Il Difensore civico per il digitale fa moral suasion su SPID?

SPID è il sistema pubblico d’identità digitale, la soluzione che permette di accedere a tutti i servizi online della pubblica amministrazione con un’unica Identità Digitale.

Secondo il sito del Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione, SPID sarebbe dovuto essere implementato dalle Pubbliche Amministrazioni entro Marzo 2018.

Sempre entro Marzo 2018 AGID avrebbe dovuto rilasciare un piano d’implementazione di SPID per le PA che ancora non avessero provveduto ad implementare SPID sui propri servizi online.

Con l’aggiornamento del Codice dell’Amministrazione Digitale del 13/12/2017 è stato istituito presso AGID l’ufficio del difensore civico per il digitale, a cui chiunque può presentare segnalazioni relative a presunte violazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale e di ogni altra norma in materia di digitalizzazione ed innovazione della pubblica amministrazione.

Il sito istituzionale di AGID permette espressamente di inviare segnalazioni sull’identità digitale.

 

Secondo un blog post del Team per la Trasformazione Digitale che ha collaborato alla stesura dell’ultima edizione del Codice dell’Amministrazione Digitale, il Difensore Digitale ha il compito di esercitare una moral suasion sulle amministrazioni che non garantiscono i diritti di cittadinanza digitale.

Ho testato per tre volte il servizio di moral suasion offerto dal Difensore Civico per il Digitale, ecco come è andata.

La prima esperienza l’avevo già raccontata con un post sul blog di #opendatasicilia.

La segnalazione riguardava la mancanza di SPID sul portale online del Sistema regionale degli Sportelli Unici della Regione Siciliana.

Come già documentato nel precedente blog post al quale vi rimando, la segnalazione è stata ritenuta non ricevibile in quanto indipendente dall’utilizzo di SPID.

La seconda segnalazione l’ho inoltrata in data 16/06/2018 e riguardava la mancanza di SPID sul portale della Regione Siciliana dei servizi per lavorare in Sicilia, in quanto avevo appreso dai giornali che in quei giorni i centri per l’impiego avevano qualche problema.

Il 17/07/2018 il Difensore Digitale mi risponde di aver richiesto alla Regione Siciliana “elementi tecnici di approfondimento”, da allora non ho ricevuto altre notizie, neanche il rigetto della mia segnalazione.

 

La terza segnalazione l’ho fatta in data 26/07/2018 e riguardava il portale Alloggiati Web della Polizia di Stato.

Per chi non lo sapesse, tutte le strutture ricettive in Italia sono obbligate ad inviare alla Questura le schede anagrafiche con i dati dei loro ospiti.

Il problema è che i documenti per l’accreditamento delle strutture ricettive al fine di ottenere la password al portale Allogiati Web e poter adempiere all’obbligo dell’invio delle schede anagrafiche degli ospiti cambiano da Questura a Questura.

Ad esempio, qui i moduli di Trapani, qui i moduli di Agrigento, qui i moduli di Enna, sul sito della Questura di Palermo non sono riuscito a trovare i moduli.

Per questo motivo, ho pensato che fosse utile segnalare al Difensore Digitale la mancanza di SPID sul portale Alloggiati Web, anche al fine di liberare le stesse questure dall’incombenza di rilasciare delle password alle strutture ricettive.

Magari le questure hanno cose più importanti da fare che rilasciare password alle imprese?

La mia segnalazione è stata protocollata il 26 Luglio 2018, ma non ho ancora ricevuto alcuna risposta, neanche un rigetto della segnalazione.

 

Ho guardato per curiosità la lista degli otto inviti fatti alle Pubbliche Amministrazioni dal Difensore Digitale nel periodo compreso tra il 10/05/2018 ed il 07/11/2018 e nessuno riguarda SPID.

Concludo con due riflessioni:

  • I tempi del Difensore Digitale sono stati esposti in questa discussione sul Forum di Italia.it,  ma appaiono veramente troppo lunghi e burocratici per delle semplici segnalazioni che hanno come oggetto di verificare se un servizio online sia accessibile con SPID o meno, considerato anche che il Difensore Digitale non ha poteri sanzionatori ma si limita al compito di moral suasion delle Pubbliche Amministrazioni che non rispettano i diritti digitali di cittadini e imprese.
  • Se il monitoraggio sull’implementazione di SPID da parte delle Pubbliche Amministrazioni fosse pubblicato, si potrebbe prevedere una integrazione tra le segnalazioni su SPID al Difensore Digitale e la mappatura dei servizi online che ancora non hanno SPID.
    A proposito, quando verrà pubblicato il monitoraggio sull’implementazione di SPID?

 


L’immagine in copertina è Franco Baresi, che nulla c’entra con questo post.

I credits dell’immagine sono qui.

Come abbiamo creato un «Read the Docs» per pubblicare documenti pubblici su Docs Italia

Questa storia nasce dal Team Trasformazione Digitale dell’AgID che inizia a pubblicare documentazione della Pubblica Amministrazione su un formato online nuovo che si chiama Read the Docs.

Read the Docs (RTD) è un formato che permette di leggere testo su dispositivi mobili adattandosi alle dimensioni del display e consente di cercare parole nel testo attraverso uno spazio apposito. Già solo queste due caratteristiche lo fanno preferire al classico formato PDF usato per la maggiore nei siti web della PA. Purtroppo il PDF non si adatta ai dispositivi mobili e non consente un agevole ricerca di testo al suo interno.

Per arrivare alla pubblicazione di documenti su RTD è necessario compilare file nel linguaggio RST (reStructruredText) e renderli disponibili in progetti dentro il repository di Github.

Dopo che il Team Trasformazione Digitale inizia la pubblicazione di documenti della PA su RTD, alcuni dipendenti di PA cominciamo a pubblicare documenti pubblici su questo formato  e il risultato è senza dubbio molto gradevole e comodo ai fini della lettura su ogni dimensione di schermo.

Come ogni fenomeno nuovo c’è sempre l’aspetto e il ruolo pionieristico che è importante per fare da traino per gli altri. Ed è così che ci ritroviamo Ciro Spataro (Comune di Palermo) e Pablo Persico (Città Metropolitana di Napoli) a scambiarci idee e proposte per pubblicare documenti pubblici su Read the Docs, e fra un messaggio e un altro arriviamo alla conclusione condivisa che sarebbe utile e bello costruire un tutorial sulle modalità di costruzione di un documento da pubblicare Read the Docs: da dove partire e tutte le procedure da seguire. Cominciamo a lavorarci condividendo un Google doc all’inizio, e strutturiamo didatticamente il tutorial in 2 parti: una in cui si spiega una procedura per chi non è molto addentro alle procedure di compilazione e versionamento dei documenti e una per i più esperti. Questo al fine di arrivare ad ogni tipologia di dipendente pubblico in fatto di competenze digitali.

All’iniziativa prende parte Andrea Borruso per la supervisione dell’intero lavoro didattico, vista la sua attitudine e piacere a “spiegare bene” le cose.

Quello che ci ha preso maggiormente in questa iniziativa è stata la voglia di vedere i documenti della Pubblica Amministrazione visualizzati come mai ad oggi è stato fatto. Una sorta di vendetta contro un PDF scomodo 😉

Dal Read the Docs creato è possibile ottenere, automaticamente dalla stessa piattaforma, il documento in formato PDFEPUB ed HTML (zippato). Quindi per coloro che non possono rinunciare al PDF non c’è la possibilità di alcun trauma psicologico.

Il resto lo potete leggere nel Read the Docs http://come-creare-guida.readthedocs.io

 

#Palermo, linee guida comunali #opendata 2017, la tradizione continua in modalità partecipata

Il 4 maggio 2017 l’Amministrazione Comunale di Palermo, con la Deliberazione di Giunta n. 97, ha approvato la versione 2017 delle linee guida open data partecipate, quale continuazione di un percorso culturale cominciato nel 2013.

GLI ALBORI – la storia comunale degli open data di Palermo nasce nel 2013, quando 7 cittadini collaborano spontaneamente con il Comune costruendo la prima versione delle linee guida.  A seguito di un dialogo con l’Assessore alla Partecipazione, inviano la bozza di linee guida via email all’Amministrazione, la quale con Deliberazione di Giunta Municipale n. 252 del 13 dicembre 2013 le approva, facendole diventare strumento guida per l’organizzazione interna del processo di pubblicazione di dataset in formato aperto. Quei 7 cittadini sono Davide Taibi, Francesco Passantino, Gerlando Gibilaro, Andrea Borruso, Marco Alfano, Giulio di Chiara e Ciro Spataro (dipendente comunale).

OLTRE 3 ANNI DI OPEN DATA – nel periodo tra il dicembre 2013 e il maggio 2017 (3 anni e 4 mesi) l’Amministrazione comunale, nei suoi uffici e con il suo personale, intraprende un percorso di organizzazione e formazione, necessari alla pubblicazione dei dataset che ad oggi ammontano a 546 disponibili nel portale open data. L’aspetto più interessante non è la quantità di dataset oggi disponibili nel portale istituzionale, ma il processo “umano” di crescita che in questi oltre 3 anni ha portato diversi dirigenti e referenti open data a pubblicare dataset e a credere nell’importanza dei dati pubblici in formato aperto, rilasciati con licenze che ne permettono il riuso.

IL TEAM OPEN DATA E LE RIUNIONI PUBBLICHE – all’inizio del 2014 l’Amministrazione costituisce, come da linee guida, il Team open data, una strutturazione interna con responsabile open data, dirigenti e referenti negli uffici, quali soggetti chiave per l’individuazione e pubblicazione di dataset. Due volte all’anno si tiene la riunione del Team open data, un evento pubblico al quale possono partecipare soggetti della società civile, e nel quale si decidono le priorità di pubblicazione dei dati e i tematismi sui quali concentrare l’attenzione per i dataset da pubblicare. Durante queste interessanti riunioni, soggetti della community Opendatasicilia partecipano, da tempo, con interesse proponendo sempre iniziative e azioni volte al miglioramento della qualità dei dataset da pubblicare. Da notare l’interessante interazione, sempre propositiva, con la quale i partecipanti alla riunione si pongono nei confronti dei referenti e dirigenti comunali e la coesione che si viene a costruire tra interno (Comune) ed esterno (Società). I verbali di tutte le riunioni del Team sono disponibili per la consultazione nell’home page del portale open data.

L’ACCOMPAGNAMENTO FORMATIVO DEI REFERENTI – la struttura del Responsabile open data è affiancata da un tecnico (Ciro Spataro) per l’accompagnamento e la formazione base dei referenti negli uffici. Dal 2014 intrattengo un costante confronto con i referenti open data al fine di porli nella condizione di poter pubblicare dataset almeno in versione tabellare CSV (catalogati 3 stelle in una scala da 1 a 5). Ciò in quanto diversi uffici, non lavorando con applicativi gestionali creati ad hoc, fanno ricorso al pacchetto applicativo di Excel per custodire, gestire e archiviare dati di competenza. Mi avvalgo anche di un piccolo portale formativo allo scopo. Degli incontri effettuati con i referenti negli uffici tengo un report in costante aggiornamento che ritengo una sorta di memoria e che può aiutare a comprendere sia i problemi incontrati nella pubblicazione di dataset, sia i progressi raggiunti. E’ ovvio che la tendenza dell’Amministrazione, oltre all’uso di formati tabellari quali i CSV, deve essere rivolta soprattutto alla pubblicazione di dataset che sono direttamente derivabili dagli applicativi gestionali in uso negli uffici e in fase di sviluppo per il prossimo futuro (formati XML, Json, GeoJson,…).

LE NUOVE LINEE GUIDA COMUNALI OPEN DATA 2017 PARTECIPATE – con un comunicato stampa comunale del 25 gennaio 2017 viene annunciata la possibilità, per chiunque interessato, di partecipare online alla stesura delle nuove linee guida comunali. Questa nuova versione viene sentita come necessaria per via delle vigenti Linee guida nazionali open data dell’Agenzia per l’Italia Digitale versione 2016 e del vigente Profilo dei metadati DCAT_AP_IT (sempre a cura dell’AgID). Aderire, per Palermo, al profilo dei metadati DACT_AP_IT significa avere la possibilità di indicizzare i dataset palermitani nel catalogo nazionale dei dati (dati.gov.it) e in quello europeo (european data portal). La bozza di linee guida comunali open data 2017 rimane disponibile online per la partecipazione fino ad inizio aprile 2017.

Il 4 maggio la Giunta Municipale, raccogliendo le interazioni pervenute online, approva la nuova versione delle Linee Guida comunali open data versione 2017 partecipate, redatta dallo staff dell’Area Innovazione Tecnologica.

LE NOVITÀ’ DELLE LINEE GUIDA 2017 PARTECIPATE – sicuramente la partecipazione rappresenta il primo elemento di rilievo, che, allo stesso tempo, costituisce una continuazione culturale rispetto al processo passato di partecipazione dal basso, condotto nel 2013 da 7 cittadini che avevano “scritto” le linee guida open data per una grande città italiana.

Nella Deliberazione viene menzionata la community Opendatasicilia, quale soggetto molto attivo, presente agli incontri del Team open data e competente nell’ambito dei dati in formato aperto. Questa citazione attribuisce alla comunità siciliana un importante ruolo: soggetto sensibilizzatore, formatore, di stimolo, in ultima analisi un soggetto ritenuto dal Comune di Palermo valido per il percorso di miglioramento della politica open data.

Altro elemento di novità delle linee guida è il riferimento alla costruzione di API (Application Programming Interface) nella realizzazione delle nuove piattaforme digitali del P.O.N.  METRO di Palermo. La realizzazione di API permette a software di terze parti di interrogare in tempo reale i database comunali nei quali sono custoditi/gestiti i dati tematici, al fine di consentirne un ampio riuso creativo per infiniti scopi. 

Nella riunione del Team open data del 21 dicembre 2016 sono state fissate alcune scadenze operative, dal Responsabile open data comunale, che sono state riportate nella Deliberazione n. 97 del 4 maggio 2017.  Entro giugno 2017 il portale open data comunale di Palermo si renderà “conforme” al  Profilo dei metadati DCAT_AP_IT e sempre entro giugno 2017 ci sarà il traghettamento ad una nuova versione grafica del portale (mostrata all’opendataday 2017) a cura dello staff del Webmaster (al quale vanno ringraziamenti per il supporto e per gli input forniti durante questi anni per il miglioramento del processo di pubblicazione dei dataset).

LAST BUT NOT LEAST: CREDITS – la nuova versione di linee guida open data 2017 partecipate vede un paragrafo dedicato esclusivamente ai crediti. Un azione di “rispetto” e di “ringraziamento” nei confronti di chi individualmente ha contribuito, con la propria azione civica volontaria, a migliorare un pezzo di Amministrazione comunale.

I 7 cittadini palermitani sono ringraziati per la redazione della versione 2013 delle linee guida ed un ringraziamento specifico va a Davide Taibi del CNR Palermo (nonché membro di Opendatasicilia) per avere dedicato tempo e fornito un importante contributo professionale per la definizione operativa del profilo DCAT_AP_IT dei dati e metadati dei dataset nella nuova versione delle linee guida 2017 versione (appunto) “partecipate“.

Le linee guida open data 2017 versione partecipata DEL COMUNE DI PALERMO, appena approvate, sono RILASCIATE CON LICENZA CREATIVE COMMONS, BY (ATTRIBUZIONE), SA (CONDIVIDI ALLO STESSO MODO) E SONO disponibili in formato ODT a questo link.

Un altra piccola paginetta di storia sui dati pubblici è stata scritta a Palermo e Opendatasicilia c’entra.

e-leader wanted: 9 giugno 2015 Palermo, cultura e competenze #digitali nella PA

L’Agenzia per l’Italia Digitale (organo alle dipendenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri) nel 2014 ha redatto il Programma nazionale per le competenze, cultura e formazione digitale per facilitare il processo di attuazione dell’Agenda Digitale italiana. Un capitolo è interamente dedicato alle “competenze digitali per la Pubblica Amministrazione” ed al ruolo dell’e-leader quale soggetto trainante nei servizi digitali e legati all’uso dell’ICT.

L’AGID in collaborazione con il FormezPA ha avviato una serie di eventi nelle regioni del sud Italia al fine di divulgare i contenuti del “Programma nazionale …”  e per la sensibilizzazione degli amministratori e dirigenti degli enti pubblici locali nell’ambito delle competenze digitali.

E’ stato programmato un incontro a Palermo il 9 giugno 2015 nei locali della Real Fonderia (di fronte il porticciolo della Cala) con inizio alle ore 9.30.

Il programma dell’evento:

09.30 Accoglienza e registrazione partecipanti

10.00 Saluti istituzionali, Assessore all’Innovazione Tecnologica, Comunicazione, Sport, Ambiente, Ing. Cesare Lapiana.

10.30 Apertura dei lavori, La cultura e le competenze digitali nella Pubblica Amministrazione

  • Le competenze digitali nella PA e l’e-leadership, Salvatore Marras, Formez PA
  • Modelli e linee di intervento della Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali, Nello Iacono, Stati Generali dell’Innovazione
  • Fare cambiamento digitale nella PA locale, Flavia Marzano, Stati Generali dell’Innovazione
  • La Cultura delle comunità on line in WikiPA, Angela Creta, Formez PA

12.00 Trasparenza siti web PA: rivoluzione partecipata dal basso, Laura Strano, Funzionario amministrativo presso lo IACP Messina

12.30 La Road Map dell’Open Data del Comune di Palermo, Ciro Spataro, UO Innovazione, Pubblicazione e Open data Comune di Palermo

13:00 Dall’Open data alla Big data analysis. L’esperienza in Regione Piemonte, Roberto Moriondo, Rappresentante delle Regioni nel Comitato di Indirizzo dell’AgID

13.30 Discussione e conclusioni

14.00 Chiusura lavori

L’evento è dedicato a dirigenti, dipendenti e amministratori delle Pubbliche Amministrazioni. Un occasione per le PA siciliane che intendono avviare e migliorare servizi digitali online a vantaggio di cittadini e imprese, e per ottimizzare i processi operativi interni.