Sicilia | Infografiche vaccini covid19

La Regione Sicilia ha pubblicato in opendata il dataset  “target e vaccinati per comune e fasce di età.

Fonte: COVID-19 vaccini Sicilia: target e vaccinati per comune e fasce di età – Dataset – Portale open data della Regione SicilianaOrdinanza n. 75 del 7 luglio 2021 | Regione Siciliana

Quando i dati sono disponibili (open, machine readable e con la licenza giusta) ciascuno di noi può dare libero sfogo alle proprie competenze e alla propria fantasia per far parlare quei dati al meglio, scegliendo o creando la rappresentazione che ritiene più efficace per evidenziare quelli che si ritengono gli aspetti salienti. Ed ecco che, com’era prevedibile, la nostra community non si è fatta attendere e si è attivata subito per tradurre quei dati nelle dashboard che a seguire vi presentiamo.

Dashboard realizzata da: Guenter Richter


Dashboard realizzata da: Giovan Battista Vitrano

Ogni elemento dei grafici è cliccabile e può essere usato anche come filtro.


Dashboard realizzata da: Salvatore Fiandaca


Dashboard realizzata da: Dennis Angemi


Dashboard realizzata da: Gabriele Scalici

InformaCOVID, il Kit di Comunicazione Efficace per il tuo Comune

La comunità di Open Data Sicilia è lieta di invitarti alla presentazione del progetto “InformaCOVID – il Kit di Comunicazione Efficace per il tuo Comune, che si svolgerà online martedì 25 maggio alle ore 17

Open Data Sicilia ha aderito sin da subito alla campagna #datibenecomune, unendosi alla richiesta di rendere disponibili, aperti, interoperabili (machine readable) e disaggregati tutti i dati comunicati dalle Regioni al Governo dall’inizio della pandemia. Questo perché crediamo fortemente che anche i cittadini delle più piccole comunità abbiano il diritto di conoscere i dati che li riguardano e come essi variano nel tempo e di come varia la diffusione della pandemia nel proprio territorio. 

Da queste motivazioni nasce il progetto InformaCOVID, che mette assieme procedure guidate grazie alle quali tutti i comuni potranno avere a costo zero una piattaforma digitale, dinamica e interattiva, che consenta di comunicare i dati COVID in maniera trasparente ed efficace.

Il progetto prevede un pacchetto di strumenti digitali gratuiti e scalabili per tutto il territorio nazionale, in grado di fornire alla cittadinanza un’informazione puntuale e rapida sull’andamento dei dati COVID19 del proprio comune, mediante un sistema informativo di facile utilizzo, fruibile da computer, tablet e smartphone.

InformaCOVID è rivolto principalmente ai sindaci delle città italiane, ma non solo. Associazioni, scuole, testate giornalistiche, praticamente chiunque abbia accesso a dati COVID19 provenienti da fonti ufficiali e autorevoli, potrà utilizzare la piattaforma per informare la cittadinanza.

Se il progetto ti ha incuriosito e vuoi saperne di più, non ti resta che segnare sul calendario la data del 25 maggio e alle ore 17 collegarti qui sotto 👇 

“Red zones” in Sicily: a story of civic hacking

Note: this is a translation of an original piece published by Salvatore Fiandaca on the 10th April 2021. / Questa è una traduzione (più o meno letterale) di un articolo pubblicato da Salvatore Fiandaca il 10 aprile 2021. Thanks to Paola Chiara Masuzzo for translating it into English.


If you live in Sicily and want to know if your city is currently red, i.e. under specific COVID-19 restrictions (Italy uses a colour coded schema), all you need to do is read 197 pages of PDF files published by the regional government.

The official website of Sicily (Regione Siciliana) does not report any list of the cities currently red (which is the highest of the restrictions imposed): this information is trapped within a webpage that collects the so-called ‘ordinanze’ (we will refer to these documents as ‘decrees’ in the rest of this piece), a bunch of PDF files reporting the latest decisions made by the regional government.

This list is not really updated: at noon on the 10th April 2021, the files of the 9th April (number 37 and 38) were still not available.

A possible alternative way to consult these data is the map built by the ‘Dipartimento della Protezione Civile Regionale’, which, however, presents quite some limitations:

  • at 11:30 am on the 10th of April 2021, the map lists several cities that will only become red from the 11th of April, the following day
  • the map does not provide any information on the timeline of the restrictions: since when and until when the city has red zone restrictions; this information is absolutely key, and given the above point, we can’t even be sure that the map provides a precise photo of the current situation
  • it’s impossible, from the map, to go back to the files that delineate the restrictions, their timings, and their scope. It’s crucial to be able to link back this type of data to the raw, official source of information (especially given that this information is provided and published by the local authorities) 
  • the geographic representation of the map alone is not enough: a structured and updated list of files embedding the data represented is nowhere to be found

So, we thought about it: https://tinyurl.com/zonerossesicilia


Note: after the publication of the original post in Italian, the “Dipartimento della Protezione Civile Regionale” has updated its map, corrected it and added the necessary basic information. We appreciate that, it is a nice result of the action of this community.


The documents that list the governmental decisions for the red zones in Sicily (often not even real PDF, but simply the result of the documents scanning) are collected on the official website under the section “SERVIZI INFORMATIVI | ORDINANZE COVID-19”; when this article was written (10th of April 2021), there were 36 of these files. 

PDF files are not the easiest to read, especially if these are images (you can’t even search for text, in this latter case), not from machines, nor from humans, who would be lost in front of a big amount of bureaucratic jargon. So we thought of collecting all the cities in Sicily with red-zone restrictions in a public Google sheet.

The PDF files are on average 7 pages long, the section that contains the useful data is usually in the last two pages:

To remedy to these ugly PDF files (sigh) and make it easier to both create and read maps and structured lists of text, we created a Google sheet where we annotated (after having read every single PDF online from 2021) the cities in red code, together with the time interval, including the possible extension of the restrictions, and a final link to the decree file in PDF.

The main idea is to create a list like the one shown in the screenshot below, allowing these data to become public goods, or, in Italian, ‘bene comune’ (Open Data Sicilia is a big promoter of the running campaign).

What we would like to have is a dataset with at least the following five attributes:

  1. comune, the name of the city as reported in the PDF file
  2. pro_com, the unique, numeric ISTAT code
  3. dataInizio, the beginning date of the red code for the city
  4. dataFine, the end date of the red code for the city
  5. link, the URL of the PDF file.

We read all the PDF of 2021 (28 at the time of writing of this piece) and it took us about one hour, certainly a reasonable amount of time.

After we were done with the sheet, we initiated the second phase, which consisted in rendering these tabular data in a map easily accessible to everyone:

Important to notice, it is possible to download both the entire dataset and the PDF for each city reported directly from the map

Final notes

Creating and publishing an up-to-date list, a CSV file – really, any kind of format of structured text that machines and humans can read – isn’t that much work, but is, first and foremost, a matter of providing a public service to the citizens, a service that is very much needed and due. 

Scanned PDFs prevent text searches and make usability for blind people impossible. In our opinion, these two points alone suffice to say that Sicilian authorities need to do better, but there are also official regulations that point these matters out, like the Digital Administration Code (Codice dell’Amministrazione Digitale, CAD).

These documents must be accessible and usable regardless of personal abilities, according to the accessibility criteria defined by the technical requirements referred in Article 11 of the Law of 9 January 2004, n. 4.

For 2021, 16 out of 28 decrees are scanned.

We therefore ask the Sicilian Region and the ‘Dipartimento della Protezione Civile Regionale’ to create a list of the red areas in the Sicilian territory, readable by people and personal computers, complete with the essential information that we have listed, in which it is also possible to read the temporal changes of the assignments of the restrictions.

Finally, we also urge for a speedy solution of the aforementioned problems on accessibility.

References

The cover image of this piece refers to the situation until the 10th of April 2021, right before the decree number 38 of the 9th of April 2021.

“Il valore dei dati” – il nostro raduno del 2021 – è stato molto bello

Il nostro raduno del 2021, dedicato a “Il valore dei dati“, è stato molto bello (non prendeteci per presuntuosi).

C’è stata tanta qualità, attenzione, cura, leggerezza e tanto piacere nello stare e fare insieme.
Guardando il video registrato e la chat live emerge in modo forte: siamo stati molto bene e abbiamo creato un bel momento dedicato alla cultura dei dati.

A seguire il filmato di circa 9 ore, l’elenco degli interventi con i link per puntare alla porzione che interessa e quello alle slide.

 

YouTube Intervento Slide
00:00:29​ Paola Masuzzo, Introduzione
00:05:03​ Isaia Invernizzi, Un anno di pandemia: l’impatto del datajournalism slide
00:41:33​ Giorgia Lodi, Il progetto WHOW – Water Health Open knoWledge slide
01:00:25​ Maximilian Ventura, SiciliaMedievale.it: WebGIS e LOD slide
01:15:47​ Davide Taibi, Modera
01:18:28​ Martina Anello, Datafactor – dal rumore alla conoscenza slide
01:31:24​ Andrea D’Eramo, Utilizzo di dati pubblici per migliorare il patrimonio informativo delle aziende private slide
01:48:25​ Martino Maggio, Progetto INTERSTAT: un framework per la valorizzazione dei Linked Open Statistical Data slide
02:17:28​ Maurizio Napolitano, Il decreto “di Natale” in chilometri slide
02:39:33​ Donata Columbro, Modera
02:41:11​ Rossana Coro, Umorismo e data visualisation: due passioni inconciliabili? slide
03:00:13​ Angelo Gulina, Atlas Sicilia. Dati per raccontare distanza, differenza e realtà. slide
03:17:58​ Silvia Spacca e Leonardo Zanchi, Cartografia 3D: un viaggio attraverso il tempo e lo spazio, ostacolato dalle licenze slide
03:36:19​ INTERVALLO
04:31:02​ Andrea Borruso, Modera
04:36:19​ Nino Galante, Quale tipo di informazione per il cittadino? slide
04:43:36​ Dennis Angemi, Quale tipo di informazione per il cittadino? slide
04:49:45​ Umberto Rosini, I dati COVID-19, il rapporto con le community, organizzazioni e società civile; l’opportunità di riaffermare la necessità dei dati della Pubblica Amministrazione slide
05:08:35​ Valentina Bazzarin, Dati per contare: dati e indicatori di impatto di genere slide
05:36:53​ Paola Masuzzo, Modera
05:38:31​ Luca Corsato, Fiducia in quantità slide
05:52:27​ Nino Galante, Modera
05:52:57 Ludovica Ioppolo, L’uso dei beni confiscati, oltre gli open data: un focus sui comuni di Palermo e Bari slide
06:09:05​ Roberto Reale, Appalti pubblici e digitalizzazione: a che punto siamo? slide
06:25:03​ Giuseppe D’Avella, I dati sui fondi per la democrazia partecipata in Sicilia (dal progetto “Spendiamoli Insieme”) slide
06:43:48​ Francesca Gleria, Modera
06:44:34​ Andrea Borruso, Analisi automatica della qualità delle risorse contenute nei cataloghi dati slide
07:06:34​ Marco Brandizi, Mettere assieme i dati con la ‘I’ di FAIR, un’applicazione all’agricoltura slide
07:28:34​ Federico Prestileo, Affitti brevi e turismo. Mancanza di trasparenza e approcci di ricerca alternativi slide
07:44:47​ Massimo Zotti e Giuseppe Forenza, Occhio alla Terra slide
08:02:27​ Ciro Spataro, Modera
08:04:33​ Francesco Iannuzzelli, Monitoraggio qualità dell’aria in provincia di Siracusa slide
08:23:11​ Paola Imprescia, Il portale cartografico della Microzonazione Sismica e della Condizione Limite per l’Emergenza: l’accesso ai dati per una migliore pianificazione territoriale slide
08:42:24​ SALUTI FINALI

Al nostro convegno “Il valore dei dati” abbiamo invitato le scuole!

Al nostro raduno su “Il valore dei dati” stiamo invitando le scuole. Non è la prima volta, ma il contesto è diverso e forse questo è l’anno giusto.

La classe docente, le studentesse e gli studenti, sono più consapevoli del valore dei dati. Un po’ perché è diventato un tema quotidiano, ma soprattutto perché è sempre di più parte del programma didattico: sviluppato nelle discipline tecnico/scientifiche, in quelle in cui si impara a raccontare un fenomeno e nell’educazione civica. In modo quindi pienamente “orizzontale”.
E tra i relatori avremo una delle classi del progetto “A scuola di OpenCoesione“.

Questa l’email che stiamo inviando ai dirigenti. Nel redarla ci ha colpito raccogliere i filmati a tema, pubblicati dalla RAI.
Anche questo è un segnale importante.


Gentile Dirigente,
la comunità OpenDataSicilia è da anni tra quelle più attive sul tema dei dati aperti (open data).
Anche quest’anno organizzerà un convegno (online) a tema –  che avrà luogo il 17 aprile – e ci piacerebbe avere la sua scuola tra i presenti.

Il tema dei dati – la loro generazione, accesso, lettura, visualizzazione e soprattutto la loro valorizzazione  – è sempre uno dei temi più caldi: dal punto di vista dei diritti, dell’educazione civica, della ricerca, del giornalismo, del business.

Tutti noi ne siamo contemporaneamente consumatori e produttori, a volte anche in modo inconsapevole. Per questo riteniamo che la partecipazione delle sue classi al convegno possa essere una buona opportunità didattica.

Il programma è molto ricco e tra i temi trattati ci saranno: i dati e l’ambiente, i dati e il business, i dati e la loro visualizzazione, i dati e la trasparenza e ovviamente i dati e la pandemia.

Per seguire il convegno basterà accedere a questo URL YouTube dell’evento live:
https://www.youtube.com/watch?v=QOd1SKzxRqA

Sarà aperta una chat e sarà possibile fare delle domande in diretta a relatrici e relatori.

Nel caso decideste di seguirci, potreste propedeuticamente mostrare alle classi uno o più di questi filmati:

Se pensate di partecipare e dedicare parte della giornata del sabato a questo momento, fateci per favore avere un riscontro per email.

Grazie e buona giornata,

la comunità di OpenDataSicilia

mailing list: https://tinyurl.com/opendatasicilia
Web: http://opendatasicilia.it/
Twitter: http://twitter.com/opendatasicilia
Facebook: https://www.facebook.com/groups/opendatasicilia
Telegram: https://t.me/opendatasicilia

COVID-19 e i comuni siciliani in zona rossa anno 2021

Se sei un/a cittadino/a siciliano/a e vuoi capire se il comune in cui vivi è soggetto a restrizioni, non devi far altro che leggere 197 pagine di ordinanze regionali in PDF.
Sul sito della Regione Siciliana non c’è un elenco dei comuni in zona rossa e questa informazione essenziale è da estrapolare da una pagina con l’elenco delle ordinanze in PDF.
Questo elenco non è tenuto aggiornato rispetto alla pubblicazione di nuove ordinanze: alle ore 12:00 del 10 aprile 2021 non sono presenti ancora le ordinanze 37 e 38 del 9 aprile.

Un’alternativa è la mappa del Dipartimento della Protezione Civile Regionale, che però  ha queste criticità:

  • alle ore 11:30 del 10 aprile 2021, presenta in mappa tanti comuni che saranno in zona rossa da giorno 11 aprile;
  • non dà alcuna informazione sulla data di validità delle restrizioni, che è un dato essenziale e andrebbe reso disponibile in mappa. E visto il punto precedente, non si può nemmeno affermare che la mappa fotografi la situazione corrente;
  • dalla mappa non è possibile risalire alle ordinanze.  È essenziale che da  informazioni di questo tipo – quale area è in zona rossa – sia possibile risalire alla dichiarazione formale di istituzione;
  • è disponibile soltanto la rappresentazione dell’informazione (la mappa), non è disponibile un elenco strutturato e aggiornato dei comuni in zona rossa.

E allora ci abbiamo pensato noi: ▶ https://tinyurl.com/zonerossesicilia

Le ordinanze in PDF per le zone rosse (spesso frutto di scansione) sono raccolte nel sito ufficiale nella sezione “SERVIZI INFORMATIVI | ORDINANZE COVID-19”; a oggi, nel 2021, ne sono state pubblicate circa 36.

I PDF non si prestano a una facile lettura, soprattutto se sono immagini (in questo caso non è nemmeno possibile cercare del testo), da parte di macchine e tantomeno da parte degli umani, in quanto si troverebbero davanti a pagine piene di burocrazia; allora abbiamo pensato di raccogliere tutti i comuni in zona rossa in un foglio elettronico pubblico.

I PDF hanno mediamente 7 pagine, la parte che contiene i dati utili per conoscere i comuni in zona rossa si trova nelle ultime due:

Per ovviare a questi brutti PDF (cit.) e facilitare la lettura e la creazione di mappe e liste di testo strutturato (attualmente non esiste una mappa con metadati e neanche un elenco aggiornato di tutti i comuni attualmente in zona rossa), abbiamo creato questo foglio elettronico, dove abbiamo inserito – dopo aver aperto una ad una tutte le ordinanze del 2021 – i comuni in zona rossa e relativo intervallo temporale, compreso anche di eventuale proroga e link al PDF.

L’idea di base è quella di creare un elenco dei comuni in zona rossa come rappresentato nello screenshot di sotto e fare in modo che questi dati siano un bene comune (OpenDataSicilia è tra le aderenti alla campagna).

Un elenco con almeno questi cinque attributi: 

  1. comune, rappresenta il nome del comune letto nell’ordinanza;
  2. pro_com, codice numerico ISTAT univoco per ogni comune;
  3. dataInizio, data di inizio della zona rossa;
  4. dataFine, data di fine della zona rossa;
  5. link, URL al PDF.

La lettura di tutti i PDF del 2021 (sono 28 ad oggi) ci ha impegnato per circa un’ora, un tempo veramente irrisorio e che può fare chiunque dotato di buona volontà.

Dopo la realizzazione dello sheet, è partita la seconda fase, ovvero, rendere quei dati tabellari una mappa facilmente consultabile da tutti:

Inoltre, dalla mappa è possibile scaricare il dataset completo e l’ordinanza in PDF, comune per comune.

Note finali

Creare un elenco aggiornato, un file CSV – o un qualsiasi altro formato di testo strutturato leggibile da persone e computer – e pubblicarlo, non è un compito oneroso, ma soprattutto darebbe un servizio pubblico ufficiale, essenziale, dovuto e completo ai cittadini.

I PDF pubblicati come scansione impediscono di fare ricerche testuali e rendono impossibile la fruibilità da parte delle persone non vedenti. Questi due punti a nostro avviso sono già un’evidenza forte che dovrebbe portare la Regione Siciliana a fare diversamente, ma ci sono anche delle norme che lo prevedono e in particolare il Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD).
Questi documenti devono essere fruibili indipendentemente dalla condizione di disabilità personale, applicando i criteri di accessibilità definiti dai requisiti tecnici di cui all’articolo 11 della legge 9 gennaio 2004, n. 4.
Per il 2021, 16 ordinanze su 28 sono frutto di scansione.

Chiediamo quindi alla Regione Siciliana e al Dipartimento della Protezione Civile Regionale, di creare un elenco delle zone rosse nel territorio siciliano, leggibile da persone e personal computer, completo delle informazioni essenziali che abbiamo elencato, in cui sia possibile anche leggere le variazioni delle assegnazioni nel tempo.

E sollecitiamo con urgenza e priorità la risoluzione dei suddetti problemi sulle norme di accessibilità

RIFERIMENTI

L’immagine di copertina fa riferimento alla situazione fino al 10-aprile-2021, prima dell’ordinanza n°38 del 09-aprile-2021

Dati falsi sul Covid in Sicilia: la nostra comunità segnalava incongruenze da un anno

In questi ultimi giorni di marzo 2021 si è diffusa la notizia di un’indagine della magistratura su presunte falsificazioni dei dati sulla pandemia da coronavirus in Sicilia, che sarebbero state poste in essere dalla Regione Siciliana (qui un articolo dell’Agenzia Ansa che racconta la vicenda). Sono i dati del monitoraggio che poi, comunicati al ministero, portano a decidere quali sono le restrizioni da applicare in quel territorio (ad esempio se dev’essere zona gialla, arancione o rossa).

Troppo presto per giudicare la questione, ma è importante ribadire che da un anno – praticamente dall’inizio della pandemia – abbiamo cercato di dialogare con Regione Siciliana per segnalare irregolarità nei dati. Questa ricerca costante con verifiche quotidiane è stata portata avanti in particolar modo dal nostro Nino Galante, che in maniera certosina ha cercato ogni giorno di raccogliere i dati ufficiali e compararli, evidenziando difformità di ogni genere: le abbiamo raccontate qui. La Regione o non ci ha risposto o ci ha dato l’idea che il messaggio fosse «non disturbate il conducente». L’ultima richiesta di accesso ai dati l’ha fatta Giuseppe Ragusa appena ad inizio marzo 2021: eccola.

Al di là delle vicende giudiziarie, mi permetto di fare un commento: una cosa che ci sembra agghiacciante di questa storia è il fatto che il dialogo con i cittadini venga percepito talvolta e da alcune persone che lavorano nelle istituzioni pubbliche come una perdita di tempo o una rottura di cabbasisi, direbbe il commissario Montalbano, quando invece ascoltadoci la Regione Siciliana avrebbe notato le incrongruenze e sarebbe forse intervenuta prima per sistemare le cose (e vi assicuro che per vie ufficiali, ufficiose, conoscenze, amicizie, piccioni viaggiatori e chi più ne ha più ne metta, abbiamo cercato di parlarci in ogni modo).

Questa comunità non è qui per gridare «piove, governo ladro» ma per dire «proviamo a dare una mano». Quanti anni dovremo ancora aspettare per avere la possiblità di dialogare con istituzione disponibili ad ascoltare i cittadini? Quante volte dovremo dire ancora – come abbiamo fatto su questa pagina – che i dati pubblici sono un bene comune e noi cittadini abbiamo diritto assoluto di accedervi? Chi lavora nelle istituzioni, è sempre consapevole del fatto che è cittadino/a pure lui/lei? In basso un servizio dell’ottimo Emilio Pintaldi, andato in onda su RTP (Tv messinese) che riavvolge il nastro e racconta in pochi minuti quali sono stati i nostri rilievi.



OpenData in zona rossa: il Comune di Regalbuto apre i dati

Quanti sono i soggetti attualmente positivi nel tuo comune? È quasi impossibile rispondere a questa domanda per la maggior parte dei comuni italiani. 

In questo panorama nazionale nel quale si registra la grande assenza di dati disaggregati con dettaglio comunale, alcune amministrazioni comunali hanno deciso di sposare la campagna #datiBeneComune e rendere open e machine readable i dati relativi ai contagi e alle ospedalizzazioni rilasciando dashboard e files CSV.
Questo è il caso del comune di Villarosa in provincia di Enna (la cui dashboard è disponibile
qui) o del Comune di Regalbuto, il cui sindaco, a seguito dell’istituzione della zona rossa, ha accolto tempestivamente e in modo favorevole la nostra richiesta di pubblicazione di dati aperti, dimostrando che è possibile instaurare un dialogo con le PA. 

Giovedì 18 marzo 2021, infatti, abbiamo inviato quanto segue al sindaco Francesco Bivona:

Gent.mo Sindaco,

alla luce dei recenti avvenimenti e al fine di rendere più trasparente possibile la condizione epidemiologica del nostro comune, ho sviluppato una dashboard (che potrebbe essere inserita nel sito del comune) raggiungibile al seguente link che, non solo offre la possibilità di ricevere una rappresentazione visuale dei dati covid related, ma permette anche di scaricare i dati rispettando gli standard degli open data e quindi in formato CSV e con licenza aperta (CC-BY). L’input dei dati potrà essere effettuato da lei con frequenza giornaliera tramite un form, che ho appositamente predisposto e collegato alla dashboard e ad un foglio di calcolo in modo tale da ottenere una visualizzazione dei dati aggiornata in “tempo reale”. Penso che questo strumento possa essere affiancato alle comunicazioni giornaliere tramite post facebook nell’ottica dell’open government e della massima trasparenza per fornire ai cittadini una panoramica più ampia che il solo dato degli attualmente positivi non riesce a descrivere. […]

Richiesta alla quale è seguito un annuncio in diretta sulla pagina Facebook del sindaco, volto ad informare la comunità regalbutese della pubblicazione della dashboard e dei dati. Durante la diretta sono stati specificati alcuni dettagli del formato CSV, dimostrando una buona propensione all’open government.

Così, giorno 19 marzo lo stesso sindaco ha proceduto alla pubblicazione del seguente post e all’implementazione delle dashboard nel sito istituzionale del Comune di Regalbuto

È fondamentale per i cittadini e le cittadine poter accedere ai dati su cui si basano decisioni politiche, ancor di più se queste decisioni introducono delle misure restrittive particolarmente intense quali l’istituzione della zona rossa.

Rilasciando dati aperti, come affermato dall’attuale Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, si instaura un virtuoso rapporto di collaborazione tra istituzioni e collettività amministrate che veda rispettato il principio di coinvolgimento attivo della cittadinanza e riesca a consolidare la fiducia nelle istituzioni.

Invitiamo pertanto tutte le amministrazioni comunali a prendere seriamente in considerazione l’eventualità di rendere pubblici e machine readable i dati in loro possesso relativi all’epidemia nell’ottica della massima trasparenza, e rinnoviamo la nostra richiesta al Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico della Regione Siciliana che potete trovare qui.

Lettera aperta al Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico per la pubblicazione di dati aperti COVID-19

A distanza di un anno dalla nostra lettera aperta torniamo a chiedere alla Regione Siciliana la pubblicazione dei dati  epidemiologici covid-19 sul territorio siciliano, con dettaglio provinciale e comunale e alla luce di alcune importanti novità.

La richiesta di dati aperti su questi temi è qualcosa di molto sentito: basti pensare alle quasi 50.000 firme raccolte dalla campagna #datiBeneComune, a cui OpenDataSicilia ha aderito da subito. Perché, così come recita il piano triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione 2020-2022:

“dati pubblici un bene comune: il patrimonio informativo della pubblica amministrazione è un bene fondamentale per lo sviluppo del Paese e deve essere valorizzato e reso disponibile ai cittadini e alle imprese, in forma aperta e interoperabile”

Ci rivolgiamo in particolare al Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico (D.A.S.O.E.).

Le Direttive/circolari di riferimento per l’esecuzione e la registrazione dei tamponi in oggetto si trovano pubblicate sul sito del Dipartimento per le attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico https://www.qualitasiciliassr.it/?q=documenti-covid 1

C’è una specifica circolare rivolta a tutte le Aziende Sanitarie Provinciali e ai laboratori accreditati, che dispone circa la “raccolta centralizzata ed informatizzata dei dati relativi ai tamponi molecolari rinofaringei per SARS-COV-2” disponibile al link: https://www.qualitasiciliassr.it/sites/doc/covid/Direttiva_Tamponi_prot._n._40933_del_16-11-2020.pdf

Lo scopo viene indicato nella necessaria soddisfazione di “tutte le esigenze informative della Regione per l’inoltro al Ministero della Salute/Protezione Civile e all’Istituto Superiore di Sanità”. Tale circolare fa riferimento all’applicativo online da utilizzare obbligatoriamente per l’upload dei dati relativi a tutti i tamponi di cui in oggetto, effettuati sull’intero territorio regionale, disponibile al link: https://www.qualitasiciliassr.it/app/anticovid/pages/login.php 1

I dati raccolti in questa modalità sono così nella piena disponibilità del suddetto Dipartimento.  

Pertanto chiediamo al Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico (D.A.S.O.E.) della Regione Siciliana di considerare il diritto dei cittadini siciliani e degli altri portatori di interessi, inclusa la comunità scientifica in generale, ad essere compresi tra i diretti interessati alle informazioni raccolte con tali modalità e nel dettaglio:

  • la pubblicazione con aggiornamento giornaliero e costante dei dati aperti (come definiti dall’art. 1 comma 1-ter del D. Lgs 82/2005 e quindi machine readable, così da essere interpretabili da un computer e da software di analisi e visualizzazione di dati), con dettaglio provinciale e comunale, relativi ai tamponi molecolari rinofaringei per SARS-COV-2. Ciò con riferimento particolare ai campi previsti dal file “T003- tracciato – Esito Tamponi (invio unico)” disponibile al link: https://www.qualitasiciliassr.it/sites/doc/covid/trc/allegato-T003_tracciato.xlsx;
  • la pubblicazione con aggiornamento giornaliero e costante dei dati aperti (come definiti dall’art. 1 comma 1-ter del D. Lgs 82/2005 e quindi machine readable, così da essere interpretabili da un computer e da software di analisi e visualizzazione di dati), con dettaglio provinciale e comunale in particolare di: tamponi (numero dei tamponi processati), esiti (in corso, positivi, negativi, non validi, dubbi), nuovi positivi (numero positivi per la prima volta), totale positivi (attuali positivi), dimessi/guariti, ricoverati con sintomi, ricoverati in terapia intensiva, deceduti, totali casi. Seguendo quindi lo schema dati del Dipartimento di Protezione Civile al fine di renderli comparabili con esso.

Tutto questo ovviamente ad esclusione dei dati personali, quali ad esempio i dati anagrafici o di contatto, nel rispetto delle norme sulla privacy.

Siamo disponibili – se ritenuto utile – a dare un contributo strumentale e di processo per realizzare quanto richiesto.

PS: La redazione di questa lettera aperta muove i passi a partire dagli stimoli di un gruppo di attivisti civici dei Comuni di San Giuseppe Jato e San Cipirello che hanno formalmente presentato la richiesta di pubblicazione dati pochi giorni fa. Grazie!

“Il valore dei dati”: il 17 aprile 2021, il raduno di Open Data Sicilia

Il raduno Open Data Sicilia del 2021 ha come obiettivo quello di fare emergere il valore dei dati

Spesso il motore delle idee e dei progetti che hanno a che fare con i dati,  che le nostre comunità portano avanti, è la constatazione che qualcosa – in questo contesto – non funzioni bene o per nulla.
È certamente un meccanismo utile, che aiuta a cambiare le cose, che spinge a non demordere, ma che con il passare del tempo restituisce la sensazione di un sistema che non evolve.

In questo raduno 2021, invece, vogliamo partire dai dati come fonte di conoscenza, curiosità, entusiasmo. Vogliamo partire dai dati e dal loro:

  • valore informativo / decisionale / democratico (basti pensare al potere dei dati aperti in tempi critici come quelli di una pandemia mondiale);
  • valore economico, che se non attivato diventa una sicura barriera alla loro produzione, cura e utilizzo;
  • valore educativo e ricreativo, perché, diciamolo pure, i dati sono anche e soprattutto divertenti.

Se hai un’idea sui dati aperti, se vuoi imparare a visualizzarli, trasformarli o analizzarli, scoprire un progetto a cui dare un contributo,  partecipa.
La partecipazione è un valore fondamentale della nostra comunità; indipendentemente dalle tue competenze o dai tuoi interessi, se ti iscrivi, se invii una proposta di intervento, ci aiuterai a crescere e “stare bene sul pezzo”.

Il raduno sarà online, il 17 aprile 2021, mattina e pomeriggio (orari ancora da definire). Dopo un discorso di apertura, relatrici  e relatori avranno a disposizione 15’ per presentare il loro intervento, più 5 minuti di domande (tramite chat live). 

Ecco le informazioni utili:

Un po’ di grazie:

Fallo sapere in giro

Puoi farlo con un tweet! (ricordati, l’hashtag è #ODS2021).

Il testo di base per il passaparola è:

E puoi usare una delle 📸 immagini predisposte da Dennis e Angelo: