Il Difensore civico per il digitale fa moral suasion su SPID?

SPID è il sistema pubblico d’identità digitale, la soluzione che permette di accedere a tutti i servizi online della pubblica amministrazione con un’unica Identità Digitale.

Secondo il sito del Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione, SPID sarebbe dovuto essere implementato dalle Pubbliche Amministrazioni entro Marzo 2018.

Sempre entro Marzo 2018 AGID avrebbe dovuto rilasciare un piano d’implementazione di SPID per le PA che ancora non avessero provveduto ad implementare SPID sui propri servizi online.

Con l’aggiornamento del Codice dell’Amministrazione Digitale del 13/12/2017 è stato istituito presso AGID l’ufficio del difensore civico per il digitale, a cui chiunque può presentare segnalazioni relative a presunte violazioni del Codice dell’Amministrazione Digitale e di ogni altra norma in materia di digitalizzazione ed innovazione della pubblica amministrazione.

Il sito istituzionale di AGID permette espressamente di inviare segnalazioni sull’identità digitale.

 

Secondo un blog post del Team per la Trasformazione Digitale che ha collaborato alla stesura dell’ultima edizione del Codice dell’Amministrazione Digitale, il Difensore Digitale ha il compito di esercitare una moral suasion sulle amministrazioni che non garantiscono i diritti di cittadinanza digitale.

Ho testato per tre volte il servizio di moral suasion offerto dal Difensore Civico per il Digitale, ecco come è andata.

La prima esperienza l’avevo già raccontata con un post sul blog di #opendatasicilia.

La segnalazione riguardava la mancanza di SPID sul portale online del Sistema regionale degli Sportelli Unici della Regione Siciliana.

Come già documentato nel precedente blog post al quale vi rimando, la segnalazione è stata ritenuta non ricevibile in quanto indipendente dall’utilizzo di SPID.

La seconda segnalazione l’ho inoltrata in data 16/06/2018 e riguardava la mancanza di SPID sul portale della Regione Siciliana dei servizi per lavorare in Sicilia, in quanto avevo appreso dai giornali che in quei giorni i centri per l’impiego avevano qualche problema.

Il 17/07/2018 il Difensore Digitale mi risponde di aver richiesto alla Regione Siciliana “elementi tecnici di approfondimento”, da allora non ho ricevuto altre notizie, neanche il rigetto della mia segnalazione.

 

La terza segnalazione l’ho fatta in data 26/07/2018 e riguardava il portale Alloggiati Web della Polizia di Stato.

Per chi non lo sapesse, tutte le strutture ricettive in Italia sono obbligate ad inviare alla Questura le schede anagrafiche con i dati dei loro ospiti.

Il problema è che i documenti per l’accreditamento delle strutture ricettive al fine di ottenere la password al portale Allogiati Web e poter adempiere all’obbligo dell’invio delle schede anagrafiche degli ospiti cambiano da Questura a Questura.

Ad esempio, qui i moduli di Trapani, qui i moduli di Agrigento, qui i moduli di Enna, sul sito della Questura di Palermo non sono riuscito a trovare i moduli.

Per questo motivo, ho pensato che fosse utile segnalare al Difensore Digitale la mancanza di SPID sul portale Alloggiati Web, anche al fine di liberare le stesse questure dall’incombenza di rilasciare delle password alle strutture ricettive.

Magari le questure hanno cose più importanti da fare che rilasciare password alle imprese?

La mia segnalazione è stata protocollata il 26 Luglio 2018, ma non ho ancora ricevuto alcuna risposta, neanche un rigetto della segnalazione.

 

Ho guardato per curiosità la lista degli otto inviti fatti alle Pubbliche Amministrazioni dal Difensore Digitale nel periodo compreso tra il 10/05/2018 ed il 07/11/2018 e nessuno riguarda SPID.

Concludo con due riflessioni:

  • I tempi del Difensore Digitale sono stati esposti in questa discussione sul Forum di Italia.it,  ma appaiono veramente troppo lunghi e burocratici per delle semplici segnalazioni che hanno come oggetto di verificare se un servizio online sia accessibile con SPID o meno, considerato anche che il Difensore Digitale non ha poteri sanzionatori ma si limita al compito di moral suasion delle Pubbliche Amministrazioni che non rispettano i diritti digitali di cittadini e imprese.
  • Se il monitoraggio sull’implementazione di SPID da parte delle Pubbliche Amministrazioni fosse pubblicato, si potrebbe prevedere una integrazione tra le segnalazioni su SPID al Difensore Digitale e la mappatura dei servizi online che ancora non hanno SPID.
    A proposito, quando verrà pubblicato il monitoraggio sull’implementazione di SPID?

 


L’immagine in copertina è Franco Baresi, che nulla c’entra con questo post.

I credits dell’immagine sono qui.

OpenARS: una prima esplorazione dei dati

A meno di un mese da Open Data Sicilia 2018, che si terrà a Palermo il 9 e 10 novembre, entriamo adesso più nel vivo nel progetto OpenARS, i linked data dell’Assemblea Regionale Siciliana (ARS), che verrà presentato nel corso dell’evento.
Nell’ultimo post ci eravamo lasciati con la presentazione dell’ontologia OpenARS, creata per descrivere in modo formale le diverse tipologie di dati dell’ARS e le loro interconnessioni.
L’ontologia sviluppata consente di dare ad ogni risorsa un significato e di trasformare i dati dell’ARS in un enorme grafo direttamente interrogabile, esplorabile e riutilizzabile in altri contesti.
Ma come li interroghiamo i dati?
Per farlo è necessario introdurre il linguaggio principe usato nel Web Semantico per le interrogazioni, cioè il linguaggio SPARQL.
Il linguaggio SPARQL è una raccomandazione W3C che definisce in modo standard come interrogare i dati, a partire da grafi RDF distribuiti nel Web. Il criterio di interrogazione è basato su un meccanismo di pattern matching, nello specifico dal costrutto triple pattern, che riflette il modello di asserzioni RDF delle triple e fornisce un modello flessibile per le ricerche.
Lo schema generico di un’interrogazione SPARQL è il seguente:

dove
  • PREFIX è la clausola che definisce prefissi e namespace, comoda per abbreviare le URI;
  • SELECT è la clausola che definisce le informazioni che vogliamo estrarre dal repository;
  • FROM è la clausola che definisce il grafo (o i grafi) da esplorare. Può essere sia locale sia remoto. Possiamo anche inserire clausole come FROM NAMED e GRAPH per specificare sorgenti dati multipli;
  • WHERE è la clausola che definisce il pattern del grafo che intendiamo cercare nel dataset; rappresenta la parte più importante della query;
  • ORDER BY è la clausola che mi consente di ordinare i risultati della ricerca.
Immaginiamo di avere un dataset contenente un insieme di libri (risorse) descritti da una specifica ontologia nel file book.rdf, pubblicato nel Web secondo i principi dei Linked Data. Immaginiamo di identificare il dataset nel Web col seguente URL:
http://example.org/books.rdf .
Il nostro obiettivo è conoscere tutti i libri presenti del dataset con i relativi autori; per fare questo dobbiamo estrarre tutte le risorse di tipo libro (?book) e tutte le persone (?person) che sono autori (ex:hasAuthor) dei libri. Dei libri vogliamo conoscere i titoli (?book_title) e i nomi e cognomi degli autori (?person_name, ?person_surname).
La query di interrogazione sarà la seguente:

e questo un ipotetico risultato
Passiamo adesso ad OpenARS e proviamo ad effettuare un’interrogazione reale direttamente sul suo repository. A differenza del file pubblicato nell’esempio precedente i dati di OpenARS sono caricati su un server di storage dedicato che contiene l’intera base di conoscenza nella forma di triple/asserzioni . Per poter effettuare delle interrogazioni sui dati  è necessario conoscere l’URL punto di ingresso, conosciuto con il nome di SPARQL endpoint.
E’ possibile effettuare l’interrogazione direttamente dal client Web fornito dal triple store, come nella figura sottostante oppure è possibile eseguire query SPARQL da codice sorgente di un qualsiasi linguaggio di programmazione se si vogliono sviluppare applicazioni che interagiscono con i dati.
Prima di effettuare qualsiasi tipo di ricerca è fondamentale conoscere l’ontologia di riferimento al fine di poter interrogare correttamente i dati per tipologie di classi e per connessioni esistenti tra le risorse.
Facciamo adesso qualche esempio di interrogazione relativa a statistiche sull’attività legislativa dell’ARS. Per esempio, vogliamo sapere quanti disegni di legge sono stati presentati nel corso della 16° legislatura.
La query SPARQL è la seguente:

che restituirà come risultato il valore 1346.  Provare per credere.
La query assomiglia molto al linguaggio SQL e risulta di per sé molto leggibile. Nel campo WHERE selezioniamo tutte le risorse dello store di tipo ars:DisegnoDiLegge che sono collegate, tramite la proprietà ars:legislatura, alla risorsa che identifica la sedicesima legislatura ( http://dati.openars.org/legislatura/xvi ).
La selezione restituisce un certo numero di istanze e nel campo SELECT decidiamo di calcolare il numero totale di tali istanze, tramite l’operatore di aggregazione count, che corrisponde al numero totale di disegni di legge della 16° legislatura.
Vediamo adesso qualcosa un pò più complesso.
Voglio sapere la classifica top ten  dei disegni di legge presentati nella 16° legislatura suddivisa per materia. 
La query SPARQL è la seguente:

Questo il risultato:

Alcune considerazioni finali:
  • questi sono solo piccoli esempi che si possono fare con i dati ARS, nel prossimo post presenteremo casi molto più complessi che prenderanno in considerazione interrogazioni a sorgenti dati multipli;
  • passando dal Web di documenti al Web di dati (linked-data), il Web diventa machine-understandable e il tutto risulta esponenzialmente vantaggioso in termini di flessibilità e di interoperabilità semantica;
  • con la pubblicazione dei dati in modalità linked il Web diventa data-centric e le possibili interrogazioni dei dati, grazie alle loro interconnessioni, sia dentro che fuori al dataset, diventano pressoché infinite e delle più disparate;
  • non ci credete? provate a reperire nel Web tradizionale i nomi di TUTTI i sindaci le cui città hanno lo stesso patrono della città collegio di elezione di un qualsiasi deputato dell’ARS

    Nel prossimo post vedremo quanto sarà facile farlo con OpenARS.

Alcuni link per approfondire il linguaggio SPARQL
p.s. le iscrizioni al raduno sono ancora aperte. I posti sono gratuiti ma limitati. Per maggiori informazioni questo è il sito dell’evento.
Alla prossima

Alla scoperta di OpenARS – i Linked Data dell’Assemblea Regionale Siciliana

Come già anticipato nel precedente post, al raduno Open Data Sicilia 2018 verrà presentato il progetto OpenARS – i linked datadell’Assemblea Regionale Siciliana. Il progetto OpenARS ha l’obiettivo di pubblicare il patrimonio informativo dell’ARS in un modo completamente nuovo, abbracciando il mondo dei Linked Data, sfruttando le potenzialità del Web Semantico, consentendo la fruizione dei dati dell’ARS in modo flessibile e dinamico.

Vediamo adesso qualche dettaglio in più sul progetto.

Come primo passo sono stati estratti i dati dell’ARS dal sito istituzionale www.ars.sicilia.it attraverso appositi programmi, chiamati scraper, in grado di “grattare il testo dalle pagine Web e di salvare il contenuto in maniera strutturata, cioè individuando per ogni dato estratto la tipologia di appartenenza. Attraverso questi tool sono state estratte informazioni relative a tutte le legislature su deputati, assessori, incarichi e gruppi parlamentari mentre è stata estratta, invece, tutta l’attività parlamentare della 16° legislatura relativa ai disegni di legge, alle risoluzioni, alle interpellanze, alle interrogazioni, agli ordini del giorno, agli iter legislativi e alle sedute.

Applicare i principi Linked Data vuol dire passare da un Web di documenti a un Web di dati. Nel Web semantico non ci sono più documenti ma dati o risorse. Ogni dato è indipendente, collegato agli altri dati e definito formalmente da un’ontologia.
Per i dati ARS è stata sviluppata infatti un’apposita ontologia, chiamata OpenARS, in grado di descrivere in modo formale, sfruttando le potenzialità del Web semantico, le diverse tipologie di dati dell’Assemblea Regionale Siciliana e le interconnessioni che intercorrono tra gli stessi.

L’ontologia ha consentito di dare ad ogni risorsa un significato e di trasformare i dati dell’ARS in un enorme grafo direttamente interrogabile, esplorabile, riutilizzabile in altri contesti, in modo da arricchire il valore dei dati presenti sul sito ARS, abilitare e facilitare l’analisi dati, creare nuova conoscenza dai dati.

Questo è stato reso possibile applicando i principi dei Linked Data che prevedono la definizione univoca di ogni risorsa sul Web, la descrizione di ciascuna risorsa e l’interconnessione delle risorse con altri dataset, apportando così un importante contributo al progetto  LOD – Linked Open Data.

Con OpenARS sono state raggiunte le “5 stelle” di Tim Berners-Lee, cioè il livello più alto nella classificazione degli Open Data in termini di apertura e fruibilità.

 

Nei prossimi post vedremo più nel concreto cosa sono i LOD e come interrogare direttamente  i dati di OpenARS, esploreremo il grafo dei dati per capire come sia possibile iniziare a sviluppare applicazioni, report, ricerche, monitoraggi e statistiche.

Non dimenticatevi di iscrivervi al raduno Open Data Sicilia 2018. L’ingresso è gratuito ma i posti sono limitati.

OpenARS – i Linked Data dell’Assemblea Regionale Siciliana

All’interno del raduno di Open Data Sicilia 2018, che si terrà a Palermo giorno 9-10 novembre, verrà presentato ufficialmente il progetto OpenARS – i Linked Data dell’ARS – ed è per noi motivo di orgoglio presentare il progetto proprio nella sede istituzionale in cui l’attività legislativa del Parlamento siciliano produce questi dati.

Il progetto OpenARS ha l’obiettivo di pubblicare il patrimonio informativo dell’Assemblea Regionale Siciliana in un modo completamente nuovo. Il progetto abbraccia il mondo dei Linked Data e, sfruttando le potenzialità del Web Semantico, consente la fruizione dei dati dell’ARS in modo flessibile e dinamico.

I dati aperti sono lo strumento abilitante per eccellenza per tutte quelle iniziative relative al monitoraggio, alla trasparenza, alla partecipazione civica e all’ open-government in generale.

Con OpenARS raggiungiamo il livello più alto nella classificazione degli Open Data in termini di apertura e fruibilità e mostreremo perché gli open data sono così importanti, soprattutto in un settore chiave come quello legislativo.

Volete sapere il trend delle quote rosa nell’ARS in tutte le legislature? Confrontarlo con quello nazionale? Volete sapere il numero dei disegni di legge di una particolare legislatura relativi ad una particole materia? Volete sapere solo i ddl presentati dai deputati eletti in un particolare collegio? Volete conoscere l’iter parlamentare di un particolare disegno di legge?

Grazie ad OpenARS tutto ciò è possibile.

E allora che aspetti? Prenota subito un posto (numero limitati) al raduno Open Data Sicilia 2018. Il primo giorno verrà presentato il progetto, come è stato ideato e come è stato sviluppato. Verranno mostrati diversi casi d’uso e applicazioni funzionanti che fanno uso dei dati linked dell’ARS e ne mostrano tutto il potenziale grazie alla loro fruibilità aperta e standard.

Il secondo giorno ci sporcheremo le mani insieme, infatti saranno allestiti dei tavoli di lavoro in cui verranno organizzati dei workshop per le seguenti attività:

  • migliorare la qualità dei dati esistenti in OpenARS;
  • sviluppare applicazioni con i dati linked;
  • scrivere articoli giornalistici a partire dai dati dell’Assemblea;
  • creare visualizzazioni, mashup, dashboard dei dati di OpenARS

Se sei studente, ricercatore, giornalista, azienda o semplice appassionato di opendata, di trasparenza, di monitoraggio e di open-government in generale, che aspetti?
Corri
a prenotare un posto al raduno Open Data Sicilia 2018.

Rendere pubblico il database delle infrastrutture del Comune di Palermo

Il recente crollo del ponte Morandi di Genova ha evidenziato l’importanza di conoscere lo stato di salute delle infrastrutture di un territorio e quello delle opere di manutenzione correlate. È importante per chi nella Pubblica Amministrazione –  a vario titolo – prende decisioni e fa scelte, così come per i cittadini che volessero poter conoscere queste informazioni, monitorarle e attivare eventuali azioni e scelte conseguenti.

Si tratta di dati che, per tutto il territorio nazionale, non sono però quasi mai disponibili pubblicamente.

Il Comune di Palermo il 24 agosto del 2018 ha dato notizia di svolgere da tempo un “Monitoraggio costante di tutti i 25 ponti che servono la viabilità cittadina” e che in particolare la “Prima attività che ha condotto l’ufficio infrastrutture (oggi infrastrutture e servizi a rete) dell’area tecnica della Riqualificazione Urbana ed infrastrutture (oggi rigenerazione urbana, opere pubbliche ed attuazione delle politiche di coesione) è stata la creazione di un catasto informatizzato, un vero data base delle infrastrutture e delle condizioni d’uso e di conservazione.
L’attività ha permesso il censimento di 25 fra infrastrutture di viabilità a ponte, viadotti o cavalcavia. Nell’ambito di tale procedimento sono state avviate verifiche speditive sullo stato delle infrastrutture viarie nel territorio comunale”.

Chiediamo all’“Area tecnica della riqualificazione urbana e della pianificazione urbanistica”, al Capo Area Nicola Di Bartolomeo e all’assessore alla “Rigenerazione Urbanistica e Urbana” Emilio Arcuri, di rendere pubblico il catasto informatizzato delle condizioni d’uso e di conservazione (citato nella relazione del 24 agosto).

Farlo sarebbe un atto (concreto e di valore) di trasparenza, apertura e efficienza nei confronti della cittadinanza e soprattutto farebbe da esempio e creerebbe emulazione (che su questi temi è proprio necessaria).
Questa richiesta viene pubblicata qui e inviata anche per email ai dott. Di Bartolomeo e Arcuri.

In attesa, alla luce dell’elenco dei ponti citati nella relazione, Gianni Vitrano (grazie) ha creato e pubblicato la mappa “Localizzazione dei ponti di Palermo” usando i dati di OpenStreetMap (utilizzando overpass-turbo.eu) e mettendoli ove possibile in relazione con i dati della suddetta relazione. Purtroppo al momento è poco più di un elenco e fornisce ben poche informazioni ma proviamo ad immaginarla completa di tutte le informazioni disponibili nel catasto informatizzato predisposto dal Comune, la mappa diventerebbe un valido strumento a disposizione della Pubblica Amministrazione e dei cittadini all’insegna della trasparenza ma anche creando opportunità di un utilizzo efficiente dei dati disponibili.

PalermoHub

bit.ly/PalermoHub

L’idea

Da qualche anno ho attivato un sito web amatoriale dove carico tutte le mie rielaborazioni opendata (prevalentemente sono mappe su Palermo), un repository GitHub ed un clone anche su SicilaHub, nonostante questo, spesso amici e colleghi mi contattano per avere i link delle mie mappe.
L’Atlante delle Carte Tecniche storiche di Palermo, la Variante Generale vigente di Palermo, la Cartografia e Ortofoto di base e Piano Stralcio di Bacino per l’Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Regione Sicilia, sempre di Palermo, sono tra le mappe più richieste.
Da qui l’idea di PalermoHub, perché non mettere tutte le mappe in uno stesso contenitore, cosi da rendere più facile la loro fruizione?

Confrontandomi con @aborruso e @cirospat di opendatasicilia, la mia idea si è evoluta, perché limitarci alle mie mappe quando per esempio anche il buon Ciro ha una vastissima produzione di mappe su Umap?
A questo punto ci sembrato normale estendere l’idea a tutte quelle persone che pubblicano mappe opendata su Palermo.

Cosa è

PalermoHub di opendatasicilia.it è un contenitore di mappe realizzate/rielaborate da liberi cittadini o da civic hackers prevalentemente sul territorio comunale di Palermo, non ha alcun intento commerciale, l’unica finalità è mostrare le possibilità di rielaborazione e comunicazione offerte dagli open data o dati pubblici comunali, regionali, nazionali. Tutti possono contribuire alla crescita e alla divulgazione.

Il cuore di PalermoHub è il catalogo di ricerca Simile exhibit rielaborato in sitle Petrusino di opendatasicilia.it, un catalogo multitematico di siti web, applicazioni per dispositivi mobili, mappe online, servizi web e infografiche, con un’attenzione particolare alla Sicilia. Realizzato per permetterne una più facile individuazione ai più diversi tipi di utenza.
Viene spontaneo chiedersi…”ma se già c’è un catalogo come Petrusino, perchè duplicarlo…?”

In buona sostanza PalermoHub è un Petrusino specifico, oltre ad essere un catalogo monotematico su Palermo, è anche il contenitore delle mappe, un unico luogo fisico con funzionalità avanzate di ricerca e filtraggio per rendere facile ed intuitiva la ricerca delle mappe sul terriritorio Palermitano agli utenti.

Navigare tra le mappe di PalermoHub è semplicissimo, si può usare il menù posizionato sull’header di tutte le pagine, oppure utilizzando le funzionalità avanzate di ricerca disponibili direttamente nella homepage.

Tramite il pulsante “Categoria” del menù,  si accede alla lista delle mappe suddivise per categorie/tematismi. Basta selezionare e cliccare la categoria e il relativo tema per visualizzare la mappa.

 PalermoHub di opendatasicilia.it

Invece tramite le funzionalità avanzate di ricerca e filtraggio situate direttamente nella homepage si può affinare la ricerca usando i Tag, l’Autore, la data o la fonte dei dati.
Possono essere utilizzati simultaneamente più filtri per una ricerca avanzata.

PalermoHub di opendatasicilia.it

Anche il testo nella colonna “Titolo“o la clip nella colonna “Immagine” riportati in tabella nella home page, portano agevolmente alla mappa

PalermoHub di opendatasicilia.it


Contribuire

Far parte di PalermoHub è semplicissimo ed è gratis, basta inviare una richiesta di Pull Requests al repositoty Github includendo e documentando tutti i file necessari oppure inviando una richiesta alla mailing list OpenDataSicilia.it allegando i link o file della Vostra mappa, sarà nostra cura attivare le nuove pagine html per includere la nuova mappa.

Si può contribuire anche condividendo sui vari social il progetto PalermoHub e inserendo gli hastag: #PalermoHub @opendatasicilia

 PalermoHub di opendatasicilia.it - Pulsanti socialbit.ly/PalermoHub

(ATTENZIONE! se hai attivo un ad blocker, i tasti di condivisione non verranno visualizzati)

bit.ly/PalermoHub

Attualmente sono disponibili più di 80 risorse con diversi tematismi, oltre alle mappe realizzate dai menbri di opendatasicilia.it è presente la mappa dei monumenti abbandonati e dimenticati di Palermo, a cura di Giuseppe Mazzola per l’associazione Palermo Indignata, la mappa monumentale di Palermo e dell’Agro Palermitano, a cura di Marcello Petrucci e le meravigliose mappe di Guenter Richter realizzate con iXMaps

PalermoHub è fruibile sia da desktop che da mobile, si adatta facilmete a quasi tutti dispositivi mobile di ultima generazione, anche se il modello di riferimento nel segmento mobile è stato il vecchio Samsung Galaxy S3, con una rioluzione di 360 x 640.
Per una lettura ottimale delle mappe in mobile si consiglia l’uso di tablet di dimesioni minime 7 pollici ed una risoluzione di 960 x 600 px

Tutto il materiale rielaborato per Palermo Hub di OpenDataSicilia.it è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale (CC BY-SA 4.0) tranne diversa indicazione.
Licenza Creative Commons

Comune di Palermo: arrivano i dati in real time per alcuni degli autobus pubblici di AMAT

AMAT, la municipalizzata del Comune di Palermo, collabora da tempo con Moovit per i dati i real time di alcuni degli autobus della rete della città, visibili nella app dell’azienda.

Da oggi, tramite API e per 20 linee, sarà possibile in tempo reale accedere ai dati relativi agli arrivi di una linea del Trasporto Pubblico Locale ad una fermata.

Le linee sono: 100, 101, 102, 106, 108, 109, 124, 226, 246, 304, 307, 309, 327, 422, 619, 603, 704, 731, Navette Arancione centro storico ed Express.

Sarà possibile rispondere in modo programmatico a una domanda di questo tipo: “Mostrami i prossimi arrivi della linea 101 alla fermata Cavour“.

Sarà necessario di base fornire la API KEY del servizio, una coppia di coordinate dell’area del comune (per individuare il comune di Palermo), il numero della linea da monitorare e la fermata per cui si vuole il tempo di attesa (qui la documentazione ufficiale).

Ecco un esempio di query con cURL:

Che darà come risultato qualcosa con questa struttura:

La notizia è appena arrivata (la trovate in basso, nella descrizione di questo dataset) e non abbiamo fatto ancora nessun test serio, ma è un’ottima notizia. Perché avere in modo programmatico i tempi di attesa a una fermata per una linea, può generare servizi di gran comodità per i cittadini e per tutto l’indotto legato ai trasporti.
Almeno per quella parte di città coperta dalle linee per cui il servizio è attivo (chiederemo ad AMAT quali saranno le evoluzioni del servizio).

Creare un’app per smartphone per fotografare dei QR code da mettere in ogni fermata, che fatta la foto restituisca quando passeranno le linee servite, o un’app per Google assistant a cui chiedere “Ok google, quando passa da qui il 101?”, o un bot per Telegram o Facebook Messenger, è a questo punto cosa abbastanza semplice.

Una nota a caldo: chiediamo ad AMAT e al comune di pubblicare via API anche l’elenco delle linee per cui è abilitato questo servizio. Nel tempo cambieranno e sarà essenziale per gli sviluppatori avere un modo per essere avvisati automaticamente di queste variazioni.

A partire dal giugno del 2019 ci sarà il progetto City Compass (grazie Marco Lombardo per la segnalazione) – Piattaforma di gestione e tracciamento in tempo reale flotta autobus e Sistema integrato a servizio del cittadino per la previsione di arrivo dei mezzi di trasporto pubblico –  ma questa è un’altra storia.

HfcQGIS, la guida sulle funzioni del calcolatore di campi di QGIS, ora in formato molto leggibile, grazie a @opendatasicilia

logo_hfc_00

QGIS è uno dei software GIS Desktop più diffusi nel mondo Open Source e non solo. Uno dei suoi strumenti più potenti è il calcolatore di campi, raggiungibile usando il pulsante ‘pallottoliere’ mActionCalculateField anche dalla tabella degli attributi, che consente di eseguire calcoli sulla base di valori di attributo esistenti o funzioni definite, ad esempio, per calcolare la lunghezza o l’area delle caratteristiche geometriche. I risultati possono essere scritti in un nuovo campo di attributo, un campo virtuale, oppure possono essere utilizzati per aggiornare i valori in un campo esistente. Questo è, in breve, il calcolatore di campi di QGIS: uno strumento molto potente, versatile e ricco di funzioni/espressioni.

field_calc_rapida1
Tabella attributi in QGIS
barra_attributi
Barra degli strumenti in QGIS

HfcQGIS è un manuale che spiega come usare il calcolatore di campi e le relative funzioni/espressioni; nasce per rispondere alle numerose richieste di aiuto sull’uso del calcolatore di campi e per colmare un vuoto sulla guida online di QGIS con esempi e molti screenshot.

Il manuale, realizzato in GitHub (qui articolo di lancio), è apprezzato da molti utenti ma è poco utilizzato da chi non conosce la piattaforma GitHub che potrebbe risultare antipatica; per ovviare a questo inconveniente, Giovan Battista Vitrano ha avuto l’idea di realizzare un manuale più user friendly e ispirato da Ciro Spataro e dalla sua guida su RTD (Read the Docs) siamo riusciti, grazie al supporto di Andrea Borruso, a creare HfcQGIS in RTD by @OpendataSicilia utilizzando come sorgente il repository in GitHub. Questo lavoro ha portato molti benefici alla leggibilità e soprattutto fruibile da tutti e con qualsiasi strumento (PC, tablet, smartphone).

Vediamo brevemente come è organizzata la guida in RTD:

da PC:

Pagina iniziale sito RTD

sulla sinistra la sidebar con il menu principale e il campo per la ricerca (molto potente):

sidebar e campo ricerca

esempio di ricerca: Buffer

Ricerca funzione Buffer

sulla destra, troviamo:

Interfaccia interattiva
  1. in alto centrale la breadcrumb (o filo di Arianna o percorso di Pollicino) per tener traccia della posizione in cui ci si trova nel documento (molto utile);
  2. in alto a destra il tasto GitHub che permette di collegarsi direttamente al file, nel repository, della sorgente della pagina; molto utile per segnalare problemi ed altro;
  3. sulla destra centrale, la barra per la condivisione social, molto utile per la divulgazione del documento (usatelo!!!);
  4. in basso a destra un utile bottone per ritornare in alto.

da Smartphone:

Smartphone
  1. in alto a sinistra le tre lineette permettono di accedere al menu (immagine centrale è il menu con ricerca);
  2. in basso la barra di condivisione social (usatela!!!);
  3. in basso a destra, cerchietto arancione con freccia, permette di ritornare il alto alla pagina.

Il logo di QGIS è stato realizzato da Anita Graser (QGIS Board), l’immagine HfcQGIS è stata realizzata da Salvatore Fiandaca (autore articolo) usando InkSCAPE e il carattere Trueno Bold. I colori utilizzati nel RTD sono fedeli alla Visual Style Guide di QGIS.


OSSERVAZIONI:

Questa guida NON sostituisce il manuale online di QGIS, cerca solo di rendere più facile la comprensione dello strumento!!!

Per visualizzare e consultare correttamente i contenuti di HfcQGIS sono necessari:
Risoluzione video desktop: Pc con scheda video SVGA. Monitor a risoluzione minima di 1024×768 pixel con almeno 65.536 colori.
Mobile: Risoluzione minima di 360 x 640 px (modello di riferimento Sansung Galaxy S3).
Browser: HfcQGIS è ottimizzato per Microsoft Internet Explorer Versione 11.0 e successive, Microsoft Edge versione 25.1e immediatamente successive, Mozilla Firefox versione 50.0 e successive o Chrome versione 40.0 o successiva, Opera versione 48.0 o successiva Safari versione 9.0 o successiva.

Video dimostrazione:

Video demo in 150 secondi:

Utilizzare gli Open data…”in sicurezza”

È ormai da un anno e mezzo che per lavoro mi occupo di sicurezza negli ambienti di lavoro. Gestione, progettazione ed implementazione dei migliori strumenti tecnici sono quei punti chiave atti ad adeguare le aziende alle norme vigenti, in modo tale da ridurre al minimo gli eventuali infortuni e morti nei luoghi di lavoro. Questa nuova esperienza lavorativa, e l’assiduo interesse per gli open data, ha prodotto in maniera quasi del tutto naturale l’idea di coniugare i due temi.

La concretizzazione di questa idea è stata resa tale dalla pubblicazione dei dati aperti da parte dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL).Sul portale dell’INAIL si può infatti trovare una pagina dedicata alla pubblicazione dei dati aperti. Tali dati forniscono due tipologie di informazioni: una inerente al processo organizzativo/gestionale dell’Istituto, l’altra inerente la gestione dei fenomeni di cui si occupa l’Istituto (infortuni e morti nei luoghi di lavoro).

Sfruttando la seconda tipologia dei dati, si è pensato di creare un’infografica, focalizzando l’attenzione sulla regione Sicilia.
L’obiettivo principale di questo strumento è quello di monitorare l’andamento delle morti e degli infortuni denunciati nei luoghi di lavoro, ma il fine ultimo è quello di sensibilizzare la collettività (datori di lavoro e lavoratori). Una presa visione dei dati reali deve essere infatti l’input per una maggiore consapevolezza sul tema della salute e sicurezza dei lavoratori.

In collaborazione con Monica Meschis  i dati raccolti vengono rappresentati con cadenza mensile tramite un’infografica che fornisce le seguenti informazioni:

  • N. Infortuni/Morti totali
  • N. Infortuni/Morti per capoluoghi di provincia regione Sicilia
  • N. Infortuni/Morti per fasce di età
  • N. Infortuni/Morti per sesso

Parallelamente, dall’inizio di quest’anno, il progetto è stato implementato con la realizzazione di un’altra infografica che rappresenta il confronto, dei soli dati complessivi, con l’anno precedente del mese preso in oggetto.

Per estrarre i valori aggregati di insieme il software utilizzato è Microsoft Excel ( i dati vengono pubblicati sul sito dell’INAIL in formato CSV, XML, RDF ed in formato PDF), mentre le infografiche sono state realizzate con l’ausilio di Adobe Illustrator.

Sulla base dell’esperienza dei dati raccolti per la regione Sicilia, l’obiettivo futuro è quello di poter fornire un’ulteriore scrematura con riferimento alle mansioni, e di poter ampliare il progetto anche su altre regioni italiane.

Gli attuali aggiornamenti periodici possono essere consultati su Twitter tramite l’hashtag #OpenDataSicurezzaLavoro (o #OpenData #SicurezzaLavoro o sul profilo @pepperinella) o su Linkedin seguendo il profilo @GiuseppeRinella

Sull’organizzazione del raduno di Open Data Sicilia 2018

Ogni anno Open Data Sicilia organizza due eventi sul territorio siciliano, uno in estate e uno in inverno, nei quali vengono coordinate giornate di confronto, incontri formativi e workshop ad accesso gratuito, gruppi di lavoro e di sviluppo progettuale per lavorare sugli open data.

Quest’anno la scelta della location del raduno è stata fortemente influenzata dall’intenzione di voler organizzare al Palazzo dei Normanni di Palermo, sia il raduno classico Open Data Sicilia, sia l’OpenARS Hackathon, cioè un’iniziativa di civic hacking collaborativa che ha come obiettivo quello di promuovere il riuso, da parte della comunità degli sviluppatori, giornalisti, studenti, etc, dei dati dell’Assemblea Regionale Siciliana, relativi alla istituzione e all’attività parlamentare.

Analogamente a quanto fatto nell’Hackathon code4italy sui dati aperti della Camera, organizzato a Montecitorio nel 2014, l’obiettivo dell’iniziativa OpenARS Hackathon è aumentare la conoscenza dei dati aperti parlamentari siciliani, mostrare a una platea ampia perché gli open data sono così importanti, soprattutto in un settore chiave come quello legislativo.

I dati aperti, infatti, sono lo strumento abilitante per eccellenza, per tutte quelle iniziative relative al monitoraggio, alla trasparenza, alla partecipazione civica e all’ open-government in generale.

Per poter instaurare un confronto con l’ARS abbiamo inviato giorno 30/05/2018 questo testo al presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, on. Gianfranco Miccichè e a tutto il consiglio di Presidenza.

Siamo stati contattati dall’on. Giancarlo Cancelleri prima e dall’on. Claudia La Rocca dopo e, dopo una fase interlocutoria, abbiamo concordato un primo incontro all’ARS giorno 27 giugno 2018.

E’ un primo passo importante perché pensiamo che l’ARS sia la giusta sede per la diffusione di un progetto che riteniamo di estrema importanza per la collettività.