Spiagge accessibili in Sicilia – 2019

Mappa: #uMap #PalermoHub

Qualche settimana fa il buon Ciro, da sempre attento al tema dell’accessibilità, legge un articolo su balarm.it dove vengono elencate le spiagge e lidi accessibili a prova di carrozzina, e propone in un gruppo telegram di mappare le spiagge 🙂

E’ una proposta che non si può rifiutare… cosi ODS si mette in moto e qualche giorno dopo la mappa era fatta, prima di pubblicarla Andrea suggerisce di contattare l’Associazione Sicilia Turismo per Tutti per verificare i dati.

Contatto la Prof.ssa Bernadette Lo Bianco, dell’Associazione Sicilia Turismo per Tutti, le presento il lavoro fatto e il desiderio di collaborare con loro per realizzare un servizio utile alla collettività, noto con piacere che è interessata e piacevolmente sorpresa della nostra mappa. Mi informa che i dati caricati erano incompleti e che l’Associazione stava lavorando per aggiornare i dati al 2019, visto l’enorme lavoro che era in corso e il loro impegno, rimango a disposizione per aggiornare la mappa con i nuovi dati, che sono arrivati puntualmente dopo qualche settimana.

Cosa c’è nella mappa

Nella mappa sono geolocalizzate tutte strutture balneari che tra percorsi dedicati e servizi necessari per le persone con disabilità motoria (anche temporanea) costituiscono in Sicilia una costellazione di spiagge accessibili in cui il mare è accessibile: da Palermo ad Agrigento, da Trapani a Catania, Siracusa e Pantelleria, il mare di Sicilia è un’esperienza godibile da tutti. (cit)

Per ogni spiaggia o lido vengono riportate le informazioni principali, Comune, Provincia, indirizzo e contatti, dove sono stati indicati. Nel popup informativo di tutti geo markers sono presenti i link rapidi  per ottenere le indicazioni stradali/percorso con Google Masp o OpenStreetMap, comodi per essere utilizzati anche in mobile.Gent.ma Prof.ssa Bernadette Lo Bianco grazie per la fiducia, ODS è fiera ed orgogliosa di aver dato un piccolo contribuito al progetto Sicilia e Siracusa, Mare per tutti 2019  con la mappa,  ci auguriamo che possa essere utile a molte persone.

Palermo, popolazione residente per cittadinanza, UPL , Quartiere e Circoscrizione – 2018

Grazie al Dr Girolamo D’Anneo, Responsabile Studi e Ricerche Statistiche e Ciro Spataro  dell’Area Servizi alla città Servizio Innovazione  U.O. Transizione al Digitale, entrambi funzionari del Comune di Palermo, sono stati pubblicati i dataset relativi alla popolazione residente, italiana e straniera.

I nuovi dataset mi hanno permesso di replicare e migliorare il lavoro fatto nel post Milano e Palermo: le mappe della distribuzione della popolazione straniera residente nel 2018, dove  il dataset su Palermo non era esattamente ideale, in quell’esercizio i dati sono stati estratti da una tabella pdf, GLI STRANIERI A PALERMO NEL 2018pagina 21, Tavola 6: Cittadini al 31/12/2018 per cittadinanza a circoscrizione.

I dati

Per realizzare i grafici e le mappe abbiamo scelto 2 dei 12 dataset pubblicati in opendata dal Comune di Palermo, e sono: Stranieri residenti a Palermo al 31/12/2018 per Unità di primo livello e cittadinanza e Popolazione residente a Palermo al 31/12/2018 per Unità di primo livello e cittadinanza, scelti perché contengono l’informazione sulla cittadinanza distribuita nella UPL (Unità di primo livello), avere come identificatore geografico la sezione censuaria dell’ISTAT sarebbe stato l’ideale, più accurata è la distribuzione geografica dei residenti, più sarà realistica la mappa a densità di punti.

Come prima cosa abbiamo unito i due dataset, notiamo che manca il dato sul “genere” (maschio/femmina), per le mappe è ininfluente, ma nei grafici potrebbe essere utile per ulteriori analisi.

La tabella dei dati di base è composta da 56 righe e N colonne, una per ogni Nazionalità presente a Palermo. Per il nostro progetto questo tipo di ordine è poco utile, per noi è importante conoscere quanti residenti di ogni singola Nazionalità abitavano in una UPL, ovvero tutte le colonne delle Nazionalità dovevano essere trasposte da colonne in righe, mantenendo le colonne con le info sul territorio, UPL, quartiere e circoscrizione.

Tutto questo lavoro è stato fatto come per magia da @aborruso con VisiData e Miller

Ecco la nuova tabella dati, le colonne Cittadinanza e Residenti sono il frutto della magia di Andrea, in seguito sono state aggiunte le colonne del Continente e Sub-Regione di provenienza per avere ulteriori livelli di analisi sulla popolazione. Questa nuova tabella è stata la nostra base dati, con un dataset ripulito e ordinato si lavora meglio 🙂

Tutti i dati rielaborati da @opendatasicilia e usati per il progetto sono disponibili in unico dataset su – data.world – Popolazione residente a Palermo – 2018 – UPL

Residenti stranieri a Palermo

Gli stranieri residenti a Palermo nel 2018  sono 25.735 e rappresentano 130 Nazionalità, oggi sono il 3,83% della popolazione totale (670.954). Chi sono questi stranieri? Da dove vengono? Quanti sono? Dove vivono? Qual’è il rapporto stranieri/italiani nel territorio? Tutti i dettagli delle statistiche più recenti nei grafici e nelle mappe.

Il Viz sottostante presenta le Nazionalità di tutti gli stranieri che vivono a Palermo. Il 46,75% proviene da Paesi asiatici, il 31,60% da Paesi africani, il 18,61 proviene da Paesi europei,  il 3,03% sono di provenienza americana,  e solo 0,02% provengono dall’Oceania.

I cittadini Bangladesi, Singalesi, Ghanesi e Romeni da soli costituiscono più della  metà (57,41%) di tutti gli stranieri residenti a Palermo.

Dalle mappe e dai grafici emerge che nel centro stroico (quartieri Palazzo Reale – Monte di Pietà e Tribunali) c’è la maggior presenza di residenti stranieri con 5.183 residenti pari al 20,14%  , seguono i quartieri di:

  • Politeama 3.710 residenti – 14,42%;
  • Libertà  1.444 residenti – 5,61%;
  • Zisa 2.531 residenti – 9.83%;
  • Noce  2.248 residenti – 8,74%;
  • Oreto Stazione 4.230 residenti – 16,44%

che da soli ospitano 19.346 residenti, pari al 75,17% del totale dei residenti.

La presenza straniera si è quasi triplicata negli anni duemila raggiungendo a Dicembre 2018 il livello di 25.735 cittadini (il 3,83% dei residenti, è l’8,5% a livello nazionale) con un rapporto di genere abbastanza equilibrato.

In basso il Viz realizzato con Tableau PubblicPalermo, popolazione residente per cittadinanza, UPL , Quartiere e Circoscrizione – 2018


Palermo, popolazione residente per cittadinanza, UPL , Quartiere e Circoscrizione – 2018


Anche i viz realizzati con Flourish permettono una lettura semplice e rapida dei dati, sia il grafico treemap che il sunburst mostrano quanti resisdenti stranieri vivono nelle 8 circoscrizione della città. Partendo dalla Circoscrizione, a colpo d’occhio vediamo qual’è il continente e la sub-regione con la maggior presenza di residenti stranieri.
I dati possono essere filtrati per ogni singola Nazionalità.

Viz realizzati con Flourish


Mappa One-person-one-dot

La mappa a densità di punti è un’istantanea su Palermo, fornisce una chiara una visualizzazione della distribuzione geografica, della densità di popolazione e delle diversa nazionalità
di residenti stranieri a Palermo in ogni UPL (unità di primo livello), quartiere e circoscrizione della Città. La mappa mostra 25.735 punti, uno per ogni persona che risiede a Palermo. Per semplificare la visualizzazione, ogni punto è codificato per colore dalla Sub-Regione di provenienza della persona.

Le posizioni dei punti non rappresentano gli indirizzi reali. L’identificatore geografico più dettagliato nei dati è il blocco (poligono) delle UPL, non sono diponibbili ad oggi i dati dei residenti stranieri per le zone censuarie dell’ISTAT.
I singoli punti sono posizionati casualmente  all’interno del blocco delle UPL per associare i totali di popolazione aggregata per quel blocco.
Di conseguenza, i punti in alcuni blocchi potrebbero trovarsi in mezzo a parchi, cimiteri, o altre aree chiaramente non residenziali all’interno di quel blocco UPL.
Una rappresentazione più accurata della distribuzione geografica dei residenti è possibile solo se i dati disponibili tengono conto di parchi, edifici e/o indirizzi fisici. Pertanto, la posizione dei singoli punti potrebbe essere condizionata da dati più dettagliati.

Come realizzare la mappa a densità di punti…?

Ecco un interessante post One-person-one-dot maps and how to make them che ci spiega in modo efficace cosa sono le mappe a densità di punti e come realizzarle con QGIS.

In sintesi, sono necessari due file: uno del territorio che si vuol mappare e i dati statitici che vogliamo rappresentare di quel territorio. Nel post precedente è spiegato in dettaglio il procedimento.


Mappa densità di punti elaborata con QGIS


Mappa densità di punti elaborata con QGIS e Leaflet

Mappa a densità di punti (One-person-one-dot) Palermo, popolazione residente per cittadinanza, UPL , Quartiere e Circoscrizione – 2018

Ciascuno dei 27.735 di punti è più piccolo di un pixel sullo schermo del computer nella maggior parte dei livelli di zoom. Pertanto, le “macchie di colore” che si vedono a livello comunale sono in realtà aggregazioni di molti punti individuali. Lo zoom è stato bloccato a 14 per facilitare la lettura d’insime.
Ogni punto sulla mappa è anche codificato per colore in base alla Sub-Regione di provenienza:

  • giallo, Asia del sud;
  • blu, Sud-est asiatico;
  • rosso, Nord Africani;
  • fuscia, Asia orientale;
  • verde, Africa sub-sahariana;
  • ceruleo, europeri appertaneti alla EU
  • arancio, europei fuori dall’UE
  • rosa, Sud America;
  • marrone, tutti gli altri.

Mappa densità di punti elaborata con Mapbox e Carto

Calcolati i punti utilizzando  la funzione ‘Random points in polygons’  di QGIS, come descritto nel post precedente, possiamo realizzare una mappa a densità di punti direttamente con mapbox o con cartodb, utilizzando un file .geojosn o un semplice file .csv con le coordinate dei punti (lat. long)  esportsati da QGIS, entrambe le piattaforme portano allo stesso risultato (tiles) utilizzando tecniche diverse. Stessa cosa si può realizzare con D3.js una libreria JavaScript per manipolare documenti basati su dati.

La mappa realizzata com mapbox è stata utilizzata come mappa di base per il Viz realizzato con Tableau Pubblic, disattivando tutti gli strati informativi della mappa di base è lasciando attivo solo il layer dei punti che rappresentano gli stranieri residenti a Palermo.


Fonte dati: Comune di PalermoDati sul territorio –  Stranieri residenti a Palermo al 31/12/2018 per Unità di primo livello e cittadinanza e Popolazione residente a Palermo al 31/12/2018 per Unità di primo livello e cittadinanza – distribuiti con Licenza CC BY 4.0 IT

Dataset rielaborato da @opendatasiciliadata.world – Popolazione residente a Palermo – 2018 – UPL


Riferimenti:

Brussels. A lovely Melting-Pot.
One Dot Per Person for the Entire United States
Miller
VisiData
QGIS
Leaflet
Mapbox
Cartodb
Datawrapper
Flourish
Tableau Public


Ringrazziamenti

Milano e Palermo: le mappe della distribuzione della popolazione straniera residente nel 2018

1-2 giugno si svolgerà a Milano il raduno di Spaghetti Open Data del 2019 (in breve SOD19) presso la Fabbrica del Vapore, il programma e le proposte per l’hackathon del raduno si discutono nella Mailing-list di Spaghetti Open Data, tra tutte le proposte la mia attenzione è stata attirata dal post di Alberto Cottica, ovvero provare a fare una versione milanese della visualizzazione di Bruxelles Melting Pot.
In breve, è una mappa one person one dot dove ogni pixel rappresenta un abitante non nato in Italia. Il colore del pixel rappresenta la nazionalità: europea, nord-africana, asiatica etc. La mappa serve a capire se c’è segregazione spaziale. A Bruxelles c’è, con gli europei che abitano più a sud e est, i nord africani a nord e ovest, i turchi a nordest etc. (cit)L’idea mi affascina e visto che non potrò andare al raduno, penso… Se sul portale open data del Comune di Palermo ci sono i dati statistici sulla popolazione residente al 2018, perché non farne anche una versione palermitana…e dare il mio piccolo contributo al raduno ?

Per realizzare una buona mappa occorre un dataset come quello pubblicato dal Comune di Milano, con i dati anagrafici della popolazione residente distinta per anno, età, sesso, cittadinanza e quartiere, cosa che non sono riuscito a trovare per Palermo.
Sulla popolazione residente straniera ho trovato solo una pubblicazione in pdf  GLI STRANIERI A PALERMO NEL 2018 sul sito tematico Pubblicazioni Statistiche.

Sfogliando la pubblicazione pdf, a pagina 21 noto una tabella, Tavola 6: Cittadini al 31/12/2018 per cittadinanza a circoscrizione; non era esattamente quello che cercavo, ma pazienza, con un po di lavoro in più si possono tirar fuori i dati anche pdf 🙂

Come replicare la mappa di Bruxelles Melting Pot

Studiando gli esempi  suggeriti da Alberto Cottica, (Mailing-list di Spaghetti Open Data)  Bruxelles Melting Pot e One-person-one-dot maps and how to make them replicare la mappa non è impossibile.

Gli ingredienti di base sono:

  • Dataset ben strutturato di dati statistici;
  • Dataset dei poligoni del territorio da analizzare;
  • Semplici conoscenze del software QGIS o altri software GIS

Visto che il Comune di Milano rende disponibile in opendata entrambi i dataset, ho preferito iniziare  da Milano l’analisi della popolazione residente; capito il metodo, lo si può replicare in tanti altri casi.

Grazie a Tommaso Dardi per aver indicato dove trovare i dataset di Milano  – Popolazione: residenti per cittadinanza e quartiereTerritorio: localizzazione dei quartieri della città (Nuclei d’Identità Locale – NIL)

Il dataset sulla popolazione residente di Milano è un ricchissimo file con le serie storiche dal 1999 a 2018: contiene 2.136.906 di righe, indigeste ai normali fogli di calcolo, proprio per questo motivo sul portale è consigliato l’uso di pacchetti statistici o software per la gestione di database (DataBase Management System), in quanto i file possono superare il numero massimo di record supportato dai normali fogli elettronici.Per il mio test ero interessato soltanto ai dati relativi all’anno 2018. Per estrarli ho usato QGIS, ma si può fare in altri modi, come importando il file in data.world ed eseguendo una query per anno, oppure utilizzando VisiData come il maestro @aborruso.Con una semplicissima selezione “Anno” = ‘2018’ otteniamo i dati di nostro interesse.Non ci resta che salvare la selezione, adesso con 131.162 elementi è più semplice lavorare.

Esempio di estrazione dei dati dell’anno 2018  con data.world e queryCon data.world è sufficiente importare il file .csv scaricato dal portale opendata del Comune di Milano Popolazione: residenti per cittadinanza e quartiere e scrivere una nuova query:

select * from ds27_pop_sto_quartiere where ds27_pop_sto_quartiere.anno like "2018"

cliccare su Run query e  dopo qualche secondo di attesa otteniamo i dati relativi all’anno 2018.

Estratti i dati del 2018 possiamo iniziare a giocare 🙂

Come strutturare i dati

Il nostro obbiettivo è quello mappare i residenti di ogni quartiere, aggregati per Paese, Continente o Sub-Regione di provenienza. Come prima cosa dobbiamo conoscere il numero totale dei residenti aggregati per Paese, Continente e Sub-Regione di provenienza.

L’aggregazione, può essere fatta velocemente con le Tabelle-Pivot (grazie Andrea Borruso), per comodità ho usato Google sheets,  la stessa procedura può essere fatta con Libreoffice ed Excel e con QGIS usando il plugin Group Stats (grazie a Salvatore Fiandaca per le info QGIS).

Ad un primo confronto con i dati di Bruxelles mi rendo conto che nei dati di Milano mancano le informazioni sul Continente e la Sub-Regione di provenienza, per cui è necessario aggiungere due colonne ed aggiungere le relative  informazioni.Con l’aiuto di wikipedia.org ho trovato le Sub-Regioni:

Dal sito Eurostat Statistics Explained:

Aggiunte le nuove info, possiamo costruire tutte le tabelle-pivot necessarie per la nostra analisi.La tabella in alto rappresenta l’aggregazione della popolazione residente per quartiere e sub-regione di provenienza, visto che vogliamo fare anche un confronto residenti stranieri e italiani, quest’ultimi non sono stati inseriti nella sub-regione, (EU-15).

Il campo dell’anno si poteva omettere visto che sono tutti dati dello stesso anno, il campo IdNil, ci tornerà utile nelle operazioni da fare con QGIS

Mappa One-person-one-dot

Come realizzare la mappa a densità di punti una persona un punto…?  Ecco un interessante post One-person-one-dot maps and how to make them che ci spiega cosa sono le mappe a densità di punti e come realizzarla QGIS.

In sintesi, sono necessari due file: uno del territorio che si vuol mappare e i dati statitici che vogliamo rappresentare di quel territorio.

Carichiamo i file in QGIS, per comodità mi sono creato un Geopackage, dove ho caricato i file necessari al test. Eseguiamo una Join tra i poligoni (nilzome) e le tabelle che abbiamo estratto in precedenza, usando come campo unione ID_NIL, selezioniamo solo le colonne utili e lasciamo vuoto il campo del prefisso da utilizzare per le nuove colonne.Ecco la nuova tabella, con il totale dei residenti vari quartieri, aggregati per sub-regioni.

Adesso non ci rimane che creare un nuovo layer di punti casuali, utilizzando i poligoni dei quartieri, uno per ogni subregione.Aprire il pannello Strumenti Processing, dal menù ‘Processing’ –> ‘Strumenti’,  scrivere nel cerca il nome del comando da eseguire, ‘Punti casuali dentro poligoni’, in inglese ‘Random points in polygons’ e:

  1. Selezionare il vettore d’ingresso, potrebbero esserci più layer di poligoni;
  2. selezionare il campo/espressione che si desidera mappare
  3. Dare un nome al file e specificare il percorso di salvataggio, se lasciato vuoto verrà creato un file temporaneo;

cliccare su esegui, nel giro di pochi secondi il nuovo layer sarà generato.Se dobbiamo ottenere ‘N’ layer, uno per ogni sub-regione possiamo eseguire un processo in serie.Prima di selezionare la colonna dati da mappare, clicchiamo su ‘Esegui come processo in serie‘ e configuriamo i parametri nella nuova finestra.Questa volta il processo sarà più lungo e dobbiamo attendere qualche minuto. Andrea Borruso e Salvatore Fiandaca sono a lavoro per uno script #arigadicomando, che velocizzi e automatizzi tutto il processo. La mappa inizia a prendere vita, diminuendo la dimensione dei punti la mappa sarà più leggibile.Per fare un confronto con mappa di Bruxelles Melting Pot non ci resta che adottare gli stessi colori.

Ecco le mappe a densità di punti della popolazione residente di Milano 🙂

Qui il dataset costruito con tutte le tabelle-pivot ricavate dal google-sheets e rielaborato con Andrea Borruso e Salvatore Fiandaca, usato per il test, della popolazione residente a Milano nel 2018; il dataset contiene i dati anagrafici della popolazione residente distinta per età, sesso, cittadinanza e quartiere e il geojson dei quartieri di Milano (Nil – Nuclei d’Identità Locale), per poter replicare il test e miglioralo, e per  realizzare altri elaborati. Licenza CC0

Grafico realizzato con Tableau Public che mette a confronto la popolazione residente, italiani e stranieri nei quartieri, aggregati per genere.


Il caso Palermo

Capito il metodo, torno a lavorare sulla mappa di Palermo, sicuro di dover faticare un pò di più 🙂

Come già detto i dati di base non sono ideali, li devo ricavare da una tabella in un file pdf, GLI STRANIERI A PALERMO NEL 2018, pagina 21, Tavola 6: Cittadini al 31/12/2018 per cittadinanza a circoscrizione.

A questo punto la domanda mi sorge spontanea… chiudo tutto e vado a fare una passeggiata a Mondello o mi armo di pazienza e vado avanti…?

Dopo qualche minuto di perplessità ha prevalso  l’amore per Palermo…si va avanti 🙂

La prima cosa da fare e convertire la taballa pdf human learning in una tabella machine learning, fortunatamente è un file pdf a è posso copiare direttamente la tabella nello sheet. Prossimo passo organizzare un dataset simile a quello di Milano e Bruxelles per poter replicare l’esperienza.Contestualmente alla riorganizzazione dei dati, aggiungiamo le colonne, Continents e Subregions, perché a me interessa l’aggregazione per Sub-Regione. Con i dati in possesso non è stato possibile suddividere i cittadini Europei in EU-N13, EU-15, EU28 e Europeans out of EU. Sempre con Tabella-Pivot ho estratto i dati della popolazione residente a Palermo nel 2018, aggregata per Circoscrizione e Sub-Regione di provenienza.

Per replicare la mappa è necessario il file con i poligoni del territorio, in questo caso i le aree delle circoscrizioni sono state estratte dal dataset ISTAT Basi territoriali e variabili censuarie – Censimento 2011.


Mappa One-person-one-dot – Palermo

La procedura per ottenere i layer puntuali con QGIS è la stessa vista in precedenza, è cambiata la finalità, oltre alle immagini statiche, desidero ottenere una webmap, utilizzando QGIS e LeafletDopo aver ottenuto i singoli file di punti per ogni Sub-Regione ho usato la funzione ‘MergeFondi vettori, per ottenere un solo file di punti, più semplice da tematizzare.Caricato e tematizzato il nuovo layer, tutto è pronto per realizzare la webmap. Con il plugin QTiles vengono create le piastrelle ‘Tiles‘  del layer di punti, con il plugin qgis2web, viene creato tutto il pacchetto base delle webmab, usando il layer delle Circoscrizioni. Con Dreamweaver o con qualsiasi altro software che lavori con file html, si assemblano tutte le parti.

palermohub.opendatasicilia.it/stranieri_residenti_suregions

Per il grafico all’interno del tooltip è stata usata la webapp datawrapper (grazie Andrea Borruso)Sempre nella mappa non manca un Viz realizzato con Tableau Public e con i pochi dati disponibili.

Qui il dataset costruito con tutte le tabelle-pivot ricavate dal google-sheets e rielaborato con Andrea Borruso e Salvatore Fiandaca, usato per il test, della popolazione residente a Palermo nel 2018, disponibile su data.world.

L’insufficienza dei dati disponibili, per quartieri o zone censuarie, rende la mappa a densità di punti per popolazione la straniera residente a Palermo, è un mero esercizio di stile, non paragonabile alle mappe di Milano e Brussels. Se in futuro ci saranno dati più dettagliati si potrebbe rieseguire l’analisi.


Riferimenti:

Brussels. A lovely Melting-Pot.
One-person-one-dot maps and how to make them
QGIS
Datawrapper
Tableau Public


Ringraziamenti:

PalermoHub

bit.ly/PalermoHub

L’idea

Da qualche anno ho attivato un sito web amatoriale dove carico tutte le mie rielaborazioni opendata (prevalentemente sono mappe su Palermo), un repository GitHub ed un clone anche su SicilaHub, nonostante questo, spesso amici e colleghi mi contattano per avere i link delle mie mappe.
L’Atlante delle Carte Tecniche storiche di Palermo, la Variante Generale vigente di Palermo, la Cartografia e Ortofoto di base e Piano Stralcio di Bacino per l’Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Regione Sicilia, sempre di Palermo, sono tra le mappe più richieste.
Da qui l’idea di PalermoHub, perché non mettere tutte le mappe in uno stesso contenitore, cosi da rendere più facile la loro fruizione?

Confrontandomi con @aborruso e @cirospat di opendatasicilia, la mia idea si è evoluta, perché limitarci alle mie mappe quando per esempio anche il buon Ciro ha una vastissima produzione di mappe su Umap?
A questo punto ci sembrato normale estendere l’idea a tutte quelle persone che pubblicano mappe opendata su Palermo.

Cosa è

PalermoHub di opendatasicilia.it è un contenitore di mappe realizzate/rielaborate da liberi cittadini o da civic hackers prevalentemente sul territorio comunale di Palermo, non ha alcun intento commerciale, l’unica finalità è mostrare le possibilità di rielaborazione e comunicazione offerte dagli open data o dati pubblici comunali, regionali, nazionali. Tutti possono contribuire alla crescita e alla divulgazione.

Il cuore di PalermoHub è il catalogo di ricerca Simile exhibit rielaborato in sitle Petrusino di opendatasicilia.it, un catalogo multitematico di siti web, applicazioni per dispositivi mobili, mappe online, servizi web e infografiche, con un’attenzione particolare alla Sicilia. Realizzato per permetterne una più facile individuazione ai più diversi tipi di utenza.
Viene spontaneo chiedersi…”ma se già c’è un catalogo come Petrusino, perchè duplicarlo…?”

In buona sostanza PalermoHub è un Petrusino specifico, oltre ad essere un catalogo monotematico su Palermo, è anche il contenitore delle mappe, un unico luogo fisico con funzionalità avanzate di ricerca e filtraggio per rendere facile ed intuitiva la ricerca delle mappe sul terriritorio Palermitano agli utenti.

Navigare tra le mappe di PalermoHub è semplicissimo, si può usare il menù posizionato sull’header di tutte le pagine, oppure utilizzando le funzionalità avanzate di ricerca disponibili direttamente nella homepage.

Tramite il pulsante “Categoria” del menù,  si accede alla lista delle mappe suddivise per categorie/tematismi. Basta selezionare e cliccare la categoria e il relativo tema per visualizzare la mappa.

 PalermoHub di opendatasicilia.it

Invece tramite le funzionalità avanzate di ricerca e filtraggio situate direttamente nella homepage si può affinare la ricerca usando i Tag, l’Autore, la data o la fonte dei dati.
Possono essere utilizzati simultaneamente più filtri per una ricerca avanzata.

PalermoHub di opendatasicilia.it

Anche il testo nella colonna “Titolo“o la clip nella colonna “Immagine” riportati in tabella nella home page, portano agevolmente alla mappa

PalermoHub di opendatasicilia.it


Contribuire

Far parte di PalermoHub è semplicissimo ed è gratis, basta inviare una richiesta di Pull Requests al repositoty Github includendo e documentando tutti i file necessari oppure inviando una richiesta alla mailing list OpenDataSicilia.it allegando i link o file della Vostra mappa, sarà nostra cura attivare le nuove pagine html per includere la nuova mappa.

Si può contribuire anche condividendo sui vari social il progetto PalermoHub e inserendo gli hastag: #PalermoHub @opendatasicilia

 PalermoHub di opendatasicilia.it - Pulsanti socialbit.ly/PalermoHub

(ATTENZIONE! se hai attivo un ad blocker, i tasti di condivisione non verranno visualizzati)

bit.ly/PalermoHub

Attualmente sono disponibili più di 80 risorse con diversi tematismi, oltre alle mappe realizzate dai menbri di opendatasicilia.it è presente la mappa dei monumenti abbandonati e dimenticati di Palermo, a cura di Giuseppe Mazzola per l’associazione Palermo Indignata, la mappa monumentale di Palermo e dell’Agro Palermitano, a cura di Marcello Petrucci e le meravigliose mappe di Guenter Richter realizzate con iXMaps

PalermoHub è fruibile sia da desktop che da mobile, si adatta facilmete a quasi tutti dispositivi mobile di ultima generazione, anche se il modello di riferimento nel segmento mobile è stato il vecchio Samsung Galaxy S3, con una rioluzione di 360 x 640.
Per una lettura ottimale delle mappe in mobile si consiglia l’uso di tablet di dimesioni minime 7 pollici ed una risoluzione di 960 x 600 px

Tutto il materiale rielaborato per Palermo Hub di OpenDataSicilia.it è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (CC BY-SA 4.0) tranne diversa indicazione.
Licenza Creative Commons

Palermo 3D Maps WRLD

Qualche giorno fa Ciro Spataro, che è sempre alla ricerca di notizie interessanti, mi consiglia di leggere un post su Medium. E’ un post del Team WRLD, Build a Dynamic Map of London.

Nel post si parla di una mappa dinamica 3D, più leggo e più la cosa mi intriga, grazie Ciro!

Voglio capirne di più!

Per prima cosa mi chiedo chi e cosa sia WRLD scoperto che:

è una piattaforma dinamica di mappatura 3D per edifici intelligenti, città, giochi, e esperienze virtuali, crea fornisce un ambiente 3D completamente testurizzato che utilizza un sistema di coordinate globali in modo reale, quindi è pronto per essere utilizzato immediatamente – non è necessario creare un ambiente 3D o importare dati aggiuntivi di GIS. Crea stili personalizzati e utilizza lo strumento Unity per selezionare i livelli di dati desiderati – strade, edifici, alberi, etichette, ecc, tutto questo per una varietà di sistemi operativi / dispositivi come iOS, Android, OSX, OculusVR e WebGL.

Proseguendo la ricerca trovo questo post Building Gorgeous 3D Maps with eegeo.js and Leaflet.

Leaflet è la principale libreria JavaScript open-source per mappe interattive mobile, e che utilizzo quasi sempre per realizzare le nostre mappe, ma cos’è eegeo.js?

eegeo.js  è libreria JavaScript open-source, per creare l’interfaccia di 3D web mapping;

Quindi con eegeo.js, Leaflet e OpenstrettMap possiamo realizzare mappe 3D open-source, Ottimo! non mi resta che provare.
Seguendo la guida del post Building Gorgeous 3D Maps with eegeo.js and Leaflet, costruire una mappa base è molto semplice.

Di cosa abbiamo bisogno?

Leaflet (documentazione, esempi)

eeGeo.js (documentazione, esempi)

free eeGeo API key, per ottenere le api key basta registrarsi gratuitamente al sito WRLD

Server o spazio web online dove caricare il file HTML, CSS e JavaScript (in locale la mappa non funziona).

A seguire il codice html per realizzare una semplice mappa 3d, basta sostituire le coordinate su cui centrare la mappa ed inserire  le proprie api key

Per migliorare la mappa si  possono inserire molte funzioni, descritte qui.

Per migliorare la mappa si  possono inserire molte funzioni che troviamo spiegate qui.
Ad esempio possiamo aggiungere una funzione per Spostare la fotocamera  (Moving the camera) o per  Regolazione della direzione e dell’inclinazione (Adjusting heading and tilt) possiamo aggiungere subito dopo “ zoom: 16   }); ” del codice precedente
questa nuova funzione;

Tutto molto semplice!

Volendo si può anche far cambiare il tempo meteorologico o cambiare l’ora del giorno.

Visto che parte del codice è basato sulla libreria  Leaflet, ho inserito qualche plugin di leaflet che normalmente uso per realizzare le mappe.

In questo caso ho inserito solamente:

Sidebar-v2, per creare una sidebar a scomparsa;

Leaflet-hash, per generare URL che contengono livello di zoom e posizione corrente;

Leaflet.MousePosition, è un semplice controllo della posizione del mouse. Esso mostra le coordinate geografiche del puntatore del mouse, mentre viene spostato sulla mappa;

Leaflet.zoomhome, che aggiunge un pulsante Home al controllo zoom per ripristinare la visualizzazione;

Ecco la nostra mappa con tema standard!

Palermo 3D Maps WRLDMappa fullscreen

Ecco i comandi per facilitare la navigazione della mappa

Usage Mouse

Left button + Move:    Pan

Middle button (Scroll whell)+ click: Orbit

Scroll whell: Zoom

Right button + Move: Rotate

Registrandosi al sito si ha possibilità di accedere al pannello Developer, da dove è possibile accedere a SDK e API per lo sviluppo di mappe 3D in una vasta gamma di piattaforme popolari.

Si può usare lo strumento Map Designer per creare mappe personalizzate, e scegliere un tema di base diverso da quello proposto di default.

strumento Map Designer Mappa con tema minimal Tema Minimal Mappa fullcrenn con tema minimal

Tema CardboardTema CardboardMappa fullcrenn con tema cardboard

Si può aggiungere un ulteriore menu di ricerca personalizzatoLe mappe realizzate con Map Designer  possono essere facilmente inserite nei propri sito/blog grazie alla possibilità di poter incorporare il codice.

Per personalizzare maggiormente le mappe non basta il semplice account free ma si deve attivare un account  a pagamento.

È una piattaforma davvero molto interessante e da approfondire, mi riprometto di fare ulteriori test, magari inserendo in mappa gli opendata sui dati del trasporto pubblico locale di Palermo.

Grazie Ciro per avermi consigliato la lettura del post.

Tutorial da file pdf a shapefile

Dopo il comunicato stampa sul sito del Comune di Palermo   Tram – Entra nel vivo la fase di progettazione per le nuove linee verso ZEN-Mondello, Bonagia e lungo la costa con Ciro Spataro abbiamo pensato di fare una delle nostre mappe…ovvero la mappa del ferro come l’ha chiamata Ciro.

Per realizzare la mappa c’è quasi tutto, occorrono solo le nuove linee del tram in formato vettoriale.

Gran parte dei vettori, (linee tram esistenti, passante ferroviario, etc etc) sono reperibili su OpenStreetMap, facili da estrarre con overpass-turbo.eu, qui un articolo molto utile su geomappando  o un interessante video di GISTIPSTER.

In alternativa si può scaricare l’intera cartografia di Palermo, o qualsiasi altra città, da Estratti OpenStreetMap,

Per ricavare i vettoriali delle nuove linee del tram abbiamo pensato di usare il file pdf allegato al comunicato stampa Tavola 14 – planimetria riassuntiva scala 25.000 dell’intero sistema di trasporti su rotaia.

La stessa e tutte le altre tavole del progetto si trovano sul sito del Comune di Palermo, (qui l’intero progetto in file pdf del trasporto pubblico di massa)

Screenshot del file pdf Tavola 14 – planimetria riassuntiva scala 25.000

L’idea è semplice…

  1. Convertire il file pdf in dxf
  2. Georeferenziare il nuovo file ottenuto con Qgis
  3. Verificare il risultato della georeferenziazione e correggere manualmente eventuali imperfezioni.
  4. Esportare i nuovi file in versione geojson per umap

Conversione da PDF in DXF

Per la conversione da pdf a dwg/dxf in rete si trovano tanti programmi, open source e non.

Dopo qualche ricerca e qualche test, abbiamo scelto di usare progeCAD 2017 Professional in versione di prova gratuita completa per 30 giorni. Gli stessi risultati si possono ottenere con DraftSight o con il più semplice PDF to DWG Converter.

Qui trovate un breve video che spiega come caricare un file pdf in progeCAD

Qui un video che spiega come caricare un file pdf in DraftSigh

Seguendo il video dimostrativo di progeCAD 2017 Professional si intuisce facilmente come caricare un file pdf

Dopo qualche minuto di elaborazione il pdf è stato convertito in dwg.

L’importazione è riuscita, adesso non resta che pulire il file e lasciare solo quello che ci interessa.
Come si può notare dalle immagini ad ogni colore presente nel file pdf corrisponde un layer nel dwg.

A questo punto disattiviamo/eliminiamo tutto ciò che non ci interessa e facciamo un po di ordine.

Rinominiamo i layer, così li riconosciamo subito.

Con il comando elimina, presente nel menù File → Utilità → Elimina

Eliminiamo tutto il superfluo, questa utility, ci consente di tenere il file sempre pulito e leggero.

Una volta ripulito il file, è necessario posizionare le linee sulle coordinate di Palermo, in modo da non complicarci troppo il lavoro con Qgis.

Per far ciò, abbiamo inserito come riferimento esterno, un file georeferenziato e convertito in dxf della base cartografica scaricata da OpenStreetMap.

Dal menù Inserisci → riferimenti esterni, carichiamo una parte della cartografia OSM, (dallo screenshot si nota poco, ma è quel puntino all’interno del cerchio rosso)

Come si può notare le linee importate dal file pdf, sono fuori scala e posizionate a caso.

Utilizzando il comando Allinea e con un po di pazienza riusciamo, traslare le nuove linee del tram sulle coordinate di Palermo.

Adesso le linee, grossolanamente, sono sulle coordinate di Palermo, affineremo la georeferenziazione con Qgis.

Per ottenere un buon risultato finale, è opportuno georeferenziare separatamente le 4 linee che ci interessano.

Di conseguenza salviamo/esportiamo ogni linee in un nuovo file dfx.

Ecco un file dwg con la singola tratta c – d, grossolanamente posizionato sulle coordinate di Palermo.

La georeferenziazione

Per questa seconda fase è necessario un software gis, nel nostro esempio usiamo Qgis e il plugin Plugin Vector Bender spiegato in questo video da Salvatore Fiandaca

Per prima cosa importiamo il file dxf in qgis, per farlo abbiamo diversi metodi, usare i plugin  dxf2shp o dxf import/convert, o nel caso di file dfx con molte più informazioni si può usare Spatialite, tutto spiegato sempre da Salvatore Fiandaca nel suo blog pigrecoinfinito

Dove aver caricato il file dxf, salviamo lo stesso in formato shp, perchè sul formato dfx non possiamo fare modifiche.

Attiviamo il plugin Vector Bender ed iniziamo ad inserire punti per la georeferenziazione.

Questo è il risultato di un primo test, più punti inseriamo e più precisi siamo, migliore sarà il risultato finale.

…e dopo qualche  tentativo e dopo alcune correzioni manuali la linea “sembra” essere al suo posto. Salviamo il lavoro appena fatto in un nuovo file shp.

Sicuramente non è precisa come l’originale, ma rende l’idea.

Per completare il lavoro, basta ripetere la stessa procedura per le altre 3 linee rimanenti

Qualcuno si starà chiedendo… Ma non era più semplice ridisegnare le linee…?
Forse si, ma il tempo e la pazienza non mi mancano e soprattutto mi piace sperimentare, magari si può usare questo metodo con file pdf molto più complessi, ed in quel caso si risparmia un bel po di tempo…

Osservare il cambiamento di una città grazie alla cartografia: il caso di Palermo

Dopo aver letto l’articolo di @napo mappa di Trento 1915 – da un libro di Cesare Battisti, ne sono rimasto affascinato, sia per il gran lavoro fatto dalla biblioteca comunale di Trento, nel digitalizzare il contenuto del libro e renderlo di dominio pubblico e sia per la parte tecnica e dall’analisi, che si può fare agevolmente, mettendo a confronto una carta storica ed una di oggi.

Brevemente, con il plugin leaflet-tileoverlay-mask, si ottiene un effetto “spot” sulle cartografie, che ci permette di mettere a confronto, dinamicamente e istantaneamente, una carta storica con lo stato attuale.

La realizzazione tecnica, è più semplice di quello che si pensa

Subito ho pensato come poter usare questa tecnica sulle cartografie storiche e non di Palermo.

Il primo test l’ho fatto, con la cartografia del nuovo schema di massima del PRG di Palermo presentato dal Comune nel 2015 e georeferenziata da @cirospat, con mapwarper.net 

constatando, in prima persona, la bontà del lavoro fatto da @napo.

In questo caso ho semplicemente sostituito la base cartografica “L.tileLayer.mask” di riferimento, nel file di esempio fornito con plugin leaflet-tileoverlay-mask”.

Inserendo la nuova mappa tiles e centrando la mappa sulle coordinate di Palermo, il lavoro è fatto.

Nuova base tiles

var prg = L.tileLayer.mask(‘http://mapwarper.net/maps/tile/19437/{z}/{x}/{y}.png

Zoom e coordinate di base

var map = L.map(‘map’, {attributionControl:true}).setView([38.11127,13.3534422], 14);

Usando la versione originale del plugin leaflet-tileoverlay-mask, ho notato un limite, ovvero, l’impossibilità di utilizzare più basi cartografiche, per fare l’analisi.

Con il contributo fondamentale di @piersoft, sono riuscito a superare l’ostacolo.

Dopo questo piccolo test, mi sono chiesto, come poter sfruttare al meglio la tecnica.

Confrontandomi con @aborruso e @cirospat, del gruppo di opendatasicilia, sull’uso della tileoverlay-mask e conoscendo il Portale Cartografico, realizzato dalla Sispi spa (società in house del comune di Palermo), subito abbiamo pensato di utilizzarla, con le cartografie storiche. Rese disponibili dall’ottimo lavoro di scansione e georeferenziazione del geom. Liborio Plazza, dipendente del Comune di Palermo e  dalla Sispi.

L’obiettivo era chiaro, costruire un atlante, dove poter mettere a confronto, velocemente, le carte storiche con la città dei nostri giorni.

Scaricate e georeferenziate le cartografie storiche, da @aborruso e @cirospat, a me, non è rimasto altro da fare, che organizzare il materiale e dargli una veste grafica user friendly.

Spero di esserci riuscito!

L’URL è questo http://siciliahub.github.io/mappe/atlante_carto_pa/index.html

Gli strumenti che abbiamo utilizzato per il il progetto dell’atlante sono:

  1. Dati da un server WMS: scaricarli, riproiettarli, comprimerli, tassellarli e piramidarli da riga di comando, di @aborruso;
  2. Leaflet, per creare l’interfaccia di web mapping;
  3. Leaflet-hash, per generare URL che contengono livello di zoom e posizione corrente;
  4. Leaflet-tileoverlay-mask, per la sovrapposizione delle tile con effetto svg maschera, un effetto “spot“ che ci permette di vedere come era la città al tempo in un particolare punto;
  5. Sidebar-v2, per creare sidebar a scomparsa;
  6. Leaflet.MousePosition, è un semplice controllo della posizione del mouse. Esso mostra le coordinate geografiche del puntatore del mouse, mentre viene spostato sulla mappa;
  7. Leaflet-graphicscale, è un semplice barra di scala con effetto animato al cambio dello zoom;
  8. Map Warper, è uno strumento open source per georeferenziare immagini, nato grazie al contributo del progetto spacetime della Biblioteca Comunale di New York, sviluppato, ospitato e mantenuto da Tim Waters;
  9. Btns, è un piccolo modulo CSS che permette di inserire pulsanti reattivi.
  10. Leaflet.Basemaps, consente di creare un controllo dell’interfaccia utente per la scelta della mappa di base utilizzato sulla mappa.

Il codice script usato per il progetto è liberamente scaricabile dalla pagine html dell’atlante. Basta sostituire i relativi L.tileLayer.mask e il setView([38.11127,13.3534422] per adattarla alle proprie esigenze.

Gli sfondi della mappa sulla quale visualizzare le cartografie storiche sono vari Openstreetmap, Google Road e Satellite, Esri Standard e Satellite.

Alcuni esempi

Il bello di questa mappa è scoprire come questa città sia cambiata e ognuno troverà degli esempi diversi nei luoghi che conosce meglio.

Villa Trabia

La via Piersanti Mattarella, già “Via Villa Trabia” si estendeva da via Notarbartolo a poco dopo l’ingresso del CEI (l’istituto Gonzaga).

Un “fiume” limitrofo a Villa Sperlinga

Il “Passo di Rigano” che costeggia Villa Sperlinga è un colpo d’occhio.

Il mare era “più vicino”

Era subito dopo Porta Felice e probabilmente se ne sentiva molto più forte la presenza.

……. e ora scopri anche tu i cambiamenti nel tuo quartiere, …..buon viaggio nella storia cartografica della città di Palermo