PA/WORKING opendata di comunità per ottimizare il lavoro di rete

Share on Facebook5Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn3Share on Google+0Email this to someone
I'm also on

Ciro Spataro

technician at Comune di Palermo
- dipendente del Comune di Palermo impegnato nell'innovazione di processo/servizio, nell'attuazione e monitoraggio della politica open data comunale
- civic hacker nel tempo libero
- umap.openstreetmap.fr/it/user/cirospat
- it.linkedin.com/in/cirospataro
- petrusino.opendatasicilia.it
I'm also on

Il Comune di Palermo avvia PA/WORKING, un laboratorio di idee per mettere al centro la creazione di impresa, anche attraverso un dibattito dedicato al lavoro e alle nuove opportunità di crescita e sviluppo, promosso dall’Assessorato alle Attività Produttive .

Viene creato l’omonimo gruppo Facebook. Associazioni, professionisti di varia competenza si presentano nel social network. Meraviglioso. Ma guardando il gruppo FB vedo e mi accorgo che questo social non ti permette di avere database informativi su coloro che si stanno presentando ora dopo ora. Quindi ritengo utile (per tutti) creare un modulo Google per l’iscrizione delle persone con i loro dati. Il modulo genera in automatico un database in formato csv che rendo pubblico online.  Così gli iscritti si ritrovano tutti insieme gli uni accanto agli altri.  In pratica il database è un dataset pubblico in formato aperto, cioè la collettività sta facendo open data.

Ma ecco che arriva il mio amico Andrea Borruso (geomatico), al quale non sfugge nulla in rete che non possa essere trasformato in mappa georeferenziata, e che genera una mappa su UMAP (basata su openstreetmap) riportanti le informazioni del database sopra descritto.  E siccome ho imparato che se in un database ci mettiamo lat e long ci puoi ricavare una mappa, Andrea può far visualizzare agli iscritti al database la georeferenziazione delle attività professionali degli iscritti a Palermo. La piattaforma georeferenziata UMAP, che Andrea mi ha insegnato ad utilizzare, è gratuita e si presta perfettamente a rappresentare informazioni di vario tipo, oltre alla georeferenziazione: testo, link, immagini e video (vedi esempio). Andrea in sintesi crea un collegamento tra il link del database  in formato  aperto online e l’url di sorgente che la piattaforma di UMAP chiede nel caso di mappe generate non da un upload di file ma da un sorgente url.

Cosa abbiamo imparato con questa esperienza? Che la raccolta di dati tramite moduli online permette di generare database in formato aperto (open data) di comunità e di conseguenza mappe georeferenziate di comunità. Questo rafforza il senso di comunità e alimenta la costruzione di reti professionali di territorio..

A Berlino succede qualcosa di analogo.  Analogie di metodo e di piattaforma (basata su openstreetmap) con la mappa di comunità PA/WORKING: compila un modulo online e i dati in formato aperto vanno in un database strutturato che alimenta una mappa georeferenziata online.

Share on Facebook5Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn3Share on Google+0Email this to someone

Published by

Ciro Spataro

– dipendente del Comune di Palermo impegnato nell’innovazione di processo/servizio, nell’attuazione e monitoraggio della politica open data comunale
– civic hacker nel tempo libero
– umap.openstreetmap.fr/it/user/cirospat
– it.linkedin.com/in/cirospataro
– petrusino.opendatasicilia.it