Regione Siciliana e dati COVID-19

Nino Galante

informatico, fautore dell’impegno civico, wikicratico, promotore della openness nelle forme più varie in cui possa manifestarsi.

Latest posts by Nino Galante (see all)

    PREMESSA – Le preoccupanti notizie di questi giorni sulla possibilità di ripresa nella nostra regione dell’epidemia Covid-19 rafforzano la nostra convinzione sull’importanza di una corretta e ampia circolazione delle informazioni che la riguardano. Per questo insistiamo e ci auguriamo che la Regione Siciliana ritorni sulle sue decisioni (non motivate) di sospendere la pubblicazione dei dati provinciali e accolga il nostro invito a pubblicarne di più dettagliati e di maggiore qualità rispetto a quanto è accaduto fino a poco tempo fa. È, tra l’altro, l’occasione di abbandonare antiquati schemi mentali (politici e amministrativi) e di fornire le risposte che un’evoluta cittadinanza si aspetta; di rispettare i principi dell’Open Government (dialogo con la cittadinanza, dati aperti, ecc.) in un’occasione molto speciale per gravità (più è grave il momento, più l’OpenGov è necessario) come ben sintetizza, ad es., la stessa Accademia Nazionale dei Lincei.

    Dall’inizio dell’epidemia Covid-19, come Open Data Sicilia, abbiamo sentito l’esigenza di disporre, oltre che dei dati regionali pubblicati dal Dipartimento della Protezione Civile (cui vengono forniti dalla Regione), di maggiori informazioni almeno a livello provinciale (poiché, a tale livello, l’unico dato che il Dipartimento rende disponibile è quello del totale_casi).

    DAGLI INIZI DI MARZO – A partire dai primi giorni di marzo, la Regione ha pubblicato quotidianamente (fino a giugno) dei bollettini con alcuni dati provinciali che hanno permesso di avere un maggiore dettaglio rispetto all’unico dato pubblicato dal Dipartimento ma lo ha fatto appunto con dei comunicati stampa. Per potere utilizzare e analizzare quei dati, studiarne l’andamento, ecc. serviva disporne in formato tabellare (machine readable). 

    LA LETTERA APERTA – Da qui è maturata l’idea di scrivere una lettera aperta alla Regione Siciliana in cui, per colmare una lacuna informativa, si chiedeva di rendere disponibili i dati provinciali alla stregua di quello che fa il Dipartimento della Protezione Civile, ovvero in forma tabellare e adottando lo stesso modello del Dipartimento al fine di evitare confusioni sul significato dei vari campi e rendere i dati confrontabili. Nella lettera si chiedeva inoltre di non limitare il dettaglio al solo livello provinciale ma di estenderlo e arricchirlo con dati suddivisi a livello comunale e con altre informazioni, quali il sesso, le fasce di età dei contagiati, ecc. 

    IL SILENZIO DELLA REGIONE – La lettera si concludeva con Open Data Sicilia che si dichiarava disponibile a supportare e contribuire all’impresa. Insomma si trattava di una vera e propria proposta di collaborazione, di una parte competente e qualificata della società civile, qual è la comunità di Open Data Sicilia, non nuova a iniziative di questo genere (ad es. la precedente collaborazione con ARPA Sicilia), alla pubblica amministrazione regionale, per un’iniziativa virtuosa che avesse come fine la diffusione di dati di qualità per una migliore comprensione e analisi dell’epidemia nell’isola. E invece, non solo non vi è stata alcuna risposta alla lettera ma anche i tentativi di chiarire i vantaggi e gli intenti sono stati tutti respinti, anche quando si erano indicati soggetti interni all’amministrazione regionale in grado di offrire alla stessa Regione (l’Osservatorio Epidemiologico) ampie garanzie.

    GLI ERRORI E LE REAZIONI – Quando inoltre sono apparsi i primi grossolani errori (ad esempio diminuzione da un giorno all’altro dei valori riguardanti i deceduti o i casi totali) che lasciavano capire che sui dati pubblicati non vi fossero elementari controlli di congruità e consistenza, abbiamo offerto un modello funzionante di foglio elettronico che permettesse loro di evitare quantomeno quel tipo di errori, effettuando la verifica incrociata dei totali, e velocizzasse l’inserimento dei dati per i bollettini giornalieri. Anche in questo caso nessun riscontro e laconiche quanto incomprensibili risposte su Twitter (“Conosciamo e capiamo l’importanza della sua richiesta. Speriamo che comprenda che la priorità è in questo momento altrove e che per la maggior parte delle persone le infografiche sono ampiamente sufficienti. In futuro proveremo a migrare ulteriormente verso dati aperti. Grazie”). Ma è davvero pensabile che un Osservatorio Epidemiologico tenga i dati in una tale considerazione e si dimostri sordo alle richieste di confronto e alle segnalazioni d’errore o non senta l’esigenza o il dovere di dare dei riscontri o di giustificarsi? Quanta distanza da quel dibattito e da quelle norme che indirizzano e obbligano le PA a rendere aperti/pubblici e in formato machine readable i dati detenuti e pubblicabili!

    L’AZIONE DI OPEN DATA SICILIA – Comunque sia, Open Data Sicilia, nel frattempo, sostituendosi idealmente e concretamente alla Regione, si è sobbarcata il compito, con attività totalmente volontaristica, di aggiornare quotidianamente un dataset con i dati dei bollettini regionali dettagliati per provincia, verificandone la consistenza e la congruità, segnalando gli errori riscontrati, senza mai appunto essere degnata di attenzione, ricevere risposte, conoscere i dati esatti (da inserire al posto di quelli sbagliati), senza ricevere mai un riscontro per le segnalazioni effettuate (!!!).

    Errori, gravi, commessi anche dopo tre mesi di attività e di tempo sufficiente per prendere confidenza e rimediare alle pur comprensibili difficoltà iniziali, come dimostrano gli episodi del 2 e 3 Giugno, quando gli stessi dati comunicati dalla Regione presentano importanti discrepanze tra quelli apparsi sui bollettini e quelli inviati al Dipartimento della Protezione Civile. Per non citare articoli apparsi sulla stampa in cui si sono avanzati seri dubbi di attendibilità dei dati diffusi dalla Regione (soprattutto relativamente alle province di Catania e Messina) in uno dei quali appare la foto di un bollettino dell’ASP di Messina con una struttura dati difforme dal modello del Dipartimento della Protezione Civile (sostanzialmente analogo a quello regionale) con nomi dei campi di dubbia comparabilità (la creatività in statistica verrebbe da dire) che lasciano capire che nessuna capacità da parte della Regione vi è stata nell’imporre agli uffici periferici (ASP, ospedali, ecc.) un unico modello di raccolta dei dati per evitare incomprensioni ed errori. Per arrivare infine, il 19 Giugno, al tentativo di nascondere quella clamorosa debacle nella gestione dei dati epidemiologici, che ha costretto a comunicare una rettifica in diminuzione di quasi 400 casi totali sui circa 3500 registrati. Incapacità e inadeguatezza confermate dalla decisione, né motivata né annunciata, di sospendere dopo il 22 Giugno, nell’indifferenza più assoluta di stampa e opinione pubblica, e nonostante fosse passato il momento più critico (a suo tempo invocato per giustificare la mancanza di maggiori dettagli e qualità dei dati diffusi), la pubblicazione di quei pochi dati che ci consentivano di avere qualche informazione in più sulle province siciliane.

    CONCLUSIONI – La più grande delle amarezze che rimane è determinata dall’osservare quanto ancora profonda sia la distanza tra apparati burocratici e società civile, la totale indifferenza verso i principi dell’open government, il distacco di funzionari regionali dimostratisi incapaci di cogliere stimoli di valore da parte di chi impegnandosi quotidianamente con spirito civico ha inteso dimostrare in che modo, tutti quanti, si possa crescere e migliorare, anche senza un corrispettivo in campo ma solo per senso di appartenenza ad una comunità, quella della nostra Regione.

    Per chi voglia approfondire, qui di seguito pubblichiamo l’analisi delle incongruenze più evidenti rilevate.  


    L’ANALISI DELLE INCONGRUENZE RILEVATE – Ribadendo che nostro obiettivo era quello di colmare una lacuna informativa e di analizzare la distribuzione dei dati per provincia secondo lo schema adottato dal Dipartimento (ma per dati appunto mancanti nel dataset del Dipartimento), abbiamo purtroppo da subito dovuto limitarci ai soli dati provinciali disponibili. Purtroppo di alcuni valori la Regione non ha mai comunicato la distribuzione provinciale e pertanto non ci è stato possibile né considerarli né valutarli (ad es. ricoverati in terapia intensiva, numero dei tamponi o dei casi testati). Ciò premesso, il Dipartimento della Protezione Civile inizia a pubblicare i dati Covid-19 a partire dal 24 Febbraio; in quella data i dati riguardanti la Regione Sicilia sono tutti a zero ma già dal giorno successivo si registrano i primi casi di contagio. Si tratta, in quel momento, di dati rinvenibili nel dataset del Dipartimento della Protezione Civile, cui la Regione li comunica giornalmente, che abbiamo integrato, ove necessario, con notizie di stampa (circostanza resa possibile dall’ancora davvero esigua quantità di casi registrati nel periodo) mentre i primi bollettini che la Regione diffonderà direttamente si avranno solo a partire dai primi giorni di Marzo e con essi i primi errori. Gli errori di cui parliamo riguardano sempre la consistenza degli stessi dati, non si tratta cioè di rilevazioni riguardanti l’effettiva aderenza dei dati alla realtà (non si hanno ovviamente conoscenze in tal senso), si tratta piuttosto di errori grossolani che evidenziano la totale mancanza dei più banali controlli di congruità; ci riferiamo in particolare a due valori, il totale_casi e i deceduti che per loro natura non possono mai diminuire ma solo crescere nel tempo o, al più, rimanere stazionari. Infine anche laddove, raramente (probabilmente in una sola circostanza, eccettuata la rettifica rilevante del 19 Giugno), vi è stata l’ammissione da parte della Regione di aver comunicato dei dati errati, mai sono stati forniti i dati esatti in sostituzione di quelli errati, tutt’al più è stato dichiarato che gli errori sono stati riassorbiti nell’ultima comunicazione emanata. Tutto questo anche a fronte delle segnalazioni di errore (pubbliche o private) effettuate da Open Data Sicilia alla Regione con le conseguenti richieste di poter conoscere i dati esatti in sostituzione di quelli errati. D’altra parte questo atteggiamento di indifferenza sulla qualità dei dati e di assoluta mancanza di rispetto nei confronti dei destinatari che caratterizzerà la Regione Siciliana per tutto il periodo della pandemia è rilevabile anche dalla totale mancanza di note a commento nel dataset del Dipartimento cui invece ricorreranno abbondantemente le altre regioni italiane per segnalare appunto errori nei dati comunicati. L’unica volta in cui è possibile rilevare annotazioni da parte della Regione Siciliana nel dataset del Dipartimento della Protezione Civile è il 19 Giugno, quando verrà operata la clamorosa rettifica in diminuzione dei circa 400 casi totali registrati in eccesso nell’isola.  

    Il primo caso di errore che si osserva risale al 2 Marzo, quando tra i dati regionali resi disponibili dal Dipartimento della Protezione Civile troviamo una diminuzione dei casi a livello regionale che da 9 diventano 7 (come accennato prima, questo dato, totale_casi, che somma il numero di contagi rilevati, per sua stessa natura non può diminuire), dato riconfermato il giorno successivo (3 Marzo) e che torna a risalire il 4 Marzo.

    data ricoverati con sintomi terapia intensiva totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi tamponi
    01/03/2020 1 0 1 6 7 5 5 2 0 9 291
    02/03/2020 2 0 2 3 5 -2 -2 2 0 7 307
    03/03/2020 2 0 2 3 5 0 0 2 0 7 307
    04/03/2020 5 0 5 11 16 11 11 2 0 18 367

    In particolare l’analisi dei dati lascerebbe pensare che l’errore del 2 Marzo si verifichi sul totale_casi della provincia di Catania ma non si hanno notizie certe per via della presenza, in quel giorno, di 3 casi di cui non si conosce la provincia di appartenenza (i cosiddetti casi “In fase di definizione/aggiornamento”).

    Eccettuata la rilevante rettifica, cui accennavamo prima, effettuata dalla Regione il 19 Giugno, questo è l’unico caso in cui a livello regionale si osserva l’anomala diminuzione del totale_casi; gli altri errori rilevati si evidenzieranno a livello di singole province e riguarderanno anche alcune impossibili variazioni in diminuzione del numero dei deceduti.

    Il primo errore che si evidenzia solo a livello provinciale (senza che se ne abbia percezione osservando i dati del giorno a livello regionale) riguarda la diminuzione del totale_casi che si ha il 7 Marzo, quando in provincia di Enna si azzera il primo caso di contagio registrato nel giorno precedente, il 6 Marzo.

    data denominazione
    regione
    denominazione
    provincia
    totale casi
    05/03/2020 Sicilia Enna 0
    06/03/2020 Sicilia Enna 1
    07/03/2020 Sicilia Enna 0
    08/03/2020 Sicilia Enna 0
    09/03/2020 Sicilia Enna 0

    I due errori appena descritti sono gli unici rilevabili tra i file resi disponibili dal Dipartimento della Protezione Civile, che della distribuzione provinciale espone, come già detto, soltanto i valori del campo totale_casi. Gli altri errori rilevati riguardano la consistenza dei dati pubblicati nei bollettini regionali che, a partire dal 9 Marzo, la Regione ha comunicato quotidianamente (fino al 5 Giugno, giorno in cui ha iniziato a comunicarli ogni due/tre giorni) tramite il sito web e i canali social regionali.

    Il 2 Marzo si ha il primo bollettino della Regione che fornisce dei numeri e che, confrontati con i valori esposti tra il 1° e il 3 Marzo dal Dipartimento della Protezione Civile, lascia supporre un problema di comunicazione tra i due enti; nel comunicato che viene pubblicato il 2 Marzo non si precisano date ma emerge, per confronto con i dati del Dipartimento, che si fa riferimento soprattutto a dati del 1° Marzo. Il comunicato regionale, nel tentativo di fare chiarezza a possibili fraintendimenti della stampa, specifica intanto che i dati riportati da alcuni giornali si riferiscono al numero dei tamponi effettuati, 291 (corrispondente al valore del 1° Marzo riportato dal Dipartimento), e non al totale_casi; il comunicato regionale viene quindi integrato con un aggiornamento in cui si lamenta la correttezza dei dati esposti dal Dipartimento e specificato che “fino ad oggi” (si capirà dall’analisi e dal confronto con i dati del Dipartimento che quel “fino ad oggi” debba intendersi per 1° Marzo) sono 6 i campioni sospetti positivi e che un settimo sarà trasmesso “domani” (quindi il 2 Marzo). Segue quindi la lamentela cui accennavamo: “Ci viene riferito che nel calcolo fatto a Roma, probabilmente, sono stati sommati i casi positivi con quelli guariti.” Qui, a nostro avviso, emerge quel problema di comunicazione tra Palermo e Roma a cui accennavamo prima. Proviamo a spiegare: il valore totale_casi, ovvero il numero dei contagi registrati in assoluto dall’inizio dell’epidemia, prescinde dallo stato del contagiato (positivo, dimesso_guarito, deceduto) e come viene ben spiegato sul sito del Dipartimento, esso è determinato dalla somma dei contagiati ancora ammalati (totale_positivi), dei dimessi_guariti e dei deceduti. In quel periodo non erano stati ancora registrati decessi in Sicilia e pertanto il totale_casi è dato solo dalla somma degli ammalati e dei guariti (quello che viene contestato come un errore nel comunicato regionale). Ma vediamo i dati: il 25 Febbraio vengono rilevati a Palermo i primi 3 contagiati (quindi totale_casi = 3, coincidente con il totale_positivi); due giorni dopo, il 27 Febbraio, viene rilevato a Catania un nuovo_positivo e pertanto il totale_casi passa da 3 a 4; nello stesso giorno, 27 Febbraio, due degli ammalati guariscono e pertanto si ha totale_positivi = 2 e dimessi_guariti = 2; totale_casi = totale_positivi + dimessi_guariti = 4. Questa situazione rimane invariata fino al 29 Febbraio. Il 1° Marzo il Dipartimento riporta i dati di cui alla prima tabella: totale_positivi = 7 (5 in più rispetto al giorno precedente), dimessi_guariti = 2 (dato invariato rispetto al giorno precedente) e pertanto totale_casi = 7 + 2 = 9 (5 in più rispetto al giorno precedente). Confrontando questi dati con il comunicato regionale i conti quasi tornano, nel senso che se sommiamo i 6 positivi cui si fa riferimento nel comunicato ai 2 dimessi_guariti, il totale_casi è pari a 8 (contro il 9 riportato dal Dipartimento). In realtà nel comunicato si accenna a 7 nuovi casi (in tal caso i valori coinciderebbero, 7 + 2 = 9) di cui uno però sarebbe stato comunicato il giorno successivo (non conoscendo però né il giorno né l’orario della dichiarazione riportata nel comunicato, non possiamo fare ulteriori supposizioni). Tuttavia Il giorno dopo, il 2 Marzo, tra i dati del Dipartimento troviamo la prima delle incongruenze di cui abbiamo detto precedentemente, il totale_casi  passa da 9 a 7 (evidentemente nel tentativo maldestro di rettificare l’ipotetico(?) errore lamentato nel comunicato regionale. L’errore si evidenzia, oltre che dall’impossibilità che il valore in questione, totale_casi, possa diminuire, anche dalla variazione in negativo del totale_positivi (che passa da 7 a 5, -2) senza la corrispondente variazione tra dimessi_guariti e deceduti (che rimangono rispettivamente a 2 e a 0). Se errore c’era stato nel comunicare al Dipartimento i nuovi casi di giorno 1° Marzo, sarebbe stato sicuramente più giusto e corretto variare e rettificare i dati del 1° Marzo invece di quelli del 2 Marzo generando l’incongruità che abbiamo tentato di spiegare finora. Infine il totale_positivi = 5 del 2 Marzo è inferiore ai 6/7 nuovi positivi cui si fa riferimento nel comunicato del 2 Marzo. Il che lascia pensare che non ci fossero errori tra i dati del 1° Marzo ma un più banale problema di comunicazione tra Palermo e Roma che sarebbe stato meglio chiarire piuttosto che alterare i dati per via di una dichiarazione “politica”, per quanto “autorevole”, originata solo dall’incomprensione del significato dei valori interessati. Inoltre il comunicato regionale del 3 Marzo dice che ai 7 casi del giorno precedente (e non 5, il valore frutto della rettifica, con una palese contraddizione) si aggiungono altri 3 casi (di cui uno nel ragusano). In tal caso il 3 Marzo, secondo quanto riportato nel comunicato regionale dovremmo avere totale_positivi = 10 (7 + 3) + dimessi_guariti = 2, totale_casi = 12 (10 + 2). I dati del Dipartimento invece vedono una situazione invariata rispetto al giorno precedente (come si evidenzia nella prima tabella sopra) e, tra l’altro, nessun caso ancora segnalato nel ragusano (tra i file provinciali del Dipartimento il primo caso a Ragusa viene registrato il 6 Marzo), il che evidenzia una palese incongruenza tra quanto si asserisce nel comunicato regionale e quanto comunicato dalla Regione al Dipartimento. Inoltre emerge, a nostro avviso, in questa fase iniziale dell’epidemia (ma i fatti dimostreranno anche dopo diversi mesi) che vi sono chiari problemi di comunicazione tra Roma e Palermo (o forse sarebbe meglio dire, che vi è un’evidente incomprensione, da parte di Palermo, del significato dei vari campi).

    Il 5 Marzo appare il primo bollettino regionale con un minimo di strutturazione (anche se in formato immagine + testo) che riporta però i dati del 4 Marzo; si segnala un utilizzo dei nomi dei campi difforme da quelli utilizzati dal Dipartimento della Protezione Civile e questo, a nostro avviso, sarà in qualche modo fuorviante agli occhi degli utenti meno attenti per parecchio tempo.

    Il primo bollettino destinato a dare informazioni sulla distribuzione provinciale dei dati (anch’esso in formato immagine + testo) appare il 9 Marzo.

    Il primo caso d’errore che riguarda il campo deceduti si registra in provincia di Agrigento il 25 Marzo, quando il valore deceduti = 2 del giorno precedente viene inaspettatamente diminuito ad 1.

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    23/03/2020 Sicilia Agrigento 0 42 42 3 4 2 1 45
    24/03/2020 Sicilia Agrigento 1 42 43 1 2 2 2 47
    25/03/2020 Sicilia Agrigento 1 46 47 4 3 2 1 50
    26/03/2020 Sicilia Agrigento 1 51 52 5 5 2 1 55


    Ciò che ancora una volta si denuncia non è tanto l’errore in sé, quanto il più totale silenzio e la mancata esigenza di fornire i dati esatti a fronte di errori soprattutto se segnalati.

    Sempre nello stesso giorno, il 25 Marzo, segnaliamo delle variazioni in diminuzione dei dimessi_guariti in provincia di Enna e di Palermo; sebbene la variazione sia in assoluto possibile, rimane comunque un evento raro ed eccezionale (che ci fa sospettare piuttosto di errori commessi).

    Ad Enna i dimessi_guariti passano dai 2 di giorno 24 Marzo all’ 1 del giorno successivo.

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    23/03/2020 Sicilia Enna 22 16 38 9 10 2 4 44
    24/03/2020 Sicilia Enna 29 26 55 17 19 2 6 63
    25/03/2020 Sicilia Enna 53 30 83 28 27 1 6 90
    26/03/2020 Sicilia Enna 55 71 126 43 43 1 6 133


    A Palermo la variazione è ancora più marcata in quanto dagli 11 dimessi_guariti di giorno 24 Marzo si passa ai 6 dimessi_guariti del giorno successivo, ben 5 guariti_dimessi che si sarebbero riammalati.

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    23/03/2020 Sicilia Palermo 39 59 98 17 18 11 1 110
    24/03/2020 Sicilia Palermo 45 113 158 60 60 11 1 170
    25/03/2020 Sicilia Palermo 50 136 186 28 23 6 1 193
    26/03/2020 Sicilia Palermo 56 141 197 11 12 6 2 205


    Un altro “warning” dello stesso tipo, riguardante cioè la diminuzione dei dimessi_guariti riguarda la provincia di Messina nella giornata del 28 Marzo, quando i 5 dimessi_guariti del giorno precedente, 27 Marzo, si riducono a 3.  

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    26/03/2020 Sicilia Messina 94 118 212 44 47 5 4 221
    27/03/2020 Sicilia Messina 126 90 216 4 6 5 6 227
    28/03/2020 Sicilia Messina 133 129 262 46 52 3 14 279
    29/03/2020 Sicilia Messina 129 137 266 4 10 8 15 289


    Analoghi errori riguardanti variazioni in diminuzione del numero di dimessi_guariti ma stavolta molto più consistenti e ammessi e riconosciuti dalla Regione in modo generico, senza fornire i dati esatti in sostituzione di quelli sbagliati (ma limitandosi a dichiarare “
    Si precisa che un errore materiale, nel calcolo dei dati relativi alle province comunicati ieri, è stato corretto e assorbito in quelli odierni.”), si verificano in provincia di Siracusa e Trapani il 26 Aprile. L’anomalia si evidenzia per la variazione in diminuzione rilevata il giorno successivo, 27 Aprile, nelle due province.

    A Siracusa, dove si osserva la variazione più consistente, si passa dai 142 dimessi_guariti del 26 Aprile agli 86 del 27 Aprile (-56).   

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    25/04/2020 Sicilia Siracusa 50 46 96 -1 1 82 23 201
    26/04/2020 Sicilia Siracusa 51 -5 46 -50 10 142 23 211
    27/04/2020 Sicilia Siracusa 52 59 111 65 10 86 24 221
    28/04/2020 Sicilia Siracusa 49 62 111 0 0 86 24 221


    A Trapani si passa dai 57 dimessi_guariti del 26 Aprile ai 40 del 27 Aprile.

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    25/04/2020 Sicilia Trapani 6 104 110 0 0 20 5 135
    26/04/2020 Sicilia Trapani 6 68 74 -36 1 57 5 136
    27/04/2020 Sicilia Trapani 6 86 92 18 1 40 5 137
    28/04/2020 Sicilia Trapani 6 88 94 2 2 40 5 139


    Una
    segnalazione di incongruenza tra gli stessi dati, riguardanti soggetti ricoverati e posti in isolamento domiciliare, comunicati nei due bollettini del 7 Maggio dalla Regione rimane senza riscontro.

    Altri due casi di errore riguardanti il numero dei deceduti si verificano in Maggio in provincia di Messina e di Palermo.

    In provincia di Messina i 52 deceduti del 3 Maggio diventano 51 nel giorno successivo. 

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    02/05/2020 Sicilia Messina 79 298 377 0 1 122 50 549
    03/05/2020 Sicilia Messina 76 298 374 -3 1 124 52 550
    04/05/2020 Sicilia Messina 76 299 375 1 0 124 51 550
    05/05/2020 Sicilia Messina 74 299 373 -2 1 126 52 551


    In provincia di Palermo si passa dai 34 deceduti del 14 Maggio ai 33 del giorno successivo.

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    13/05/2020 Sicilia Palermo 51 327 378 2 3 138 33 549
    14/05/2020 Sicilia Palermo 50 327 377 -1 0 138 34 549
    15/05/2020 Sicilia Palermo 50 322 372 -5 2 146 33 551
    16/05/2020 Sicilia Palermo 39 322 361 -11 4 161 33 555


    Nei bollettini regionali l’enunciato iniziale a proposito dei dati comunicati recita: “
    così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale” ma quello che succede tra il 2 Giugno e il 3 Giugno è inedito e contraddice tale dichiarazione; i dati comunicati dalla Regione Siciliana al Dipartimento di Protezione Civile, e da quest’ultimo pubblicati nel proprio repository, e quelli riportati dalla Regione nei propri bollettini regionali differiscono in maniera significativa in alcuni campi come si evince dalle seguenti tabelle.

    Dati comunicati dalla Regione Siciliana al Dipartimento di Protezione Civile e da quest’ultimo pubblicati

    data denominazione regione totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    01/06/2020 Sicilia 73 894 967 -19 0 2202 274 3443
    02/06/2020 Sicilia 69 897 966 -1 4 2206 275 3447
    03/06/2020 Sicilia 67 813 880 -86 0 2292 275 3447
    04/06/2020 Sicilia 63 816 879 -1 0 2292 276 3447
    05/06/2020 Sicilia 60 812 872 -7 1 2300 276 3448


    Dati pubblicati dalla Regione Siciliana nei propri bollettini quotidiani

    data denominazione regione totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    01/06/2020 Sicilia 73 894 967 -19 0 2202 274 3443
    02/06/2020 Sicilia 69 893 962 -5 4 2210 275 3447
    03/06/2020 Sicilia 67 837 904 -58 0 2268 275 3447
    04/06/2020 Sicilia 63 816 879 -25 0 2292 276 3447
    05/06/2020 Sicilia 60 812 872 -7 1 2300 276 3448


    Nonostante la
    richiesta di chiarimento su quali fossero i dati esatti indirizzata alla Regione da Open Data Sicilia attraverso il proprio account Twitter e l’ampio risalto avuto dalla stessa, nessun riscontro come al solito è seguito.

    Comunque, come già accennato, la più clamorosa delle rettifiche è quella del 19 Giugno, quando vediamo diminuire in un colpo solo il totale_casi da 3464 a 3070, una variazione negativa di ben 394 casi, che denota in maniera inequivocabile il fallimento della Regione Siciliana nella gestione dei dati Covid-19 regionali. Una variazione negativa che non avrebbe dovuto ovviamente aver luogo, vista la natura del campo in questione, che si giustifica appunto come frutto di una rettifica tesa a sanare i numerosi errori commessi lungo tutto il periodo di pandemia e che avrebbe dovuto essere evidenziata nel campo nuovi_positivi che, a nostro avviso erroneamente, riporta invece il valore 3, come a voler evidenziare i nuovi_casi effettivi rilevati in più (?) rispetto al giorno precedente. In realtà è la definizione stessa del campo nuovi_positivi = totale_casi del giorno corrente – totale_casi del giorno precedente, data dallo stesso Dipartimento di Protezione Civile, che ci porta appunto a sostenere che sarebbe stato più corretto indicare il valore -394, invece del valore 3, nel campo nuovi_positivi di giorno 19 Giugno.

    A parte comunque la variazione di cui abbiamo discusso, vale la pena notare come già nei giorni immediatamente precedenti, ovvero il 17 e il 18 Giugno, osserviamo delle significative variazioni negative tra i soggetti in isolamento_domiciliare (da 777 a 610 a 124, con una variazione complessiva di -653) e di conseguenza nel totale_positivi (da 805 a 637 a 150, con una variazione complessiva di -655) e una opposta variazione in aumento dei dimessi_guariti che da 2377 passano a 2547 e infine a 2640, con una variazione positiva di 263 dimessi_guariti; la differenza tra la variazione_totale_positivi e la variazione dei dimessi_guariti, 655 – 263 =  392 è pari all’incirca alla rettifica negativa del totale_casi di giorno 19 Giugno (-394).     

    data denominazione regione totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    16/06/2020 Sicilia 36 770 806 1 2 2374 280 3460
    17/06/2020 Sicilia 28 777 805 -1 2 2377 280 3462
    18/06/2020 Sicilia 27 610 637 -168 2 2547 280 3464
    19/06/2020 Sicilia 26 124 150 -487 3 2640 280 3070
    20/06/2020 Sicilia 26 114 140 -10 0 2650 280 3070


    I dettagli di queste variazioni “anomale”, nelle province in cui si sono evidenziate, sono riportati nelle seguenti tabelle (si tenga comunque conto che non si tratta di variazioni giornaliere poiché dopo il 5 Giugno la Regione non ha più emesso i suoi bollettini con cadenza quotidiana come in precedenza ma mediamente ogni due o tre giorni, arrivando anche a pubblicare a distanza di cinque giorni dall’ultimo).

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    15/06/2020 Sicilia Agrigento 0 32 32 0 0 108 1 141
    17/06/2020 Sicilia Agrigento 0 32 32 0 0 108 1 141
    22/06/2020 Sicilia Agrigento 0 4 4 -28 -6 130 1 135

     

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    15/06/2020 Sicilia Catania 11 387 398 0 1 578 101 1077
    17/06/2020 Sicilia Catania 10 387 397 -1 0 579 101 1077
    22/06/2020 Sicilia Catania 9 8 17 -380 -300 659 101 777

     

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    15/06/2020 Sicilia Messina 12 107 119 0 0 387 59 565
    17/06/2020 Sicilia Messina 10 110 120 1 1 387 59 566
    22/06/2020 Sicilia Messina 9 14 23 -97 -94 390 59 472

     

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    10/06/2020 Sicilia Palermo 13 241 254 0 1 290 37 581
    12/06/2020 Sicilia Palermo 9 243 252 -2 0 291 38 581
    15/06/2020 Sicilia Palermo 9 208 217 -35 2 328 38 583
    17/06/2020 Sicilia Palermo 7 210 217 0 1 329 38 584
    22/06/2020 Sicilia Palermo 7 62 69 -148 -86 391 38 498

     

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    15/06/2020 Sicilia Ragusa 0 7 7 -1 0 84 7 98
    17/06/2020 Sicilia Ragusa 0 7 7 0 0 84 7 98
    22/06/2020 Sicilia Ragusa 0 2 2 -5 -11 78 7 87

     

    data denominazione regione denominazione provincia totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    15/06/2020 Sicilia Trapani 0 14 14 0 0 123 5 142
    17/06/2020 Sicilia Trapani 0 15 15 1 1 123 5 143
    22/06/2020 Sicilia Trapani 0 5 5 -10 -7 126 5 136


    L’ultimo episodio che segnaliamo riguarda 24 dimessi_guariti che, da più di un mese ormai, la Regione Siciliana non riesce a determinare a quali province appartengano. Nello specifico, il 19 Giugno compare nuovamente (succedeva soprattutto nelle prime settimane dell’epidemia) un record del tipo “
    In fase di definizione/aggiornamento” tra i dati provinciali pubblicati dal Dipartimento, che accoglie, in attesa appunto di definizione/aggiornamento, i casi di cui andrà definita la provenienza provinciale. Non avendo la Regione emanato bollettini il 19 Giugno, e quindi in mancanza di dati di dettaglio provinciale per quel giorno, consideriamo i dati delle due tabelle seguenti che contengono i dati di dettaglio provinciale pubblicati dalla Regione con i propri bollettini il 17 e il 22 Giugno e la cui comparazione ci permette di evidenziare questa ulteriore anomalia. 

    data denominazione regione denominazione
    provincia
    totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    17/06/2020 Sicilia Agrigento 0 32 32 0 0 108 1 141
    17/06/2020 Sicilia Caltanissetta 1 8 9 -1 1 157 11 177
    17/06/2020 Sicilia Catania 10 387 397 -1 0 579 101 1077
    17/06/2020 Sicilia Enna 0 8 8 0 0 388 29 425
    17/06/2020 Sicilia Messina 10 110 120 1 1 387 59 566
    17/06/2020 Sicilia Palermo 7 210 217 0 1 329 38 584
    17/06/2020 Sicilia Ragusa 0 7 7 0 0 84 7 98
    17/06/2020 Sicilia Siracusa 0 0 0 0 0 222 29 251
    17/06/2020 Sicilia Trapani 0 15 15 1 1 123 5 143
    17/06/2020 Sicilia 28 777 805 0 4 2377 280 3462

     

    data denominazione regione denominazione
    provincia
    totale ospedalizzati isolamento domiciliare totale positivi variazione totale positivi nuovi positivi dimessi guariti deceduti totale casi
    22/06/2020 Sicilia Agrigento 0 4 4 -28 -6 130 1 135
    22/06/2020 Sicilia Caltanissetta 1 6 7 -2 8 167 11 185
    22/06/2020 Sicilia Catania 9 8 17 -380 -300 659 101 777
    22/06/2020 Sicilia Enna 0 7 7 -1 13 402 29 438
    22/06/2020 Sicilia Messina 9 14 23 -97 -94 390 59 472
    22/06/2020 Sicilia Palermo 7 62 69 -148 -86 391 38 498
    22/06/2020 Sicilia Ragusa 0 2 2 -5 -11 78 7 87
    22/06/2020 Sicilia Siracusa 0 7 7 7 69 284 29 320
    22/06/2020 Sicilia Trapani 0 5 5 -10 -7 126 5 136
    22/06/2020 Sicilia 26 115 141 -664 -414 2627 280 3048
    22/06/2020 Sicilia In fase di
    definizione/ aggiornamento
    24 24 24
    22/06/2020 Sicilia 26 115 141 -664 -390 2651 280 3072

     

    Published by

    Nino Galante

    informatico, fautore dell’impegno civico, wikicratico, promotore della openness nelle forme più varie in cui possa manifestarsi.