bene comune digitale

a cura di Salvatore Fiandaca e Gianni Vitrano

Dall’11 al 16 marzo 2019 la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica organizza a livello nazionale la “Settimana dell’Amministrazione aperta” con l’obiettivo di promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e della accountability nelle amministrazioni pubbliche e nella società e accrescere la fiducia dei cittadini nelle istituzioni. Per il Comune di Palermo ha aderito la Biblioteca Comunale presentando il progetto Teca digitale.

Il progetto nasce a fine 2017, quando sono state pubblicate su Flickr le prime scansioni delle cartoline della Collezione fotografica di Enrico Di Benedetto, con illustrazione e foto di Palermo tra il XIX ed il XX secolo, un progetto permette a noi cittadini di fare un meraviglioso viaggio nel tempo (cit.)

Ad oggi sono state pubblicate più di 800 cartoline, ad ognuna è associato a un “corredo informativo” costituito da: titolo, posizione geografica, gallerie di appartenenza, tag, licenza e metadati (non sono dati presenti in tutte le immagini, ma nella grandissima parte), tutte pubblicate con una licenza aperta CC BY-SA 4.0 che ne consente il riuso

Grazie all’uso della licenza CC BY-SA 4.0, alla buona struttura dei metadati e all’analisi di @aborruso, partendo dagli album di Flickr con il  web scraping  ha ottenuto i dati grezzi ottimi per un riuso. Qui maggiori dettagli sulla la tecnica usata per recuperare i dati.

Il riuso dei dati

Nei file CSV ‘grattati’ da Andrea, per ogni immagine, c’è la posizione geografica, che permette di localizzare le cartolinie sul territorio comunale di Palermo, per farlo è stato utilizzato uno dei più usati GIS Desktop Open Source, QGIS.

Utilizzando solo i file CSV è stato possibile creare la mappa e un atlante (cioè una stampa in serie di tutte le foto con tutti i dati disponibili): la mappa è interattiva, cioè al passaggio del mouse, su ogni punto, compare la relativa immagine (vedi screenshot di sopra); oppure è possibile generare un unico atlante di oltre 800 schede, una per ogni cartolina presente nella collezione.

Scheda dell’atlante realizzato cin QGIS

Dati:

Riferimenti

Video demo

Le mappe

Dal progetto QGIS,  con l’ausilo del plugin Qgis2web e un pizzico di conoscenza di HTML abbiamo realizzato la mappa #viaggioneltempo sfruttando il lavoro fatto per un vecchio progetto, l’Atlante Storico, che abbiamo ritenuto essere la base cartografica naturale per il tema trattatto.

#viaggioneltempo

Sempre con QGIS abbiamo ottenuto i file geojson che ci hanno permesso di costruire una mappa dinamica su uMap (altro esempio di riuso)La Cartografia di base utilizzata nella mappa, è la Carta tecnica storica della Soc. An. Ottico Meccanica Italiana e Rilevamenti Aerofotogrammetrici (O.M.I.R.A.) del 1935 di Roma, pubblicata dal Comune di Palermo nel Portale Cartografico, scaricata e riproiettata per realizzare Atlante delle cartografie storiche di Palermo.

Le mappe sono stata inserita nel contenitore PalermoHub di opendatasicilia.it, un contenitore di mappe realizzate/rielaborate da liberi cittadini o da civic hackers prevalentemente sul territorio comunale di Palermo,  non ha alcun intento commerciale, l’unica finalità è mostrare le possibilità di rielaborazione e comunicazione offerte dagli open data o dati pubblici comunali, regionali, nazionali e tutti possono contribuire alla crescita e alla divulgazione.

PA/WORKING opendata di comunità per ottimizare il lavoro di rete

Il Comune di Palermo avvia PA/WORKING, un laboratorio di idee per mettere al centro la creazione di impresa, anche attraverso un dibattito dedicato al lavoro e alle nuove opportunità di crescita e sviluppo, promosso dall’Assessorato alle Attività Produttive .

Viene creato l’omonimo gruppo Facebook. Associazioni, professionisti di varia competenza si presentano nel social network. Meraviglioso. Ma guardando il gruppo FB vedo e mi accorgo che questo social non ti permette di avere database informativi su coloro che si stanno presentando ora dopo ora. Quindi ritengo utile (per tutti) creare un modulo Google per l’iscrizione delle persone con i loro dati. Il modulo genera in automatico un database in formato csv che rendo pubblico online.  Così gli iscritti si ritrovano tutti insieme gli uni accanto agli altri.  In pratica il database è un dataset pubblico in formato aperto, cioè la collettività sta facendo open data.

Ma ecco che arriva il mio amico Andrea Borruso (geomatico), al quale non sfugge nulla in rete che non possa essere trasformato in mappa georeferenziata, e che genera una mappa su UMAP (basata su openstreetmap) riportanti le informazioni del database sopra descritto.  E siccome ho imparato che se in un database ci mettiamo lat e long ci puoi ricavare una mappa, Andrea può far visualizzare agli iscritti al database la georeferenziazione delle attività professionali degli iscritti a Palermo. La piattaforma georeferenziata UMAP, che Andrea mi ha insegnato ad utilizzare, è gratuita e si presta perfettamente a rappresentare informazioni di vario tipo, oltre alla georeferenziazione: testo, link, immagini e video (vedi esempio). Andrea in sintesi crea un collegamento tra il link del database  in formato  aperto online e l’url di sorgente che la piattaforma di UMAP chiede nel caso di mappe generate non da un upload di file ma da un sorgente url.

Cosa abbiamo imparato con questa esperienza? Che la raccolta di dati tramite moduli online permette di generare database in formato aperto (open data) di comunità e di conseguenza mappe georeferenziate di comunità. Questo rafforza il senso di comunità e alimenta la costruzione di reti professionali di territorio..

A Berlino succede qualcosa di analogo.  Analogie di metodo e di piattaforma (basata su openstreetmap) con la mappa di comunità PA/WORKING: compila un modulo online e i dati in formato aperto vanno in un database strutturato che alimenta una mappa georeferenziata online.