COVID-19 e i comuni siciliani in zona rossa anno 2021

Salvatore Fiandaca
mi trovi qui

Salvatore Fiandaca

Libero professionista, ama divulgare universo GFOSS; blogger GIS e Youtuber sul mondo GIS e altro.
Salvatore Fiandaca
mi trovi qui

Latest posts by Salvatore Fiandaca (see all)

    Se sei un/a cittadino/a siciliano/a e vuoi capire se il comune in cui vivi è soggetto a restrizioni, non devi far altro che leggere 197 pagine di ordinanze regionali in PDF.
    Sul sito della Regione Siciliana non c’è un elenco dei comuni in zona rossa e questa informazione essenziale è da estrapolare da una pagina con l’elenco delle ordinanze in PDF.
    Questo elenco non è tenuto aggiornato rispetto alla pubblicazione di nuove ordinanze: alle ore 12:00 del 10 aprile 2021 non sono presenti ancora le ordinanze 37 e 38 del 9 aprile.

    Un’alternativa è la mappa del Dipartimento della Protezione Civile Regionale, che però  ha queste criticità:

    • alle ore 11:30 del 10 aprile 2021, presenta in mappa tanti comuni che saranno in zona rossa da giorno 11 aprile;
    • non dà alcuna informazione sulla data di validità delle restrizioni, che è un dato essenziale e andrebbe reso disponibile in mappa. E visto il punto precedente, non si può nemmeno affermare che la mappa fotografi la situazione corrente;
    • dalla mappa non è possibile risalire alle ordinanze.  È essenziale che da  informazioni di questo tipo – quale area è in zona rossa – sia possibile risalire alla dichiarazione formale di istituzione;
    • è disponibile soltanto la rappresentazione dell’informazione (la mappa), non è disponibile un elenco strutturato e aggiornato dei comuni in zona rossa.

    E allora ci abbiamo pensato noi: ▶ https://tinyurl.com/zonerossesicilia

    Le ordinanze in PDF per le zone rosse (spesso frutto di scansione) sono raccolte nel sito ufficiale nella sezione “SERVIZI INFORMATIVI | ORDINANZE COVID-19”; a oggi, nel 2021, ne sono state pubblicate circa 36.

    I PDF non si prestano a una facile lettura, soprattutto se sono immagini (in questo caso non è nemmeno possibile cercare del testo), da parte di macchine e tantomeno da parte degli umani, in quanto si troverebbero davanti a pagine piene di burocrazia; allora abbiamo pensato di raccogliere tutti i comuni in zona rossa in un foglio elettronico pubblico.

    I PDF hanno mediamente 7 pagine, la parte che contiene i dati utili per conoscere i comuni in zona rossa si trova nelle ultime due:

    Per ovviare a questi brutti PDF (cit.) e facilitare la lettura e la creazione di mappe e liste di testo strutturato (attualmente non esiste una mappa con metadati e neanche un elenco aggiornato di tutti i comuni attualmente in zona rossa), abbiamo creato questo foglio elettronico, dove abbiamo inserito – dopo aver aperto una ad una tutte le ordinanze del 2021 – i comuni in zona rossa e relativo intervallo temporale, compreso anche di eventuale proroga e link al PDF.

    L’idea di base è quella di creare un elenco dei comuni in zona rossa come rappresentato nello screenshot di sotto e fare in modo che questi dati siano un bene comune (OpenDataSicilia è tra le aderenti alla campagna).

    Un elenco con almeno questi cinque attributi: 

    1. comune, rappresenta il nome del comune letto nell’ordinanza;
    2. pro_com, codice numerico ISTAT univoco per ogni comune;
    3. dataInizio, data di inizio della zona rossa;
    4. dataFine, data di fine della zona rossa;
    5. link, URL al PDF.

    La lettura di tutti i PDF del 2021 (sono 28 ad oggi) ci ha impegnato per circa un’ora, un tempo veramente irrisorio e che può fare chiunque dotato di buona volontà.

    Dopo la realizzazione dello sheet, è partita la seconda fase, ovvero, rendere quei dati tabellari una mappa facilmente consultabile da tutti:

    Inoltre, dalla mappa è possibile scaricare il dataset completo e l’ordinanza in PDF, comune per comune.

    Note finali

    Creare un elenco aggiornato, un file CSV – o un qualsiasi altro formato di testo strutturato leggibile da persone e computer – e pubblicarlo, non è un compito oneroso, ma soprattutto darebbe un servizio pubblico ufficiale, essenziale, dovuto e completo ai cittadini.

    I PDF pubblicati come scansione impediscono di fare ricerche testuali e rendono impossibile la fruibilità da parte delle persone non vedenti. Questi due punti a nostro avviso sono già un’evidenza forte che dovrebbe portare la Regione Siciliana a fare diversamente, ma ci sono anche delle norme che lo prevedono e in particolare il Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD).
    Questi documenti devono essere fruibili indipendentemente dalla condizione di disabilità personale, applicando i criteri di accessibilità definiti dai requisiti tecnici di cui all’articolo 11 della legge 9 gennaio 2004, n. 4.
    Per il 2021, 16 ordinanze su 28 sono frutto di scansione.

    Chiediamo quindi alla Regione Siciliana e al Dipartimento della Protezione Civile Regionale, di creare un elenco delle zone rosse nel territorio siciliano, leggibile da persone e personal computer, completo delle informazioni essenziali che abbiamo elencato, in cui sia possibile anche leggere le variazioni delle assegnazioni nel tempo.

    E sollecitiamo con urgenza e priorità la risoluzione dei suddetti problemi sulle norme di accessibilità

    RIFERIMENTI

    L’immagine di copertina fa riferimento alla situazione fino al 10-aprile-2021, prima dell’ordinanza n°38 del 09-aprile-2021

    Published by

    Salvatore Fiandaca

    Libero professionista, ama divulgare universo GFOSS; blogger GIS e Youtuber sul mondo GIS e altro.