Il Piano Regolatore di Palermo in #opendata

Share on Facebook138Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn5Share on Google+3Email this to someone

Andrea Borruso

Geomatico, mi occupo di rilevamento e trattamento informatico di dati relativi alla Terra e all’ambiente, ho una società che costruisce sensori per droni (Panoptes srl) e sono uno degli autori delle linee guida Open Data del Comune di Palermo. Di notte faccio il civic hacker

Il Comune di Palermo ha pubblicato da poco nel suo portale Open Data due dataset di indubbio interesse:

  1. la “Perimetrazione Zonizzazione P.R.G. vigente
  2. i “Vincoli vigenti della variante generale al P.R.G.

Il 21 febbraio 2015, in occasione del “nostroOpen Data Day, ho lavorato insieme a Totò Fiandaca per predisporre una prima pubblicazione sul web di questi dati.

Abbiamo soltanto iniziato il lavoro, partendo da questi passi:

  • abbiamo per ora lavorato sulla sola perimetrazione;
  • ricostruito la legenda/descrizione per i codici ZTO presenti nel primo dataset. Questi infatti non sono presenti nei dati originali;
  • scelta una prima rappresentazione cartografica automatica, basata sulle zone di gerarchia più alta. Sulla scelta dei colori si può e deve fare meglio;
  • creata una prima interfaccia web per la lettura di questi dati. Come sfondo un’ortofotocarta del SITR regionale, possibilità di fare zoom & pan, una minimappa di riferimento, il tasto per condividere sui social, il tasto per essere collocato automaticamente sulla mappa, e al click con il mouse sui poligoni la lettura delle informazioni correlate.

Il dataset sul quale ci siamo concentrati è quindi quello “che ricostruisce la zonizzazione della variante generale al P.R.G. aggiornati alla delibera di “presa d’atto” del consiglio comunale n.07/2004“.

Qui l’URL attuale per sfogliare la mappa.

prg palermo share

Prossimamente vorremmo passare da questa output soltanto “visuale” a qualcosa di più utile, a una lettura “pesata” del territorio.

L’obiettivo era quello di leggere immediatamente leggibile, senza dovere installare nulla e/o sapere cosa è uno shapefile, la zonizzazione prevista dal Piano Regolatore Vigente. E credo che questo sia avvenuto (anche se sappiamo che ci sono tante piccole cose da migliorare/integrare).

In ultimo voglio sottolineare come questa interfaccia di webmapping esiste grazie a due componenti principali:

Share on Facebook138Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn5Share on Google+3Email this to someone

Published by

Andrea Borruso

Geomatico, mi occupo di rilevamento e trattamento informatico di dati relativi alla Terra e all’ambiente, ho una società che costruisce sensori per droni (Panoptes srl) e sono uno degli autori delle linee guida Open Data del Comune di Palermo. Di notte faccio il civic hacker