Alloggiati Web ed il diritto all’Identità Digitale.

Nello scorso post del 04/12/2018 dal titolo “Il Difensore civico per il digitale fa moral suasion su SPID?” avevo raccontato due mie segnalazioni aperte al Difensore Civico per il Digitale.

Entrambe riguardavano il tema del diritto all’identità digitale, ovvero, banalizzando la definizione, la possibilità di accedere con un’unica combinazione di nome utente e password ai servizi online della pubblica amministrazione, tramite SPID.

Mi sono chiesto se questo diritto espresso dal Codice dell’Amministrazione Digitale è tutelato in Italia, ed entro quali limiti.

Nei casi di esempio, ho segnalato la mancata implementazione di SPID, sul Portale Alloggiati della Polizia di Stato che i titolari di strutture ricettive utilizzano per comunicare alla Questura le anagrafiche dei loro ospiti, e sul portale della Regione Siciliana dei servizi per lavorare in Sicilia che serve per compilare la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro.

Dopo il post su #opendatasicilia, l’11/12/2018 il Difensore Civico per il Digitale mi manda questa mail per confortarmi sul fatto che le mie segnalazioni sono in lavorazione.

Per la segnalazione sul Portale Alloggiati, viene anticipato che l’istruttoria è conclusa e riceverò a breve la decisione.

Il 13/12/2018, con una successiva mail, ricevo la decisione sul Portale Alloggiati, che qui vi riporto.

Nella risposta, in primo luogo il Difensore Civico per il Digitale indica che il Codice dell’Amministrazione Digitale prevede l’esclusione della sua applicazione limitatamente alle funzioni di ordine e sicurezza pubblica, quale appunto il Portale Alloggiati.

 

Ammetto che avevo il dubbio dell’applicabilità del C.A.D. al Portale Alloggiati prima di fare la segnalazione, ma che il mio dubbio è stato alimentato dal fatto che nel

DECRETO 7 gennaio 2013 del Ministero dell’Interno che regola le “Disposizioni concernenti la comunicazione alle autorità’ di pubblica sicurezza dell’arrivo di persone alloggiate in strutture ricettive”

nel preambolo viene citato un

“Visto il D.L. 7 marzo 2005, n. 235, e successive modificazioni, concernente: «Codice dell’Amministrazione Digitale»;”

come se l’allora Ministro dell’Interno avesse subordinato l’emanazione del Decreto alle regole del C.A.D. vigenti all’epoca.

 

Inoltre, come specifica anche il Difensore Civico per il Digitale nella sua risposta, ero confortato dal fatto che  le segnalazioni inviate al Difensore Civico per il Digitale sono presunte violazioni del C.A.D. e non certe.

 

Andando avanti nella risposta, il Difensore Civico per il Digitale riporta il parere che ha ricevuto dal Ministero dell’Interno.

Metto un attimo da parte le risate per un servizio digitale regolato da una norma che si chiama “Regio Decreto 18 Giugno 1931”, anche perchè è stata modificata recentemente con la LEGGE 1 dicembre 2018, n. 132 che ha esteso l’obbligo di comunicazione alla Questura delle anagrafiche degli ospiti delle Locazioni Brevi rese famose da Airbnb.

Sorvolo anche sulle parole “o mediante fax” contenuta nel Regio Decreto, e vado direttamente ad una precisazione fatta dal ministero dell’interno nella risposta, che ho compreso poco:

Si precisa, infine, che la certificazione digitale non riguarda la “persona fisica” del gestore, bensì la singola struttura ricettiva. Appare, dunque, evidente che l’attività di registrazione informatica delle persone alloggiate negli esercizi ricettivi, rispondendo alla finalità di facilitare l’attività di vigilanza riconducibile alle funzioni di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica esercitate dal Questore, non sia assoggettabili alle disposizioni del CAD

 

È vero che le attività e funzioni di ordine e sicurezza pubblica non sono assoggettabili al C.A.D., ma la risposta del ministero fa pensare che l’identità Digitale sia un concetto legato strettamente alla persona fisica.

Però se passasse il principio che le persone giuridiche non hanno diritto ad esercitare la propria identità digitale per il tramite della persona fisica rappresentante legale, non avremmo servizi come impresa.italia.it, con conseguente necessità di registrare le imprese su ogni servizio online della pubblica amministrazione.

Inoltre all’atto pratico, mi permetto di sollevare dei dubbi sul fatto che le funzioni di ordine e sicurezza pubblica verrebbero meno permettendo ai rappresentanti legali delle imprese di comunicare le anagrafiche degli alloggiati facendo un login con SPID.

 

Successivamente, nell’ultima parte della risposta del Ministero dell’Interno, mi perdo completamente quando il Ministero scrive:

Nella pratica il portale della Polizia di Stato indica la procedura che gli interessati (albergatori, affittacamere, proprietari o gestori di alloggi, ostelli, rifugi, bed & breakfast, agriturismi, campeggi, proprietari di appartamenti e le agenzie immobiliari che gestiscono gli appartamenti per uso turistico), devono seguire. Quest’ultima prevede l’invio di una istanza, debitamente compilata ed allegata la documentazione richiesta. Il tutto va inviato via posta elettronica secondo le indicazioni specificate nella seconda pagina della stessa. Ottenute le credenziali, l’esercente potrà trasmettere telematicamente le generalità delle persone alloggiate direttamente dalla propria struttura ricettiva, attraverso il sito: https://alloggiatiweb.poliziadistato.it .

Seconda pagina? Ministero dell’Interno, dove state leggendo?

Qual è la url di questo documento?

 

Sul Difensore Civico per il Digitale quello che posso dire, è che sicuramente ha rispettato alla lettera le norme ed il C.A.D..

Mi rimangono però molti dubbi sull’utilità di un ufficio che nel caso accerti violazioni del C.A.D. non può combinare sanzioni ma creare delle semplici lettere d’invito, e sulla funzione di Moral Suasion come descritta dal Team Digitale.

Funzione che dovrebbe probabilmente basarsi più sull’autorevolezza del Difensore Digitale che sul rispetto letterale delle norme.


 

Conclusa l’analisi su SPID, provo a spiegare alla comunità Open Data perché tengo molto al Portale Alloggiati e perchè andrebbe reingegnerizzato, al di là di SPID.

 

Il principio dell’ “once only” è un concetto di e-government che prevede che i cittadini e le imprese debbano fornire un dato alla pubblica amministrazione una sola volta.

Usando il consenso esplicito degli utenti, nell’ambito dei regolamenti sul trattamento dei dati e della privacy, le pubbliche amministrazioni sono invitate a scambiarsi i dati tra loro, senza chiederli ossessivamente agli utenti.

Il Portale Alloggiati raccoglie obbligatoriamente tutti i dati delle presenze turistiche, inclusi quelli delle locazioni brevi (Airbnb), come già citato sopra.

 

Ma questi dati sono trattati anche:

 

[Segnalato anche questo lo scorso 02 Gennaio 2019 al Difensore Digitale per la mancanza di SPID].

[Qui SPID c’è! YESSSS]

 

  • Infine, per voler essere più pignoli delle pigne, i dati anagrafici degli ospiti di strutture ricettive che viaggiano per lavoro potrebbero essere individuati tramite le fatture elettroniche loro emesse dalle strutture ricettive.

 

Sarebbe quindi opportuno che il legislatore razionalizzasse il data entry da parte delle strutture ricettive e degli operatori del turismo, chiedendo loro di inserire solo una volta i dati e filtrando successivamente i dati sulla base che il richiedente sia una autorità di sicurezza pubblica, l’Agenzia delle Entrate, l’ISTAT, la comunità open data e tutti gli altri stakeholders del turismo.

 


I credits dell’immagine di copertina li trovate qui.

Il Difensore civico per il digitale fa moral suasion su SPID?

SPID è il sistema pubblico d’identità digitale, la soluzione che permette di accedere a tutti i servizi online della pubblica amministrazione con un’unica Identità Digitale.

Secondo il sito del Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione, SPID sarebbe dovuto essere implementato dalle Pubbliche Amministrazioni entro Marzo 2018.

Sempre entro Marzo 2018 AGID avrebbe dovuto rilasciare un piano d’implementazione di SPID per le PA che ancora non avessero provveduto ad implementare SPID sui propri servizi online.

Con l’aggiornamento del Codice dell’Amministrazione Digitale del 13/12/2017 è stato istituito presso AGID l’ufficio del difensore civico per il digitale, a cui chiunque può presentare segnalazioni relative a presunte violazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale e di ogni altra norma in materia di digitalizzazione ed innovazione della pubblica amministrazione.

Il sito istituzionale di AGID permette espressamente di inviare segnalazioni sull’identità digitale.

 

Secondo un blog post del Team per la Trasformazione Digitale che ha collaborato alla stesura dell’ultima edizione del Codice dell’Amministrazione Digitale, il Difensore Digitale ha il compito di esercitare una moral suasion sulle amministrazioni che non garantiscono i diritti di cittadinanza digitale.

Ho testato per tre volte il servizio di moral suasion offerto dal Difensore Civico per il Digitale, ecco come è andata.

La prima esperienza l’avevo già raccontata con un post sul blog di #opendatasicilia.

La segnalazione riguardava la mancanza di SPID sul portale online del Sistema regionale degli Sportelli Unici della Regione Siciliana.

Come già documentato nel precedente blog post al quale vi rimando, la segnalazione è stata ritenuta non ricevibile in quanto indipendente dall’utilizzo di SPID.

La seconda segnalazione l’ho inoltrata in data 16/06/2018 e riguardava la mancanza di SPID sul portale della Regione Siciliana dei servizi per lavorare in Sicilia, in quanto avevo appreso dai giornali che in quei giorni i centri per l’impiego avevano qualche problema.

Il 17/07/2018 il Difensore Digitale mi risponde di aver richiesto alla Regione Siciliana “elementi tecnici di approfondimento”, da allora non ho ricevuto altre notizie, neanche il rigetto della mia segnalazione.

 

La terza segnalazione l’ho fatta in data 26/07/2018 e riguardava il portale Alloggiati Web della Polizia di Stato.

Per chi non lo sapesse, tutte le strutture ricettive in Italia sono obbligate ad inviare alla Questura le schede anagrafiche con i dati dei loro ospiti.

Il problema è che i documenti per l’accreditamento delle strutture ricettive al fine di ottenere la password al portale Allogiati Web e poter adempiere all’obbligo dell’invio delle schede anagrafiche degli ospiti cambiano da Questura a Questura.

Ad esempio, qui i moduli di Trapani, qui i moduli di Agrigento, qui i moduli di Enna, sul sito della Questura di Palermo non sono riuscito a trovare i moduli.

Per questo motivo, ho pensato che fosse utile segnalare al Difensore Digitale la mancanza di SPID sul portale Alloggiati Web, anche al fine di liberare le stesse questure dall’incombenza di rilasciare delle password alle strutture ricettive.

Magari le questure hanno cose più importanti da fare che rilasciare password alle imprese?

La mia segnalazione è stata protocollata il 26 Luglio 2018, ma non ho ancora ricevuto alcuna risposta, neanche un rigetto della segnalazione.

 

Ho guardato per curiosità la lista degli otto inviti fatti alle Pubbliche Amministrazioni dal Difensore Digitale nel periodo compreso tra il 10/05/2018 ed il 07/11/2018 e nessuno riguarda SPID.

Concludo con due riflessioni:

  • I tempi del Difensore Digitale sono stati esposti in questa discussione sul Forum di Italia.it,  ma appaiono veramente troppo lunghi e burocratici per delle semplici segnalazioni che hanno come oggetto di verificare se un servizio online sia accessibile con SPID o meno, considerato anche che il Difensore Digitale non ha poteri sanzionatori ma si limita al compito di moral suasion delle Pubbliche Amministrazioni che non rispettano i diritti digitali di cittadini e imprese.
  • Se il monitoraggio sull’implementazione di SPID da parte delle Pubbliche Amministrazioni fosse pubblicato, si potrebbe prevedere una integrazione tra le segnalazioni su SPID al Difensore Digitale e la mappatura dei servizi online che ancora non hanno SPID.
    A proposito, quando verrà pubblicato il monitoraggio sull’implementazione di SPID?

 

—————————————————————————————————————

Aggiornamento 1: il 13 Dicembre 2018 il Difensore Digitale ha risposto alla mia segnalazione su Alloggiati Web.

Aggiornamento 2: il 14 Marzo 2019 il Difensore Digitale ha archiviato la mia segnalazione sul portale della Regione Siciliana dei servizi per lavorare in Sicilia.


L’immagine in copertina è Franco Baresi, che nulla c’entra con questo post.

I credits dell’immagine sono qui.

Aprire un’impresa in Sicilia, fermandosi al login

La Regione Siciliana gestisce il portale online del Sistema regionale degli Sportelli Unici, la porta di accesso agli Sportelli Unici per le Attività Produttive (SUAP) di molti comuni dell’isola, elencati nel dettaglio qui

Si tratta di un servizio fondamentale per tutti gli imprenditori che devono sottoporre una pratica per l’apertura di un’impresa nei comuni in cui il servizio dovrebbe essere attivo.

Peccato che il portale non dispone di accesso tramite SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, nonostante le pubbliche amministrazioni erano obbligate ad implementare un accesso SPID entro Marzo 2018.

Ma non è tutto, se si prova a registrarsi al portale oppure a fare il login con i link presenti in home page, si finisce su delle pagine di errore per connessione sicura non riuscita.

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/SSU_PORTALE

https://pti.regione.sicilia.it/portalutil/registration.do?redirectUrl=aHR0cDovL3B0aS5yZWdpb25lLnNpY2lsaWEuaXQvcG9ydGFsL3BhZ2UvcG9ydGFsL1NTT19QUk9GSUxF

In breve, chi vuole fare impresa in Sicilia deve fermarsi già al login.

Ho segnalato la mancanza di accesso tramite SPID al Difensore civico per il digitale e sono in attesa di una risposta.


AGGIORNAMENTO DEL 20 LUGLIO 2018

Il Difensore Civico per il digitale ha ritenuto non ricevibile la mia segnalazione, con conseguente archiviazione.

Il Sistema Informativo Territoriale Regionale siciliano fuori uso per i condizionatori rotti

Il 21 luglio del 2015 la redazione del “Sito ufficiale” della Regione Siciliana ha pubblicato questa notizia:

Interruzione dei servizi web erogati dal S.I.T.R. [Dipartimento dell’urbanistica]
Si comunica che a seguito di improvvisi problemi tecnici, si è proceduto allo spegnimento di tutti i server con la conseguente interruzione dei servizi resi dal S.I T.R.
Si provvederà al ripristino dei servizi nel piu breve tempo possibile.
Ci scusiamo per il disagio

Il S.I.T.R. è il Sistema Informativo Territoriale Regionale, un’infrastruttura per la gestione, l’aggiornamento e la pubblicazione di dati (e servizi) territoriali. E’ composto da hardware, software, persone e dati e costituisce nel suo insieme un importante patrimonio informativo.

Al suo interno (fonte RNDT) più di 300 risorse (qui l’elenco completo), e tra queste ad esempio:

  • fotografie aree ad alta risoluzione (14 cm.), che ci entusiasmarano e venne pubblicato un post;

  • il modello digitale del terreno con risoluzione a 2 metri;

  • i dati sul rischio geomorfologico;

  • le Carte Tecniche Regionali;

  • i limiti di Parchi, Riserve, SIC, ZPS;

  • i limiti amminstrativi;

  • carte sull’uso del suolo;

  • il catasto delle cave;

  • i piani paesaggistici;

Questo breve elenco consente di comprendere che si tratta di dati e informazioni che consentono a tecnici, naturalisti, giornalisti, ricercatori e cittadini di conoscere meglio questo territorio.
E hanno anche un valore strategico importante, perché sono a disposizione dei dirigenti di tutte le pubbliche amministrazioni locali (e non), fornendo un propedeutico supporto alle decisioni.
I nodi comunali e provinciali del SITR sfruttano alcuni dei servizi erogati dal nodo regionale (centrale), e quindi in questo momento funzionano in modo incompleto.
In termini di dati aperti, sono quasi un uniqum per la Regione Siciliana. Questa è infatti una regione che non ha ancora un portale Open Data, e che pubblica questa pagina ufficiale a tema. Il geoportale del SITR, per fortuna espone da tempo i propri dati (quasi tutti) con una licenza aperta.

La realizzazione del SITR regionale (o sicuramente parte di essa) è stata possibile grazie al “PO FESR 2007-2013”. Grazie ai dati aperti disponibili sul Sistema Caronte – il sistema informativo integrato per la raccolta di informazioni relative ai progetti nell’ambito dei Fondi Strutturali e del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione della Regione Siciliana – è possibile risalire a tutti i progetti che hanno finanziato i SITR regionale e comunali. Basta aprire la pagina di ricerca dei progetti, usare SITR come parola chiave e fare click su “Cerca”, e poi all’occorrenza esportare i dati in formato CSV.
Se ne ricava che sono stati finanziati € 9.769.367,42 per progetti correlati al SITR, e la Regione Siciliana ne è la beneficiaria per circa il 75%, ovvero € 7.372.754,00.

2015-08-08_12h37_23

Purtroppo non ci sono oggi alternative al Sistema Informativo Territoriale Regionale, né informative, né tecnologiche: non è possibile accedere in altro modo a questi dati e/o a questi servizi.
Per questo Open Data Sicilia chiede che il servizio venga riattivato con urgenza.

Vi proponiamo di scrivere, all’URP del Dipartimento dell’urbanistica e al dott. Messina, dirigente del SITR, questa email :

Egregi signori,
il Sistema Informativo Territoriale Regionale è fuori uso dal 21 luglio del 2015. Si tratta di dati e servizi dal grande valore strategico e informativo, che non possono stare ulteriormente in questo stato di inaccessibilità.
Vi chiedo di ripristinare con urgenza il servizio e di conoscere qual è la data prevista.

Cordiali saluti

Oppure un messaggio su Twitter al Presidente della regione:
Il nodo SITR regionale siciliano va riattivato con urgenza http://ctt.ec/db7a9+ @rosariocrocetta #SITRONLINE

Quindici giorni di stop sono troppi e non è pensabile che debba passare tutta l’estate. La necessità professionale, civica e informativa di accesso a questi dati non va in vacanza!

Linked open data for environment protection in smartregions: invito a collaborare

L’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (ARPA) Sicilia è uno dei partner del progetto SmartOpenData.

L’obiettivo del progetto è quello di creare un’infrastruttura (che includerà strumenti software e dati) alimentata da risorse pubbliche e aperte, fonti dati esistenti sulla biodiversità e la tutela dell’ambiente e la ricerca nelle aree protette e rurali d’Europa e nei suoi parchi nazionali.

La visione è quella per cui i dati ambientali e geospaziali riguardanti le zone rurali e protette possano essere più facilmente leggibili e riutilizzabili, maggiormente associati ai dati senza un riferimento spaziale diretto, in modo che diverse fonti dati distribuite possano essere facilmente combinate. In SmartOpenData lo strumento per realizzare tutto questo sono i Linked Open Data.

Il progetto si chiuderà a novembre e il territorio che verrà usato come “test” in Sicilia (le altre aree pilota si trovano in Spagna, il Portogallo, l’Irlanda, la Slovakia e la Republica Ceca) dovrebbe essere quello che va da Capo Zafferano/Monte Catalfano al fiume Eleuterio.

L’ARPA Sicilia ha espresso – tramite il dott. Giovanni Vacante (Project Manager del progetto) – interesse a coinvolgere tutti i soggetti pubblici e privati operanti sul territorio siciliano, compreso enti ed agenzie locali nonché gli attori della cosiddetta comunità di innovazione digitale, “ad esempio i partecipanti la rete Open Data Sicilia“, nella co-progettazione del progetto. In basso copia della sua lettera.

E’ un invito della Pubblica Amministrazione che dichiara alla cittadinanza di volersi aprire a un processo partecipato, ed in sé è già una buona notizia. La cosa che mi sembra più significativa è che sia un ramo della PA più “importante” in Sicilia, la Regione Siciliana, che ad oggi (con qualche eccezione di qualità) è stata troppo silente sui dati aperti.

Di visibile ancora non c’è qualcosa di autoconsistente e perfettamente intellegibile, perché ancora in costruzione. A questo link però potrete vedere un’interfaccia tramite la quale alcuni dataset sono messi in correlazione.

Che contributo possiamo dare noi? Quelli che mi vengono in mente sono questi:

  • leggere la descrizione pubblica del progetto e fare domande per saperne di più. Il Project Manager, che ho conosciuto da poco, mi sembra persona attenta e disponibile;
  • immaginare quali dati ci debbano per forza essere in un sistema tagliato sulla biodiversità e la tutela dell’ambiente e la ricerca nelle aree protette e rurali d’Europa e nei suoi parchi nazionali;
  • a cosa potrebbe servire un sistema che mette in correlazione questo tipo di dati? A quali domande informative dovrebbe rispondere? Che esigenze dovrebbe risolvere? Quali legami sarebbe utile che contribuisse a evidenziare?

Tra chi segue e alimenta OpenDataSicilia ci sono esperti di Linked Open Data, così come (credo) esperti di dominio “ambientale”. Questa è un’occasione per lasciare un piccolo segno, in termini di proposta e/o di critica costruttiva, a un progetto regionale. Il prossimo 9 luglio ci sarà il meeting partenariale del Progetto, e quella potrà essere l’occasione per iniziare a farlo.

e-leader wanted: 9 giugno 2015 Palermo, cultura e competenze #digitali nella PA

L’Agenzia per l’Italia Digitale (organo alle dipendenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri) nel 2014 ha redatto il Programma nazionale per le competenze, cultura e formazione digitale per facilitare il processo di attuazione dell’Agenda Digitale italiana. Un capitolo è interamente dedicato alle “competenze digitali per la Pubblica Amministrazione” ed al ruolo dell’e-leader quale soggetto trainante nei servizi digitali e legati all’uso dell’ICT.

L’AGID in collaborazione con il FormezPA ha avviato una serie di eventi nelle regioni del sud Italia al fine di divulgare i contenuti del “Programma nazionale …”  e per la sensibilizzazione degli amministratori e dirigenti degli enti pubblici locali nell’ambito delle competenze digitali.

E’ stato programmato un incontro a Palermo il 9 giugno 2015 nei locali della Real Fonderia (di fronte il porticciolo della Cala) con inizio alle ore 9.30.

Il programma dell’evento:

09.30 Accoglienza e registrazione partecipanti

10.00 Saluti istituzionali, Assessore all’Innovazione Tecnologica, Comunicazione, Sport, Ambiente, Ing. Cesare Lapiana.

10.30 Apertura dei lavori, La cultura e le competenze digitali nella Pubblica Amministrazione

  • Le competenze digitali nella PA e l’e-leadership, Salvatore Marras, Formez PA
  • Modelli e linee di intervento della Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali, Nello Iacono, Stati Generali dell’Innovazione
  • Fare cambiamento digitale nella PA locale, Flavia Marzano, Stati Generali dell’Innovazione
  • La Cultura delle comunità on line in WikiPA, Angela Creta, Formez PA

12.00 Trasparenza siti web PA: rivoluzione partecipata dal basso, Laura Strano, Funzionario amministrativo presso lo IACP Messina

12.30 La Road Map dell’Open Data del Comune di Palermo, Ciro Spataro, UO Innovazione, Pubblicazione e Open data Comune di Palermo

13:00 Dall’Open data alla Big data analysis. L’esperienza in Regione Piemonte, Roberto Moriondo, Rappresentante delle Regioni nel Comitato di Indirizzo dell’AgID

13.30 Discussione e conclusioni

14.00 Chiusura lavori

L’evento è dedicato a dirigenti, dipendenti e amministratori delle Pubbliche Amministrazioni. Un occasione per le PA siciliane che intendono avviare e migliorare servizi digitali online a vantaggio di cittadini e imprese, e per ottimizzare i processi operativi interni.

#Petrusino, servizi online utili a tutti

Oggi nasce Petrusino, un catalogo multitematico di siti web, applicazioni per dispositivi mobili, mappe online, servizi web e infografiche, con un’attenzione particolare alla Sicilia.  Petrusino è “prezzemolo” in siciliano. Abbiamo pensato a questo nome per giocare un po’ con il nostro amato dialetto, usando una parola che si associa a ciò che è un po’ in ogni minestra. E alle volte siti, app, mappe … sono proprio come “u’ petrusinu”.

Il focus territoriale dei servizi catalogati su Petrusino è la Sicilia. Abbiamo incluso delle mappe e servizi nazionali online in quanto contengono dati e informazioni utili e preziosi anche sulla questa regione. Il catalogo è basato su un database compilato online e aggiornato dai membri di Open Data Sicilia.

Queste applicazioni sono dislocate su piattaforme e indirizzi web diversi tra loro, sparsi nell’universo internet. Come si fa a trovarle, e non perdere la rotta?  Bisognerebbe cercarle sui motori di ricerca, nella speranza che non siano annidate tra decine di pagine e centinaia di risultati.  Con Petrusino vorremmo fare risparmiare tempo agli utenti della rete, che cercano questo tipo di risorse.

E’ un iniziativa crowdsourcing, alimentata da noi di Open Data Sicilia, ma da chiunque voglia farlo (vediamo di seguito come).

LA STRUTTURA DI PETRUSINO

  • Home = la pagina madre del catalogo, dove vengono elencati tutti i servizi, mappe, app. Attraverso degli strumenti interni alla pagina è possibile effettuare ricerche per criteri (territorio, descrizione, categoria) o semplicemente per parola chiave.
  • Cosa è? = la descrizione di Petrusino, della sua utilità e una breve nota su come nasce.
  • Proponi = per dare a chiunque la possibilità di segnalare servizi online, mappe georeferenziate o applicazioni utili per dispositivi mobili, compilando facilmente un campo nella stessa pagina. Provvederemo ogni settimana ad aggiornare il catalogo.
  • Open = una pagina che illustra come Petrusino sia aperto, in termini di dati, strumenti e codice.

ESEMPI

Ecco alcuni esempi di servizi web, mappe e applicazioni per dispositivi mobili inseriti nel catalogo, contestualizzati territorialmente e tematizzati:

  • mappa georeferenziata con l’individuazione delle scuole comunali di Palermo con il dato della via, numero civico e sezioni di voto elettorale;
  • mappa, con il perimetro delle circoscrizioni comunali di Palermo, e l’indicazione della quantità di rifiuti con amianto rimossi dal Comune negli anni;
  • mappa con le aree del centro storico con una categorizzazione degli edifici con particolari criticità per la staticità strutturale;
  • app che ricorda i turni quotidiani della raccolta differenziata;
  • servizio web che ci fa scaricare certificati anagrafici comodamente a casa, evitando di raggiungere fisicamente le circoscrizioni e gli uffici comunali;
  • servizio sanitario per il cambio medico online e per l’esenzione del ticket per basso reddito;
  • mappa dei pediatri;
  • mappa delle ludoteche in città;
  • app per pagare, con lo smartphone/tablet, il bus urbano ed  il parcheggio nelle zone a sosta tariffata del comune;
  • e… tantissime altre applicazioni per dispositivi mobili, mappe e servizi web utili ad ogni cittadino ogni giorno.

Nel catalogo di Petrusino abbiamo, anche, creato una categoria denominata “Data Visualization”, perchè molti open data oggi vengono riusati per creare infografiche efficaci, che, ad esempio, ci aiutano a conoscere l’ammontare delle spese di un comune per categorie precise (illuminazione pubblica, asili nido, manutenzione strade).

Oltre che condividere servizi online, intendiamo, contestualmente, contribuire all’accrescimento delle competenze digitali della collettività. Crediamo che la conoscenza delle risorse di questo catalogo possa rendere il cittadino più informato sull’ambiente in cui vive, quindi più consapevole e attento al proprio contesto.

Siamo partiti dal censimento avviato da Ciro Spataro (fatto essenzialmente su Palermo), un lavoro che Giulio Di Chiara ha voluto valorizzare, e sui cui Andrea Borruso e Andrea Nelson Mauro sono intervenuti in fase di progettazione e editing.

Con Petrusino quel censimento diventa uno strumento collettivo, comodo, aperto e allargato a tutto il territorio regionale: vi invitiamo quindi a inserire “petrusino” nei vostri preferiti e proporre nuove risorse da inserire nel catalogo e farlo diventare sempre più utile.


Foto di brunifia

Un portale per neofiti #opendata

Oggi sviluppatori di applicazioni web/mobile e cittadini attivi chiedono alle Pubbliche Amministrazioni, la pubblicazione online di dataset in formato aperto, per gli scopi più diversi:  conoscenza, possibilità di realizzare app e servizi web.

I dipendenti pubblici spesso non sanno nemmeno cosa sono gli open data.
Quanti dipendenti delle PA in Sicilia e in Italia hanno una conoscenza base sugli open data, a cosa servono, come si generano ? Come è possibile oggi aspettarsi una politica di pubblicazione costante e nei giusti formati di open data da un Amministrazione Pubblica se non si è consapevoli del livello di conoscenza sulla materia da parte dei dipendenti ? Un quesito che fa parte dell’ampio settore delle “competenze digitali“, di cui in questo preciso periodo storico si discute tantissimo, e sul quale sicuramente il portale http://italiani.digital/ porrà la giusta attenzione, come anche quello dei digital champion !

Quello che spesso mi capita di vedere sul web sono siti, portali sugli open data destinati a individui che hanno una cultura e conoscenza di base o avanzata sugli open data. Molto raramente trovo un sito che veicola conoscenza sugli open data destinato a persone con conoscenza zero sugli open data, come ad esempio le migliaia di dipendenti pubblici che lavorano con la collezione e gestione di diverse tipologie di dati pubblici (quello che l’AGID chiama “Patrimonio Informativo Pubblico” – Public Sector Information – nelle Linee Guida Nazionali).

Allora mi sono messo a raccogliere sul web documenti semplici che spiegano gli open data a chi open data non ne ha mai “masticato”, ma che per il ruolo che spesso svolge nella PA avrebbe bisogno di qualcuno che glieli spiegasse in maniera estremamente facile.

https://sites.google.com/site/opendatapalermo/ vuole essere un portale di documenti, faq e video tutorial sugli open data, da fare fruire a migliaia di dipendenti pubblici che potenzialmente possono pubblicare dataset di informazioni pubbliche in formato aperto.
Un riferimento di primo supporto per la cultura sugli open data, un bignamino, insomma un punto di riferimento facile da consultare per entrare nel tunnel degli open data.

Se si vuole varcare il confine del target degli “addetti ai lavori” bisogna fornire strumenti di apprendimento facili e veloci.
Open Data è oggi un termine per pochi, se dici App ti capiscono in tanti, se dici open data, ancora c’è chi ti guarda col naso storto. E’ importante portare gli open data nella società, cominciando dai dipendenti delle PA che hanno un ruolo fondamentale per la pubblicazione dei dati pubblici informato aperto.

Il portale https://sites.google.com/site/opendatapalermo/ creato è in costante aggiornamento, quindi sarò felice di aggiornalo tempestivamente con documenti che  – su segnalazione anche su questo post – possono essere catalogati come documenti (video, pdf, siti web, presentazioni power point,…) per l’apprendimento base degli open data.

A cosa servono gli #OpenData? A spingere autobus

Il 6 novembre del 2014 il Comune di Palermo ha pubblicato, per conto della sua municipalizzata AMAT Spa, i dati del trasporto pubblico locale su gomma.
Ne abbiamo dato subito notizia su OpenDataSicilia, perché si tratta di dati aperti “importanti”, forse quelli di maggior valore pubblicati ad oggi da questa PA.

Avrei voluto subito farci qualcosa di speciale, ma sono settimane dense per me e allora ho pensato di sfruttare Travic, un bellissimo visualizzatore online di dati sui trasporti pubblici, in cui gli autobus si muovono.

travic.gif

Tutto si basa (almeno per Palermo) sull’orario programmato di passaggio di ogni mezzo, da ogni fermata. Non sono dati in realtime, si tratta di una posizione calcolata, che da conto di dove dovrebbe essere un determinato autobus a una certa ora.

E’ stato possibile perché la pubblica amministrazione ha pubblicato i dati, per il fatto che esiste un motore come Travic, ma sopratutto per la disponibilità di un “carburante” in un formato standard (e quindi documentato) e disponibile con una licenza che ne consente la modifica e il riuso. Insomma sono i dati aperti a fare muovere gli autobus a Palermo.

A partire da questo elenco, sono pubblicati dati da più di duecento città del mondo
Io ho contribuito con una cosa piccola, che richiede soltanto di “stare sul pezzo“: sapevo dell’esistenza di Travic e, qualche giorno dopo la pubblicazione dei dati da parte del Comune, ho fatto questa richiesta.

2014-12-06_09h42_11.png

La mappa “viva” del trasporto pubblico a Palermo è un bell’esempio di due cose classiche che è possibile fare con i dati aperti: monitorare i servizi della PA (e verificarne l’efficienza) , e rendere visibile l’invisibile. Che è molto più bello.