Accesso ai dati della Trasparenza al Comune di Messina: i rilievi degli organi di controllo.

Tutti i cittadini ai sensi dell’articolo 31 comma 1 del d.lgs 33/2013 ” Obblighi di pubblicazione concernenti i dati relativi ai controlli sull’organizzazione e sull’attività dell’amministrazione ”   hanno il diritto di consultare on-line unitamente agli atti cui si riferiscono tutti i rilievi degli organi di controllo.  I rilievi devono essere pubblicati in una sezione dei siti web denominata Amministrazione Trasparente che tutte amministrazioni pubbliche sono obbligate ad avere in base all‘art. 9 del d.lgs 33/2013. In particolare in questo caso è obbligo pubblicarli nella apposita sottosezione di secondo livello della sezione AT, denominata” Controlli e rilievi sull’amministrazione ” .

La trasparenza consente ai cittadini di partecipare, vigilare, proporre. Senza la conoscenza piena di atti e documenti si fanno solo chiacchiere.

Per cercare di estendere questo diritto a Messina e ai messinesi – visto che sulla pagina ufficiale al momento il Comune di Messina (nella foto) non lo garantisce – è stata inoltrata un’istanza di accesso civico al Segretario Generale del Comune di Messina, Antonio Le Donne. Il direttore Le Donne è anche Responsabile della Trasparenza: a lui dunque spetta l’onere (e l’onore, soprattutto!) di garantire questo diritto di accesso ai dati (cosa anomala: il direttore è anche Responsabile titolare del potere sostitutivo).

Tanto per fare alcuni esempi :

il Comune di Siracusa garantisce questo diritto parzialmente avendo pubblicato l’ordinanza della Corte dei Conti sul rendiconto finanziario 2012 ;

Il Comune di Palermo garantisce in modo esaustivo questo diritto avendo pubblicato i rilievi nell’apposita sezione 

Il Comune di Catania pubblica i dati e i documenti nella sezione prevista 

Perchè i cittadini di Messina non hanno il diritto di accesso ai dati ?

L’istanza, inoltrata a firma Laura Strano il 20/11/2015 riguarda con precisione la richiesta di pubblicazione di tutti i rilievi dal 2013 ad oggi, e in dettaglio:

  • i rilievi non recepiti degli organi di controllo interno, degli organi di revisione amministrativa e contabile;
  • tutti i rilievi ancorché recepiti della Corte dei Conti

Il Direttore Generale entro 30 giorni, a partire dal 20/11/2015, deve provvedere alla pubblicazione di quanto richiesto.

L’idea è di tenere monitorata la situazione, quindi chi vorrà farsi un’idea complessiva di quello che succederà, può fare riferimento a questo post perché lo terremo aggiornato.