Palermo: un meraviglioso viaggio nel tempo grazie alla Biblioteca Comunale di Palermo

La Biblioteca Comunale di Palermo dal 26 ottobre del 2017 ha iniziato a pubblicare su Flickr alcune foto della Collezione fotografica di Enrico Di Benedetto, scattate a Palermo tra il XIX ed il XX secolo, tutte pubblicate con una licenza aperta che ne consente il riuso.

Da quel giorno ne sono state pubblicate poco più di 800 e questa collezione oggi è un archivio a suo modo unico, dal grande valore simbolico e culturale.

A me lascia senza fiato vedere ad esempio la galleria dedicata alla “Cala”, l’attuale porto turistico della città, nonché il più antico porto di Palermo. E questa foto denominata “Imbarco-Emigranti“, di circa 100 anni fa, merita di essere guardata e riguardata.

Note sull’archivio

L’archivio è composto da queste 20 gallerie:

Ogni foto è associata a un “corredo informativo” costituito da: titolo, posizione geografica, gallerie di appartenenza, tag, licenza e metadati (non sono dati presenti in tutte le foto, ma nella grandissima parte).

La posizione geografica viene inserita sfruttando una delle caratteristiche native di Flickr che consente di associare una foto a una posizione su mappa. Una volta fatto, all’elemento viene associata una struttura dati di questo tipo, in cui oltre alla coppia di coordinate è presente un’informazione geografica gerarchica (Italia > Sicilia > Palermo).

Per i metadati lo staff della Biblioteca ha accettato una nostra proposta (vedi paragrafo successivo). Flickr infatti non consente di metadatare in modo strutturato una foto, associargli un identificativo, un autore, un editore, la pagina, ecc. e l’unica possibilità per inserire informazioni di questo tipo è quella di sfruttare lo spazio per le note testuali.
E questo è il modo scelto (immagine di sotto) per il meraviglioso archivio della British Library.

Abbiamo aggiunto un elemento: inserire il testo della nota in una modalità che fosse nativamente non soltanto da leggere a video, ma anche un testo strutturato machine readable, trasformabile in una banca dati da interrogare, analizzare e trasformare.
E allora le note sono in YAML, un formato che è sia human che machine readable.

Ad ogni foto sono quindi associate informazioni con questa struttura tipo:

È leggibile chiaramente da un essere umano e contemporaneamente si può trasformare in dati “leggibili da una macchina”, sfruttando una qualsiasi libreria/modulo in grado di interpretare un testo YAML. Con yq ad esempio trasformo la stringa di input di sopra con <input.yaml yq '.|add', per avere indietro un “classica” rappresentazione JSON:

Nella struttura YAML c’è un errore (a causa di un mio suggerimento errato) – non ci dovrebbero essere i “trattini” che fanno da punto elenco – che per fortuna però non ha conseguenze sulla lettura dei dati.
Flickr inoltre fa un encoding dei caratteri inseriti nel campo note (gli “a capo” diventano \n, le virgolette &quot;, ecc.), ma basta saperlo e prendere le “contromisure” via script, per riportare il testo a una struttura YAML corretta.

Come nasce

Qui in OpenDataSicilia diverse persone hanno mostrato nel tempo interesse verso il riuso del patrimonio fotografico della Biblioteca Comunale di Palermo. Tra i primi Giulio Di Chiara e Ciro Spataro, che nel tempo hanno fatto diversi tentativi per porre in essere la cosa.

Quello riuscito, che ha portato a quanto descritto sopra, parte proprio da un’email di Ciro di settembre del 2017, che scrive a me e al Prof. Taibi queste parole:

[…] poniamo che l’Archivio Storico comunale e la Biblioteca comunale si convinca a creare un profilo FLICKR per postare migliaia di immagini frutto di scansioni di carte e manufatti storici e artistici su Palermo e la Sicilia custodite dentro le due strutture. Per valorizzare pubblicamente il patrimonio custodito, insomma open data. Così come fanno a Londra, a New York le Biblioteche pubbliche […]

Da lì parte uno scambio ricco tra Ciro, Davide, me e la Biblioteca, che ha portato in pochi giorni all’inizio della pubblicazione delle foto su Flickr.

Dati

Flickr consente l’accesso ai suoi dati tramite delle ricche API. Per usarle è necessario usare una API key, ottenuta la quale è possibile interrogarle con semplicità.

Un esempio è questo script bash – “bruttino”, perché molto ottimizzabile – che interroga le API per restituire:

Nota bene: da circa 10 foto non è stato possibile estrarre i metadati, perché ci sono dei piccoli errori nel testo sorgente.

Note conclusive

Quanto fatto dalla Biblioteca Comunale di Palermo è un esempio di valore: è facilmente replicabile, non costringe a rivoluzionare procedure interne, ha dei costi sostenibilirestituisce un bene comune digitale prezioso ed è pronto al riuso di persone e “macchine”.

Non è perfetto e si può fare (come sempre) di più e meglio, ma il progetto merita un plauso e un passaparola.

Nei prossimi giorni ci saranno delle sorprese 🎉🎉, degli esempi di riutilizzo di questi dati.

Casi di riuso

Dopo la pubblicazione di questo articolo i dati sono stati (evviva) riutilizzati. Ecco gli esempi: