Mappa prodotti DOP/IGP: ecco a che serve aprire i dati

Share on Facebook38Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn33Share on Google+8Email this to someone

Andrea Nelson Mauro

Andrea Nelson Mauro, data jour­na­list. Vincitore dei Data Journalism Awards e dell'European Press Prize. For­mato nella cro­naca locale, fondatore di Dataninja.it, Datamediahub.it, Confiscatibene.it. Collabora con gruppi editoriali in Italia e all'estero, agenzie di data journalism in Europa, NGOs e Pubbliche Amministrazioni italiane. Folk della com­mu­nity SpaghettiOpenData.org e OpenDataSicilia.it

Sono 892 i prodotti DOP e IGP censiti del Ministero delle Politiche Agricole al 5 Novembre 2014. Un elenco che si aggiorna periodicamente e che traccia i cibi di qualità lungo tutta la penisola.

  • Di seguito un grafico con la classifica delle prime dieci province per numero di prodotti registrati.
Prime-dieci-province-per-Numero-di-Prodotti-DOP-IGP-Numero_chartbuilder
  • >A seguire invece la classifica delle prime dieci regioni per numero di prodotti registrati.
Prime-dieci-regioni-per-Numero-di-Prodotti-DOP-IGP-Prodotti_chartbuilder

Da questa mappa è possibile cliccare sui marker delle singole province e visualizzare l’elenco dei prodotti DOP/IGP registrati


Da questa tabella è possibile cercare i prodotti DOP/IGP per nome o per provincia.

Per rendere facili analisi di questo tipo sarebbe sufficiente che:

  • Il Ministero pubblicasse i dati in forma tabellare (un csv o persino un xls) invece di pubblicarli in PDF
  • Ad ogni prodotto venisse assegnato un ID unico. Adesso invece – potrei sbagliarmi – ma mi pare di capire che la colonna “N” non rappresenta la chiave identificativa del prodotto, ma un numero progressivo dell’elenco. Confrontando ad esempio l’elenco del 05/11/2014 (pdf qui) e l’elenco del 05/12/2014 (pdf qui), lo Zampone Modena risulta al “N 268” in uno dei due e al “N 269” nell’altro. Una cosa che farebbe saltare sulla sedia anche il meno esperto di dati/opendata 🙂
  • Invece di ripubblicare ogni mese (sic!) lo stesso file PDF con lo stesso elenco o tutt’al più aggiornato di una o due voci che si aggiungono, il Ministero potrebbe esporre i dati in una tabella HTML e scaricabili e semplicemente garantirne il mantenimento, aggiungendo di volta in volta i nuovi prodotti.
Share on Facebook38Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn33Share on Google+8Email this to someone

Published by

Andrea Nelson Mauro

Andrea Nelson Mauro, data jour­na­list. Vincitore dei Data Journalism Awards e dell'European Press Prize. For­mato nella cro­naca locale, fondatore di Dataninja.it, Datamediahub.it, Confiscatibene.it. Collabora con gruppi editoriali in Italia e all'estero, agenzie di data journalism in Europa, NGOs e Pubbliche Amministrazioni italiane. Folk della com­mu­nity SpaghettiOpenData.org e OpenDataSicilia.it

  • Xaura

    Fino a pochi anni fa l’elenco era pubblicato in gazzetta ufficiale, aggiornato solo una volta all’anno e poi diffuso intorno al 15 luglio, non sapevo che adesso usano il sistema di aggiungere un nuovo prodotto alla volta.

  • Xaura

    Il numero progressivo di ogni Pat è solo per ordine alfabetico. Ho sempre desiderato un ID che ti desse alcune semplici info:
    *regione
    *tipologia di prodotto (es verdure o gastronomia)

    • Andrea Nelson Mauro

      Grazie Xaura! credo che la pubblicazione avvenga ogni 15 giorni (o entro un mese)
      Grazie per le info sul progressivo del Pat!

      • Xaura

        I tempi sono incerti ma vedrai che i tuoi dati finiranno nelle voci di Wikipedia, sono troppo belli!
        Immagina se non solo i dop/igt ma ogni prodotto agroalimentare fosse geolocalizzato… Wow!

  • Nazzareno Prinzivalli

    Leggendo i singoli prodotti per provincia (con riferimento a quelle siciliane) ho l’impressione che ci possano essere delle associazioni non corrette. A Caltanissetta, per esempio, riporta Carota novella di Ispica e Ficodindia di San Cono, rispettivamente in provincia di Ragusa e di Catania…

    • Andrea Nelson Mauro

      @nazzarenoprinzivalli:disqus: credo anch’io che sarebbe molto interessante! Nello specifico, i prodotti che citi risultano essere.
      A) Carota Novella di Ispica – 40 Carota Novella di Ispica I.G.P. Ortofrutticoli e cereali Reg. UE n. 1214 del 17.12.10 GUUE L 335 del 18.12.10 Sicilia Ragusa, Siracura, Catania, Caltanisetta
      B) Ficodindia di San Cono – 86 Ficodindia di San Cono D.O.P. Ortofrutticoli e cereali Reg. UE n. 225 del 06.03.13 GUUE L 72 del 15.03.13 Sicilia Catania, Enna, Caltanisetta

      I numeri 40 e 80 sono i progressivi che trovi nel doc ufficiale qui http://opendatasicilia.it/wp-content/uploads/sites/2/2014/12/17__DOP__IGP_e_STG_Registrati_aggiornato_al_3_dicembre_2014.pdf

      Considera però che non sono un esperto dell’argomento e mi sono limitato a estrarre i dati e riorganizzarli per provincia e non più per singolo prodotto.

      Grazie! 🙂

    • Salvo Butera

      I disciplinari di produzione (approvati dal ministero) indicano anche i luoghi di produzione. Ad esempio, nello specifico esempio della Carota novella di Ispica, all’articolo 3 del disciplinare si legge: “La zona di produzione dell’Indicazione Geografica Protetta (I.G.P.) “Carota Novella di Ispica” comprende i comuni delle seguenti province fino ad un’altitudine di 550 m.s.l: provincia di Ragusa: comuni di Acate, Chiaramonte Gulfi, Comiso, Ispica, Modica, Pozzallo, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli, Vittoria; provincia di Siracusa: comuni di Noto, Pachino, Portopalo di Capo Passero, Rosolini; provincia di Catania: comune di Caltagirone; provincia di Caltanissetta: comune di Niscemi”.

  • Pingback: Sicily Food Experience | Dop e Igp: la mappa delle eccellenze siciliane()