OPENDATAFEST 2017, Caltanissetta 2-4 giugno 2017, #ODFest17

#ODFest17

Dal 2 al 4 giugno 2017 a Caltanissetta si terranno iniziative per conoscere il mondo dei dati e per stimolare la conoscenza aperta, incontrare persone che se ne interessano, condividere esperienze e costruire prototipi insieme. Quest’anno si tratta di un evento organizzato dalle comunità Open Data Sicilia e Spaghetti Open Data.

Un portale informativo è già stato redatto http://opendatafest.it/ e contiene le informazioni utili per coloro che intendono partecipare, non solo come uditori, ma anche come relatori.

Questa mappa illustra i siti dove si terranno gli eventi, i punti di riferimento del trasporto pubblico locale e i siti per il pernottamento.

Ecco alcuni alcuni temi che saranno approfonditi al raduno (ma non sono necessariamente solo questi):

  • pratiche e metodi di trasparenza;
  • i dati della amministrazione aperta;
  • la condivisione dei dati aperti e il loro riuso;
  • i dati aperti per comprendere meglio la realtà e come supporto alle decisioni;
  • fare impresa con i dati aperti (casi di business basati sugli Open Data);
  • l’impatto sulla società dei dati aperti;
  • il trattamento dei dati, l’analisi e la loro visualizzazione;
  • metadati, ontologie e approcci semantici;
  • raccontare il territorio a partire dai dati;
  • strumenti hardware e software per la raccolta e la condivisione di dati aperti.

I tre giorni avranno questa struttura:

  1. venerdì 2 giugno: la giornata è divisa in due parti:
    • mattina: terremo una conferenza in cui aggiornarci a vicenda sulle cose più importanti che sono successe nell’ultimo anno nel mondo degli Open Data;
    • pomeriggio: ci saranno delle sessioni parallele sui temi che arriveranno dalle proposte che faranno i partecipanti stessi, come per i BarCamp (per chi li conoscesse).
  2. sabato 3 giugno faremo un Civic Hackathon: produrremo insieme qualcosa di concreto. A differenza degli hackathon “normali”, il civic hackathon non si concentra solo sulla produzione di software, ma anche su analisi di leggi e normative o azioni di monitoraggio civico. Qualunque persona interessata al tema può esserne protagonista, anche se non sa programmare. Anche in questo caso, l’ambito e le possibili sfide da affrontare saranno frutto di quelle proposte che arriveranno dai partecipanti stessi;
  3. domenica 4 giugno faremo una giornata di formazione per la comunità. Sarà accessibile anche a principianti assoluti: il suo obiettivo è rendere tutti in grado di “fare delle cose con i dati” – una cosa molto pratica, insomma. Come per il sabato, anche in questo caso le proposte emergono direttamente dal basso.

E’ forse l’iniziativa civica sui dati aperti più interessante d’Italia del 2017, perché realizzata da persone che dentro o fuori le pubbliche amministrazioni sono accomunate dalla passione e consapevolezza dell’importanza della conoscenza condivisa.

Partecipa all’OPENDATAFEST 2017

Se partecipi puoi anche farlo sapere aggiornando la cover del tuo profilo Twitter o di Facebook:


(foto in alto di Lillo Miccichè)

OpenData e Territorio – esperienze siciliane a confronto

Prologo: Mi “tocca” scrivere su questo blog per la prima volta anche per riparare ad un piccolo “misunderstanding” avuto con il mitico @aborruso, spero che il contributo sia il primo di una lunga serie.

Si terrà il prossimo 19 gennaio presso l’Istituto “Testasecca” di Caltanissetta un seminario formativo organizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Caltanissetta e partrocinato dall’Associazione Ingegneri Ambiente e Territorio (AIAT) e Geofunction.

L’evento intitolato “Opendata e Territorio – esperienze siciliane a confronto” è stato organizzato per offrire degli spunti di riflessione su quanto gli opendata, il software opensource ed il territorio, se “opportunamente” connessi possano contribuire ad uno sviluppo culturale, economico e ambientale.

Gli interventi tecnici programmati sono quattro:

  1. ing. Gianfranco DI PIETRO (Esperto in Sistemi Informativi Territoriali) “Il software GIS open source per la libera professione, opportunità ed esempi
  2. ing. Agostino CIRASA (Servizio Cartografico Regione Sicilia) Open Geodata Regione Siciliana Geoportale e QGIS
  3. ing. Antonio CONDORELLI (Azienda Metropolitana Trasporti Catania SpA) Dati geografici gestiti da un’azienda di trasporto pubblico: da elementi di  processi aziendali ad informazioni di pubblico interesse e fruizione
  4. dott. Giuseppe BOLOGNA ing. Giuseppe Dell’Utri (Servizio Cartografico Comune di Caltanissetta) Impieghi e interventi GIS negli enti pubblici: l’esperienza del Comune di Caltanissetta

Filo conduttore degli interventi è il ruolo che i dati territoriali (open e non) hanno nelle realtà delle PP.AA., delle aziende e nelle libere professioni. Sin dai primi interventi si cercherà di dimostrare come oggigiorno utilizzando opendata, opensource e opengeodata, imprese e  liberi professionisti riescono ad abbattere notevolmente i “costi” di produzione, di gestione e progettazione. Tutto ciò sta offrendo negli ultimi anni un impulso notevole all’economia di settore in termini di competitività e innovazione.

A questo paradigma dell’open-economy si vuole affiancare anche un altro tema altrettanto importante; la condivisione dei dati e delle analisi territoriali di enti e società di servizi contribuisce anch’essa allo sviluppo sociale e culturale dei cittadini. Consultare una mappa urbanistica, una carta dei vincoli, gli orari degli autobus e tante altre cose favorisce il progesso della cultura territoriale, il rispetto e la coscienza ambientale.

Con queste premesse vi aspetto a Caltanissetta Lunedì alle 16:00 presso l’istituto Testasecca, Viale Della Regione 1 – Caltanissetta (lat. 37.49342 lon. 14.05156 WGS84)

Link social dell’evento: FacebookTwitter

stralcioWEB