Scuola 2.0

Share on Facebook4Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone

Mario Grimaldi

Insegnante tecnico pratico, appassionato di conservazione digitale e di tutti i processi di dematerializzazione. Docente in corsi di formazione ed eventi organizzati nel settore pubblico per le materie attinenti la trasparenza amministrativa, la digitalizzazione dei procedimenti amministrativi e conservazione digitale. Dirigente sindacale nazionale ANQUAP (Associazione nazionale quadri delle pubbliche amministrazioni). Membro gruppo di lavoro presso l’AGID, forum conservazione. Fondatore gruppo facebook PA digitale.

Latest posts by Mario Grimaldi (see all)

Il 25 febbraio al Liceo Meli di Palermo, durante il seminario promosso dall’ ANQUAP, dal titolo “PNSD – lo sviluppo della cultura digitale nelle II.SS.“abbiamo affrontato la seguente tematica: la gestione dei flussi informativi all’interno della Scuola digitale.

Siamo partiti dal concetto di Open Government che significa scuola aperta, trasparente, condivisa e collaborativa, un nuovo paradigma che modifica la relazione tra scuola e “popolazione scolastica”: da un approccio basato sull’erogazione dei servizi da parte della Scuola dove le famiglie e il personale hanno il ruolo di fruitori passivi, si passa ad un approccio basato sulla reale collaborazione e partecipazione diretta di famiglie e personale, alle scelte strategiche della scuola.

Per raggiungere gli obiettivi di trasparenza, partecipazione e collaborazione dell’open goverment, occorre mettere a disposizione della “popolazione scolastica” degli appositi strumenti conoscitivi che permettono di prendere decisioni o meglio di valutare, condividere le scelte fatte dall’istituzione scolastica. Questi strumenti conoscitivi sono rappresentati dai dati e dalle informazioni che passano necessariamente dal sito web istituzionale, strumento principe della comunicazione pubblica nella PA.

Sulla falsa riga del progetto “Albo Pop” di Open Data Sicilia, ideato da Andrea Borruso e sostenuto da un gruppo di amici di ODS, è stato realizzato il progetto Scuola Pop, che si occupa della gestione dell’informazione all’interno dell’istituzionale scolastica, utilizzando i nuovi canali di comunicazione: un flusso informativo, costituito da news, circolari, albo on line, amministrazione trasparente, raggiunge in tempo reale le famiglie, i dipendenti, e le aziende transitando attraverso i social network Telegram, twitter e facebook.

Sconosciuto alla maggior parte della platea, Telegram, è un servizio di messaggistica istantanea, erogato senza fini di lucro, che può essere utilizzato per inviare automaticamente una notifica, ad un numero illimitato di utenti iscritti al canale Telegram della Scuola, sui diversi dispositivi mobili o desktop PC, non appena l’operatore scolastico pubblica un documento.

Molto interesse ha suscitato ai neo docenti animatori digitali, l’ utilizzo dei social network nella gestione dell’informazione, sia nella veste di attori della PA, data la semplicità nella gestione e diffusione dell’informazione, che nella veste di utilizzatori, fruitori di un servizio in rete, affidabile, semplice,ed immediato.

Qui le slide: http://www.slideshare.net/mariogrimaldi743/pnsd-lo-sviluppo-della-cultura-digitale-nelle-iiss

Share on Facebook4Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Share on Google+0Email this to someone

Published by

Mario Grimaldi

Insegnante tecnico pratico, appassionato di conservazione digitale e di tutti i processi di dematerializzazione. Docente in corsi di formazione ed eventi organizzati nel settore pubblico per le materie attinenti la trasparenza amministrativa, la digitalizzazione dei procedimenti amministrativi e conservazione digitale. Dirigente sindacale nazionale ANQUAP (Associazione nazionale quadri delle pubbliche amministrazioni). Membro gruppo di lavoro presso l’AGID, forum conservazione. Fondatore gruppo facebook PA digitale.