Sull’organizzazione del raduno di Open Data Sicilia 2018

Ogni anno Open Data Sicilia organizza due eventi sul territorio siciliano, uno in estate e uno in inverno, nei quali vengono coordinate giornate di confronto, incontri formativi e workshop ad accesso gratuito, gruppi di lavoro e di sviluppo progettuale per lavorare sugli open data.

Quest’anno la scelta della location del raduno è stata fortemente influenzata dall’intenzione di voler organizzare al Palazzo dei Normanni di Palermo, sia il raduno classico Open Data Sicilia, sia l’OpenARS Hackathon, cioè un’iniziativa di civic hacking collaborativa che ha come obiettivo quello di promuovere il riuso, da parte della comunità degli sviluppatori, giornalisti, studenti, etc, dei dati dell’Assemblea Regionale Siciliana, relativi alla istituzione e all’attività parlamentare.

Analogamente a quanto fatto nell’Hackathon code4italy sui dati aperti della Camera, organizzato a Montecitorio nel 2014, l’obiettivo dell’iniziativa OpenARS Hackathon è aumentare la conoscenza dei dati aperti parlamentari siciliani, mostrare a una platea ampia perché gli open data sono così importanti, soprattutto in un settore chiave come quello legislativo.

I dati aperti, infatti, sono lo strumento abilitante per eccellenza, per tutte quelle iniziative relative al monitoraggio, alla trasparenza, alla partecipazione civica e all’ open-government in generale.

Per poter instaurare un confronto con l’ARS abbiamo inviato giorno 30/05/2018 questo testo al presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, on. Gianfranco Miccichè e a tutto il consiglio di Presidenza.

Siamo stati contattati dall’on. Giancarlo Cancelleri prima e dall’on. Claudia La Rocca dopo e, dopo una fase interlocutoria, abbiamo concordato un primo incontro all’ARS giorno 27 giugno 2018.

E’ un primo passo importante perché pensiamo che l’ARS sia la giusta sede per la diffusione di un progetto che riteniamo di estrema importanza per la collettività.