Open-carburanti: i prezzi dei carburanti alle stazioni di servizio

Share on Facebook2Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone
I'm also on

Ciro Spataro

technician at Comune di Palermo
- dipendente del Comune di Palermo impegnato nell'innovazione di processo/servizio, nell'attuazione e monitoraggio della politica open data comunale
- civic hacker nel tempo libero
- umap.openstreetmap.fr/it/user/cirospat
- it.linkedin.com/in/cirospataro
- petrusino.opendatasicilia.it
I'm also on

Un post a cura di Fabio Disconzi, un appassionato e riutilizzatore di dati in formato aperto, che pone l’attenzione sull’andamento dei costi italiani del carburante al distributore.

Cari amici Siciliani, da circa 15 mesi archivio ed elaboro gli open data relativi ai prezzi dei carburanti (benzina, gasolio, metano e gpl) e devo darvi alcune notizie che probabilmente non vi faranno piacere.

Open-carburanti: i prezzi dei carburanti alle stazioni di servizio

Il Ministero dello Sviluppo Economico ogni giorno mette a disposizione di tutti i prezzi che le pompe di distribuzione dei carburanti praticano. Un operatore di una stazione di servizio, quando cambia il prezzo lo comunica al MISE prima delle ore 8 di ogni giorno e il MISE a sua volta prende queste comunicazioni, le mette tutte assieme e le rilascia in formato aperto (open data).

Che cosa ho fatto? 

Dal 2 settembre 2015 ho archiviato presso il mio sito (link: http://www.fabiodisconzi.com/open-carburanti/ ) tutte queste comunicazioni e pochi giorni fa, a fine novembre, mi sono detto: “visto che ho tutti questi dati perchè non provo a calcolare i prezzi medi per regione, per provincia e per compagnia petrolifera?”

Per fare un indicatore che rappresentasse il prezzo dei carburanti ho creato il “prezzo medio rappresentativo” che tiene in considerazioni questi 6 tipi di prezzo: benzina servito, benzina self-service, gasolio servito, gasolio self-service, metano e gpl.

Quanto è emerso viene descritto dalla scheda seguente: nella tabella si vede la classifica da 1 a 20 delle Regioni Italiane (con scala dei prezzi da 1 a 100) mentre nella mappa si vede chiaramente dove il pieno costa meno (toni verdi) e dove costa di più (toni rossi).

1

Il Veneto che è la mia regione di residenza si classifica al primo posto e secondo le mie analisi è la regione con il prezzo medio rappresentativo minore, all’opposto troviamo la Sicilia. La differenza di prezzo medio è di poco inferiore del 10% che tradotto significa questo: se un pieno costa 40€ in Veneto, costerà circa 44€ in Sicilia.

Ribadisco il periodo dell’analisi: questo è quanto accaduto per il periodo settembre 2015-novembre 2016.

Classifica delle province

Ho approfondito l’analisi per un livello geografico provinciale e la tabella seguente mostra chiaramente chi “vince e chi perde”. Ritroviamo 4 province del Veneto ai primi 4 posti e 3 province della Sicilia negli ultimi 4. In particolare Rovigo è la provincia con il prezzo medio rappresentativo minore e Agrigento, la bellissima Agrigento aggiungerei, all’ultimo posto.

2

Le pompe di carburanti “bianche” sono convenienti?

Spesso tra amici si parla di prezzo dei carburanti ed è opinione diffusa che le pompe bianche, quelle che non fanno parte dei nomi più famosi siano piùà economiche. E’ verificato dai dati questa opinione oppure no?

Quello che ho fatto è stato confrontare i prezzi medi delle quasi 3000 pompe bianche archiviate nell’osservatorio (http://www.fabiodisconzi.com/open-carburanti/bandiere/pompe-bianche/index.html LINK) con i prezzi queste 8 bandiere (il termine bandiera indica l’azienda, la compagnia): “Agip-Eni, Q8, Api-Ip, Esso, Total-Erg, Tamoil, Repsol, Retitialia”.

Cosa ho osservato?

Ho visto che le pompe bianche tengono un prezzo medio sempre inferiore rispetto alle “grandi marche” ma ci sono differenze sostanziali non tanto per il tipo di carburante ma per lo più per il tipo di servizio. Infatti i carburanti forniti con servizio self-service presentano una differenza che sta tra l’1% e il 2% mentre quelli con self-service raggiungono una forchetta  del 6 e 7%.

In questo grafico vedete di quanto è “meno caro” il carburante delle pompe bianche settimana per settimana.

3

Se ritenete utile approfondire, potete scaricare questo report: http://www.fabiodisconzi.com/open-carburanti/report01/downloadreport01.phpOppure navigare per le sezioni dell’osservatorio: http://www.fabiodisconzi.com/open-carburanti/.

Per non perdervi i prossimi aggiornamenti seguitemi su twitter @fabiodisconzi o contattatemi via email fabio@fabiodisconzi.com anche per collaborazioni, approfondimenti o altro.

Share on Facebook2Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone

Published by

Ciro Spataro

– dipendente del Comune di Palermo impegnato nell’innovazione di processo/servizio, nell’attuazione e monitoraggio della politica open data comunale
– civic hacker nel tempo libero
– umap.openstreetmap.fr/it/user/cirospat
– it.linkedin.com/in/cirospataro
– petrusino.opendatasicilia.it